Ultimo aggiornamento: 13.12.19

 

Prima o poi arriva per tutti quel momento in cui bisogna pulire la propria auto. Vediamo insieme le strategie migliori per interni ed esterni

 

A prescindere che sia nuova o un po’ più datata, una macchina pulita durerà più a lungo, perché non subirà la potente azione corrosiva degli agenti atmosferici come la pioggia, il vento e altri fenomeni meteorologici.

Di tecniche per pulirla ce ne sono diverse, eppure molto spesso c’è qualche passaggio mancato, che non la fa brillare come vorreste. Certo, pulirla significa anche dedicare delle ore della vostra giornata a questa operazione e spesso e volentieri non è sempre possibile per via del lavoro.

Ma se non volete passare il compito al servizio lavaggio auto di un benzinaio, allora scegliete un weekend al mese e munitevi di pazienza, vincete la pigrizia e alla fine godrete dell’ottimo lavoro fatto, oltre a esservi allenati senza volerlo. Ora non resta che scoprire i metodi e i prodotti migliori per pulire sia gli interni e sia gli esterni del veicolo, in modo sicuro e veloce.

 

La pulizia degli interni

Quando parliamo di interni d’auto ci riferiamo ai sedili, al cruscotto, ai vano portaoggetti, al bagagliaio e ad altri spazi più o meno ampi, presenti in ogni autovettura. Prima di passare all’azione, munitevi degli strumenti e prodotti necessari a svolgere un buon lavoro. 

Portate con voi una pezza, uno sgrassatore, del sapone liquido da diluire, un secchio o in alternativa un’idropulitrice e un aspirapolvere. Optate per prodotti adatti alle auto e non per gli sgrassatori universali, che spesso e comunque possono macchiare e graffiare gli interni. 

Quindi comprate una miscela per la lucidatura del cruscotto: adesso potete dare il via alle danze!

 

 

I sedili e i tappetini

I sedili sono quella parte dell’autovettura che spesso e volentieri si macchia con più facilità. Quante volte ci si ritrova a mangiare in auto in compagnia dei propri famigliari o con gli amici? Ecco, in questi casi  il problema è proprio quello di sporcarli in maniera indelebile. 

Un trucchetto può essere quello di acquistare dei buoni coprisedili auto, estraibili e quindi facili da lavare. Ma se non volete spendere altri soldi e vi trovate nella condizione di doverli pulire, allora seguite questi passaggi. 

Eliminate prima lo sporco più superficiale, quindi anche i rifiuti come fazzoletti e biglietti da visita, che si accumulano con il passare del tempo. Togliete anche quegli oggetti che nelle immediate vicinanze possono disturbare la pulizia, come i caricatori per lo smartphone.

Prendete quindi i tappetini e metteteli fuori dall’auto per pulirli in un secondo momento. Con l’aspirapolvere raccogliete tutte le briciole e la polvere, prestando attenzione a passare su tutti gli angoli più remoti del sedile e della zona sottostante. 

Quindi, con un pennello a setole dure, passate sui sedili e, se proprio lo sporco non va via, allora potete anche optare per un trucchetto: cospargere di bicarbonato e lasciare agire per una mezz’ora, passandoci poi nuovamente.

In casi estremi, in commercio si possono trovare anche prodotti spray adibiti a questi utilizzi.

Per quanto riguarda i tappetini, basterà sbattere energicamente, lavarli e lasciarli asciugare per qualche ora, prima di rimetterli al loro posto in auto.

 

Il cruscotto

Il cruscotto è quel pannello interno che copre il sistema di comando dell’autovettura. Quasi per antonomasia, è la zona più delicata dell’auto, ma anche la più facile a sporcarsi e a pulirsi, sebbene necessiti di prodotti specifici che non ne intaccano l’integrità.

La prima cosa da fare è quella di eliminare, per l’appunto, la polvere e la sporcizia accumulata. Potreste utilizzare sia un panno leggermente umido, sia un piumino di quelli casalinghi, per non rischiare di graffiare il pannello.

Per raggiungere fessure un po’ più strette, potete optare per due soluzioni: usare un pennello a setole morbide oppure un compressore portatile, che con l’azione dell’aria spazza via ogni briciola.

Se sulla plancia sono presenti delle macchie o degli aloni, allora è possibile pulire con l’ausilio di detergenti appositi, mai da applicare in modo diretto, ma solo utilizzando un panno morbido e seguendo le indicazioni presenti sulla confezione.

Potreste infine applicare anche uno spray per lucidare la superficie, oppure un film protettivo antistatico contro la polvere, le impronte e lo sporco. Sebbene il materiale di cui è fatto il cruscotto è la plastica e non il legno, prima di finire la pulizia, è possibile ravvivare il colore con prodotto specifici e profumati.

 

La pulizia degli esterni

Dopo esservi dedicati alla parte interna della vettura, potete passare alla parte esterna, quella meno faticosa e anche potenzialmente più facile da pulire. In fondo si tratta solamente della carrozzeria, dei cerchi in lega e dei vetri: la parte più importante tra questi è la prima, perché è quella che sta più a contatto con gli agenti atmosferici e che tende a rovinarsi quindi con più facilità. 

 

 

La carrozzeria, cerchi in lega e vetri

Prima di procedere al lavaggio e pulizia della carrozzeria, è meglio cercare di capire di che tipo di sporco si tratta. Quando la macchina è parcheggiata e piove, può capitare che si macchi di sporco portato dal vento e dell’acqua. 

Ma non c’è solo questo, perché durante la corsa è frequente che nella parte frontale si annidino insetti che, involontariamente, vengono travolti dalla velocità dell’auto. Quindi scegliete prima di tutto i prodotti in base al grado di sporco, senza esagerare nelle quantità.

Quando li avete a portata di mano, il primo step è quello di fare un buon lavaggio dell’auto, magari con un’idropulitrice o una pompa d’acqua. Sciacquatela completamente, ammorbidendo lo sporco con del sapone liquido neutro diluito in un secchio.

Con una spugna togliete i residui sia di shampoo e sia di sporcizia e poi date un ultimo giro di acqua pulita per essere sicuri che la carrozzeria sia priva di prodotti corrosivi. Questo procedimento è valido anche per pulire i vetri e i cerchi in lega, che spesso si sporcano con il fango. 

L’ultimo passaggio, valido sia per carrozzeria e sia per i cerchi, è quello della lucidatura. 

Per eseguirla in modo professionale, avrete bisogno di proteggere con nastro adesivo le parti in plastica e in vetro, poi utilizzare una lucidatrice abrasiva per la rimozione di graffi superficiali e una cera lucidante da passare sulle superfici verniciate.

 

 

Ultimo aggiornamento: 13.12.19

 

Prima di immettersi su strada, ci sono alcuni accorgimenti di cui tener conto per evitare spiacevoli situazioni. Scoprite in questo articolo di cosa si tratta.

 

Che sia inverno oppure estate, se avete intenzione di fare un viaggio in auto, c’è bisogno di seguire alcuni accorgimenti e porre attenzione ad alcuni dettagli apparentemente scontati.

Soprattutto per chi è alla guida, avere un’esperienza confortevole e sicura, permette di non accusare problemi di alcun genere nel corso del viaggio. 

Non è un segreto che le strade italiane ogni anno siano invase da milioni di persone che scelgono di muoversi sulla quattro ruote. Il dato non può spaventare, anche perché l’auto è essenziale per raggiungere il luogo di villeggiatura nel periodo vacanziero ma anche il luogo di lavoro e aiuta a spostarsi con estrema facilità.

Si tratta di una vera necessità, soprattutto nel caso di metropoli come Milano o città come Torino e Bologna. A tal proposito allora abbiamo stilato alcune accortezze da avere e alcuni consigli che possono fare al caso vostro, in modo da migliorare il viaggio sia a voi e sia ai vostri passeggeri.

 

Gli pneumatici

Per quanto concerne i veicoli come le autovetture, il principale sostegno che permette lo spostamento sono le gomme. Queste sono infatti l’unico punto della macchina a contatto con l’asfalto e, perciò, è assai importante averle di buona qualità e non usurate. 

La motivazione non è solamente estetica, ma soprattutto di sicurezza durante la guida. Se la pressione non è adeguata o il battistrada è troppo liscio, si può rischiare di non frenare adeguatamente in casi di emergenza o addirittura di slittare con l’auto su strade bagnate. 

 

 

Per ragioni strutturali, al loro interno è presente dell’aria, i cui livelli vanno misurati almeno una volta al mese e con le gomme fredde, per evitare che l’aria compressa sia più espansa con il calore. 

Tenete sempre a portata di mano il libretto di istruzioni dell’auto, ovvero quel libricino  consegnato al momento dell’acquisto, perché vi serve per avere il dato riguardante la pressione.

Meglio non seguire il proprio istinto in questi casi, perché nella migliore delle ipotesi, uno pneumatico troppo gonfio potrebbe semplicemente forarsi con più facilità, oppure, malauguratamente, scoppiare mentre siete in corsa.

Ritoccare il livello della pressione non è solo pericoloso, ma anche illegale poiché vietato dal Codice della Strada che disciplina, secondo l’art. 167, l’utilizzo e la corretta manutenzione delle gomme.

 

L’aria condizionata

Quante volte è successo di aver lasciato l’auto in sosta o parcheggiata sotto il sole cocente e, al  ritorno, sembrava di essere in un forno? Purtroppo è una situazione che capita a tutti prima o poi, specialmente nella stagione calda. 

Potreste avere anche i migliori coprisedili auto, ma ciò non vi salverà dall’incombenza di questa rovente situazione. Allora un valido accorgimento, oltre quello di parcheggiare in un posto all’ombra con i pannelli parasole, è quello di modificare l’aria condizionata della propria vettura.

È un’alternativa costosa rispetto le altre citate, ma può solo dare beneficio alla vostra guida, soprattutto quando l’unica soluzione è quella di aprire i finestrini per far arieggiare, rischiando che il carburante termini più velocemente. 

Quello che dovrete modificare è solo il getto d’aria non appena viene messa in moto la macchina e acceso il sistema di ventilazione. Valutate anche di tenere le porte aperte per almeno un minuto prima di mettervi in macchina, in modo da compensare l’aria calda interna con quella esterna a una temperatura leggermente più bassa.

 

In base alle temperature

Qualora siate costretti a viaggiare nelle ore più calde della giornata, non preoccupatevi, perché ci sono alcuni consigli anche per voi. Munitevi di un minifrigo da poter tenere in auto e accendere con un semplice cavetto USB. Quindi portate sempre una bottiglia d’acqua non troppo fredda da avere vicino. 

Se viaggiate da soli è un conto, ma se invece siete in compagnia di bambini o animali, fate attenzione alla temperatura del veicolo, a prescindere che sia in corsa oppure fermo. Durante la percorrenza, vi consigliamo di mantenere una temperatura in macchina maggiore di 20° C, senza direzionare i bocchettoni direttamente su di voi.

D’altro canto, anche nelle stagioni più fredde la regola è la stessa: evitare lo sbalzo termico.

 

Una selezione accurata

Siete pronti all’esodo, oppure no? A prescindere che si tratti delle ferie estive o di quelle invernali, uno dei problemi più importanti e sentiti è quello di dover scegliere quante valigie portare con sé.

Spesso però non si tiene conto della mole di bagagli che un veicolo può sostenere e che, soprattutto se in un numero alto, incidono sia sulla velocità dell’auto e sia sul carburante consumato.

Per questo motivo è bene fare una scelta accurata dello stretto necessario, senza ingombrare il portabagagli, finendo per oscurare anche la visione dallo specchietto retrovisore. 

Ricordatevi di controllare le condizioni meteo durante tutto il tragitto e di sostare ogni tanto in autogrill per fare rifornimento e rifocillarvi. Se le temperature sono alte, tenete anche in considerazione di non chiudervi nell’auto immediatamente dopo mangiato. 

Secondo alcuni studi scientifici, mettersi alla guida con temperature uguali o superiori a 35 gradi, equivale ad assumere delle bevande alcoliche, quindi a non essere lucidi. La motivazione? È molto semplice: con le temperature alte, l’afflusso di sangue al cervello viene drasticamente rallentato, traducendosi in una minore prontezza e un più alto rischio di sonnolenza.

 

 

Risparmiare su lunghe tratte

Dell’argomento sicurezza su strada, secondo noi, fa parte anche l’attenzione riservata al risparmio sulle lunghe tratte. Nel corso del tempo, viaggiare con poco gasolio non può che rovinare il serbatoio e anche il vostro portafoglio. 

Un consiglio è allora quello di fare ogni volta il pieno di carburante invece che riempirlo solo con 10 o 20 euro. Si può anche valutare l’opzione di aggiungere prodotti speciali per la manutenzione dei filtri, quindi avendo un carburante più pulito, viaggiando più sicuri.

 

 

Ultimo aggiornamento: 13.12.19

 

Fare un regalo è un modo per dimostrare affetto a una persona: ecco cosa regalare a un accanito automobilista, senza rischiare di sbagliare

 

Per fare una sorpresa con un regalo apprezzato e utilizzabile ogni giorno, ci possono essere diverse soluzioni. Quelle di sicuro interesse e che possono piacere a un automobilista sono tante, molte delle quali uniscono funzionalità e praticità. 

Ma se non avete idea oppure la scelta è ardua, allora date un’occhiata alle dieci tipologie che abbiamo raccolto, per facilitarvi nella scelta del regalo azzeccato. 

 

Coprisedile multifunzione

Si tratta di uno dei coprisedili auto più venduti e tecnologici: uno dei suoi punti di forza è quello di poter inserire il tablet dentro una tasca, rivestita da un’apposita pellicola trasparente e protettiva per il touchscreen, tra l’altro anche facile da pulire.

La garanzia offerta dalle aziende di solito è a vita, perciò non dovrete preoccuparvi qualora si rompesse o ci siano dei difetti di fabbricazione. È adattabile per quasi tutti i tipi di macchine e  consente non solo di intrattenere i più piccoli durante i viaggi, ma anche di proteggere, da eventuali macchie e versamenti di liquidi, i sedili posteriori e il tablet.

 

 

Aspirapolvere wireless

Per una corretta pulizia dell’auto, quello che serve è un aspirapolvere abbastanza potente e preciso. Il modello Bagotte può essere un buon regalo, perché è wireless e con un motore ad alta potenza da 120 W. 

Si possono pulire sia il cruscotto sia i sedili in modo efficace, con una forza aspirante di 5 Kpa e la funzione doppia di uso per il secco e l’umido, quindi anche nel caso in cui si sia versata dell’acqua. 

Possiede tre accessori diversi: una bocca lunga, una spazzola e un tubo morbido lungo, consentendo una vasta gamma di utilizzi e una più completa pulizia anche a casa. Grazie all’impugnatura ergonomica, è tanto semplice quanto comodo da utilizzare, in quanto arriva a toccare anche le aree più difficili da raggiungere, come le parti sotto i sedili o nelle fessure del cruscotto.

 

Supporto smartphone magnetico

Questo tipo di articolo è utilissimo per tutti quelli che sono soliti utilizzare lo smartphone per il GPS o per la musica. Di solito è un modello dotato di quattro magneti uniti su due superfici distinte: una di queste è posizionata dietro il cellulare, mentre l’altra è attaccata sul cruscotto della macchina.

In questo modo, permette di agganciare il cellulare durante la corsa e averlo comunque sott’occhio nel caso di cambi di direzione notificati dal GPS. Quindi oltre che un regalo pronto all’uso e facile, sarà anche un modo per evitare di guidare con una mano impegnata. 

 

Poggiatesta 

Durante la guida su strada è importante avere la giusta posizione, non solo per i passeggeri ma anche e soprattutto per il conducente. Ecco che entra in gioco un’idea regalo semplice ma estremamente comoda: il poggiatesta. 

In pratica, è un cuscino da collo che si blocca sul sedile e che serve a rilassare i muscoli, quindi prevenire il dolore derivante da un’eccessiva rigidità causata da lunghi viaggi. Di solito è realizzato in un tessuto morbido e traspirante, con all’interno la schiuma memory, utile a distendere i muscoli senza rilassarsi troppo, perdendo la concentrazione.

 

Filler per sedile

Quante volte vi è capitato che, mentre eravate alla guida o semplicemente seduti in macchina, il cellulare, il portafoglio o le chiavi cadessero dalla tasca finendo in spazi angusti?

Ecco allora la soluzione: un filler per sedile. Si tratta in pratica di un cuscino lungo e affusolato, realizzato in similpelle, che va inserito nello spazio tra lo sportello e il sedile. 

In questo modo starete comodi perché è morbido, ma anche più rilassati e senza il fastidio di dover recuperare un oggetto finito sotto il sedile.

 

Diffusore di aromi

Quando la macchina è appena stata lavata, esiste una regola non scritta secondo la quale bisogna aggiungere anche il profumatore per rendere più piacevole ogni viaggio. In realtà, i classici oggetti dalle forme più strane, spesso appesi allo specchietto retrovisore, sono ormai fuori moda e tendono a consumarsi velocemente.

Per questa ragione può essere interessante regalare a un automobilista un diffusore di oli essenziali. In commercio ne esistono di diverse tipologie, molte delle quali hanno anche la modalità di purificazione dell’aria interna. Basterà solamente cambiare la boccettina e il gioco è fatto.

 

Sacchetto assorbiumidità

Soprattutto d’inverno e in autunno, quando lo sbalzo di temperatura tra esterno e interno è consistente, capita un fenomeno parecchio fastidioso: l’appannamento dei vetri. Per evitare queste situazioni, in commercio esistono dei sacchetti riutilizzabili, che servono proprio a eliminare l’umidità dagli spazi chiusi, quindi oltre che dalla macchina anche da casa. 

Servirà solo ricaricarlo secondo i diversi metodi che variano in base all’azienda produttrice, ma è l’ideale per tutti gli automobilisti e, soprattutto, per una guida più sicura. 

 

Organizzatore per bagagliaio

Spesso e comunque, anche quando non si devono fare tratte lunghissime, il bagagliaio dell’auto è pieno e caotico. Ma c’è una soluzione anche a questo ed è l’organizzatore richiudibile. 

Non ha un costo eccessivo e può essere facilmente lavato anche in lavatrice, spesso dispone di comparti in un numero da tre a sei e consente di dare un ordine agli oggetti riposti nel bagagliaio. 

Sebbene il materiale di cui è fatto è spesso plastico, è comunque un prodotto resistente e un regalo originale.

 

Casse per auto

Se chi riceverà il vostro regalo è appassionato di musica e ama guidare con delle note di sottofondo, valutate l’idea di regalare delle casse per auto. Quelle di qualità eccelsa sono chiaramente le più costose, ma ci sono soluzioni comunque economiche, che consentono di espandere il suono della radio o del Bluetooth in maniera esponenziale.

Per montarle basterà recarvi da un elettrauto oppure chiedere una mano a un negozio specializzato, ancora meglio se il modello che scegliete ha inclusa la possibilità di connettersi direttamente con lo smartphone.

 

 

Un bel libro

Invece che scegliere un oggetto da sfruttare nell’auto, perché non optare per un bel libro? Se vi sembra un’idea interessante, allora scegliete quelli che trattano di argomenti coinvolgenti.

Ci sono alcuni che analizzano il fenomeno del tuning, ovvero della pratica di modificare legalmente le auto in modo da renderle competitive, attraenti e con più funzionalità. Altri invece, in cui sono raccolte immagini di auto d’epoca o che trattano della storia dell’automobile dal secolo scorso ai giorni nostri. 

Insomma, di argomenti ce ne sono a iosa, servirà solo scegliere quello che può piacere come regalo a un automobilista.

 

 

Ultimo aggiornamento: 13.12.19

 

USB Accendisigari – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

In questa pagina parliamo di caricatori da utilizzare nei veicoli, indispensabili per non rimanere mai a secco di energia per i vostri dispositivi mobili. Compatti, facilissimi da usare, possono integrare alcune interessanti funzioni. Per chi non ha tempo, consigliamo subito di dare un’occhiata a due tra i modelli più apprezzati online: uno è AUKEY Quick Charge 3.0 che supporta la ricarica rapida, permettendo di ricaricare i propri dispositivi quattro volte più velocemente dei caricatori tradizionali (un dispositivo potrà essere caricato all’80% in 35 minuti). L’altro è DIVI Caricabatteria Auto USB, progettato in alluminio per garantire la massima resistenza e con pratiche luci LED che aiutano a trovare le porte USB anche al buio.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior USB accendisigari?

 

Ormai non ci si può proprio separare dai propri smartphone e tablet, dispositivi che con le loro varie applicazioni e la connessione ad internet consumano davvero molta batteria. Per tenerli sempre in carica anche mentre si è in macchina, non c’è niente di meglio che un buon USB accendisigari. Sul mercato si possono trovare diversi modelli, per questo consigliamo di leggere la recensione di quelli presenti nella nostra classifica per poter confrontare i prezzi e i vantaggi. Qui di seguito si troveranno anche dei preziosi suggerimenti su quali caratteristiche cercare in un USB accendisigari.

Velocità

Uno dei fattori principali da considerare prima di acquistare un USB accendisigari è la velocità con la quale riuscirà a ricaricare i propri dispositivi. Questa viene determinata principalmente dai mAh che servono ad indicare la potenza di carica. Ad esempio un USB accendisigari con minimo 3.000 mAh potrà caricare rapidamente smartphone, tablet e altri dispositivi. Visto che il prezzo degli USB accendisigari è solitamente molto basso, conviene indirizzarsi verso un prodotto dalle buone performance.

Per una rapidità di carica maggiore, si potrà optare per un modello della migliore marca con un socket capace di riconoscere automaticamente il dispositivo collegato e fornirgli la giusta quantità di carica. In questo modo anche un tablet dotato di grande autonomia potrà essere pronto all’uso in pochissimo tempo.

 

Dimensioni

Come si evince dal nome, l’USB accendisigari va collegato alla presa da 12 o 24 volt del proprio veicolo, per questo bisogna valutare le dimensioni dell’articolo desiderato in modo da creare il minimo ingombro. Solitamente i caricabatterie per auto con una o due porte USB sono abbastanza compatti, per questo possono essere collegati e riposti senza occupare troppo spazio.

Nel caso si necessiti di più porte USB allora si dovrà optare per un modello più grande. Allo stesso modo si potranno trovare in commercio dei caricatori con prese DC ideali per attaccare elettrodomestici o altri dispositivi come PC portatili. Questi modelli sono consigliati per chi possiede un camper o un mezzo di trasporto di grandi dimensioni, dato che risultano abbastanza ingombranti.

 

 

Compatibilità e sicurezza

Non tutti gli USB accendisigari sono compatibili con la presa da 12 volt, infatti alcuni modelli possono essere collegati esclusivamente a quella da 24 volt. Per questo invitiamo i nostri lettori a fare attenzione prima di acquistare un modello. Allo stesso modo, si dovrà controllare sulla scheda del prodotto la lista della compatibilità con i dispositivi portatili, specialmente nel caso si possiedano smartphone e tablet Android o iOS di ultima generazione.

Per quanto riguarda la sicurezza, si potrà cercare un USB accendisigari che abbia sistemi integrati per la prevenzione contro sovraccarichi, corto circuiti o cali di tensione che possono danneggiare la batteria dei dispositivi in carica. Può tornare molto comodo anche un modello con un mini-display dove viene visualizzato lo stato della batteria in modo da poter staccare il dispositivo una volta che la carica viene completata al 100%.

 

I 3 Migliori USB Accendisigari – Classifica 2019

 

Nei nostri consigli d’acquisto abbiamo fatto chiarezza sulle caratteristiche da conoscere per sapere come scegliere un buon USB accendisigari. Nella prossima sezione della guida si troveranno le recensioni dei modelli venduti online che abbiamo inserito nella nostra classifica, selezionati in base al loro rapporto qualità-prezzo e al gradimento degli utenti. Consultandole sarà possibile effettuare una comparazione tra le offerte e comprare il miglior USB accendisigari per le proprie esigenze.

 

 

1. AUKEY Quick Charge 3.0 Caricatore per Auto di Due Porte

 

Si tratta di un caricatore di grande successo, molto apprezzato dagli utenti. Uno dei motivi è che supporta la ricarica rapida Qualcomm Quick Charge 3.0 che permette di ricaricare il proprio dispositivo fino a quattro volte più velocemente di un modello tradizionale. Non solo: il proprio dispositivo potrà essere ricaricato all’80% in soli 35 minuti.

Naturalmente il caricatore è compatibile anche con le versioni precedenti Qualcomm Quick Charge 2.0 e 1.0 e con gli apparecchi che non supportano questa tecnologia. Questo Auckey non può caricare invece dash cam e navigatori.

Un altro vantaggio di questo modello è la presenza di due porte USB che consentono di caricare contemporaneamente due dispositivi.

Il caricabatterie integra la tecnologia AiPower che riconosce automaticamente i dispositivi collegati fornendo esattamente l’energia di cui hanno bisogno. Come tutti i migliori modelli, anche questo presenta tutte le necessarie protezioni da sbalzi di correnti, sovratensione e altro.

Ecco in breve le caratteristiche del nuovo Auckey, estremamente apprezzato dagli utenti: non poteva mancare nella nostra guida per scegliere il miglior USB accendisigari.

 

Pro

Quick Charge 3.0: Il caricabatterie supporta la ricarica rapida Qualcomm Quick Charge 3.0 che consente di ricaricare il dispositivo quattro volte più velocemente di un caricatore normale. Con soli 35 minuti di ricarica, il dispositivo si carica dell’80%.

Due USB: La presenza di due porte USB permette di ricaricare contemporaneamente due dispositivi con la ricarica rapida.

AiPower e protezioni: La tecnologia AiPower alimenta in modo intelligente i diversi dispositivi collegati. Il caricabatterie è protetto in caso di cortocircuiti e sbalzi di tensione.

 

Contro

GPS e dash cam: Il caricabatterie non supporta la ricarica delle telecamere per auto e dei navigatori.

Acquista su Amazon.it (€14.99)

 

 

 

2. DIVI Caricabatteria Auto USB, 4.8A

 

Il caricabatterie DIVI colpisce per i suoi materiali di ottima fattura. Il rivestimento in alluminio gli conferisce una grande resistenza e durevolezza nel tempo, inoltre il chip di protezione previene sovraccarichi, il cortocircuiti e surriscaldamenti, così sarà possibile utilizzarlo evitando qualsiasi danno al dispositivo collegato. 

Per quanto riguarda la ricarica, sarà possibile collegare ben due dispositivi contemporaneamente. Ciascuna porta USB dispone di 2,4 A di potenza, più che sufficienti per effettuare una ricarica in breve tempo. Le due porte sono illuminate da LED che consentono di trovarle anche in condizioni di scarsa visibilità. 

Il prodotto è compatibile con la maggior parte degli smartphone e tablet prodotti dalle marche più famose come Huawei e Samsung, ma potrebbe non funzionare nel caso la presa accendisigari del veicolo sia troppo corta.

 

Pro 

Componenti: Resistenti ed affidabili, conferiscono al prodotto una buona durevolezza nel tempo. Il chip di sicurezza previene qualsiasi rischio di sovraccarico, surriscaldamento e corto circuito durante la ricarica.

Potente: Con 4,8 A di potenza complessiva, sarà possibile caricare velocemente i dispositivi collegati. Ogni porta dispone di 2,4 A ed è illuminata da un LED che aiuta a trovarla anche in condizioni di scarsa visibilità.

Dimensioni: Le misure ridotte dell’articolo consentono di riporlo nel vano portaoggetti del veicolo o in borsa senza occupare troppo spazio.

 

Contro 

Compatibilità: Non è adatto per veicoli con la presa accendisigari troppo corta, in quanto potrebbe non entrare completamente e quindi non funzionare. 

Acquista su Amazon.it (€11.75)

 

 

 

3. RAVPower Extra-Mini Alluminio Caricabatterie Auto 2 Porte, 24W

 

Si tratta di un modello che ha riscosso il gradimento di tantissimi consumatori perché fa quello che deve fare (ricaricare dispositivi) a un prezzo davvero imbattibile, l’ideale per chi cerca il massimo risparmio.

Nonostante il prezzo così basso, il caricabatterie è dotato di due porte USB per poter ricaricare due dispositivi contemporaneamente, e di ricarica intelligente iSmart per rilevare automaticamente i vari dispositivi, fornendo la giusta quantità di energia a ognuno e accelerando i tempi di ricarica.

Parliamo comunque di un modello che non supporta la ricarica rapida Qualcomm Quick Charge. Non manca invece la protezione da sbalzi di corrente e cortocircuiti.

È un caricatore particolarmente compatto (misura solo 6 x 2,4 x 2,4 cm), disponibile in tre colori diversi, tutti molto gradevoli, ed è anche molto resistente grazie alla scocca in alluminio.

Piccolo ed economico ma ugualmente apprezzato dai consumatori: ecco il RAVPower Extra-Mini in alluminio.

 

Pro

Prezzi bassi: Si tratta del dispositivo di gran lunga più economico presente nella nostra classifica. Se volete risparmiare, dategli un’occhiata.

Due USB: Costa poco, è piccolo, ma anche qui non mancano le due porte USB per caricare contemporaneamente due dispositivi.

Protezioni: Il caricabatterie è protetto da sbalzi di tensione e cortocircuiti. Solido perché realizzato in lega di alluminio, ha la tecnologia iSmart che rileva automaticamente i diversi dispositivi, fornendo loro la carica adeguata.

 

Contro

Ricarica rapida: Questo RAVPower Extra-Mini non supporta la ricarica rapida.

Acquista su Amazon.it (€9.99)

 

 

 

Come utilizzare un USB accendisigari

 

Visto che ogni auto, dalle più datate a quelle più moderne e tecnologiche, dispone di una presa accendisigari, perché non sfruttarla collegando un apparecchio pratico e funzionale come un caricatore USB?

Smartphone, tablet e computer… con un buon USB accendisigari ogni dispositivo mobile potrà essere caricato in macchina, un enorme vantaggio soprattutto per chi è costretto a viaggiare spesso per lavoro ma anche per chi è semplicemente alla ricerca di un buon caricabatterie sostitutivo per il proprio device.

 

 

Amperaggio e voltaggio

A incidere maggiormente sul funzionamento e sull’efficienza del prodotto sono l’amperaggio e il voltaggio, ed è chiaro che più alti saranno tali valori minore sarà il tempo che l’apparecchio impiegherà per ricaricare completamente il dispositivo mobile collegato.

Partendo dal presupposto che la maggior parte delle prese accendisigari è in grado di erogare 10 Ampere, con una tensione in uscita dai 12 ai 24 Volt, acquistare un caricabatterie USB economico con un amperaggio di 0.5A potrebbe tradursi in tempi di ricarica piuttosto lunghi.

Ovviamente tutto dipende anche da cosa si vuole caricare, ma generalmente la media a cui far riferimento dovrebbe essere tra 1A e 2.4A.

Se, poi, il vostro dispositivo è compatibile con la tecnologia di ricarica rapida Quick Change 3.0, che riesce a portare l’intensità della corrente fino a 3A, sarà possibile ridurre ulteriormente i tempi di ricarica.

 

Le porte USB

Come già accennato in precedenza, le normali prese accendisigari riescono ad erogare fino a 10 Ampere, un valore che dà la possibilità all’utente di poter caricare anche più dispositivi mobili contemporaneamente. Proprio per questo esistono caricatori auto dotati di più porte, anche se in genere si preferiscono quelli con due o al massimo tre connettori, utilizzando tranquillamente il normale cavetto USB in dotazione al proprio cellulare o tablet.

Tuttavia, in questi casi vi consigliamo di scegliere un modello con una potenza abbastanza elevata, in modo da fornire energia sufficiente a tutti i device collegati simultaneamente. I prodotti più performanti riescono a raggiungere anche gli 80 watt di potenza, così da riuscire ad alimentare non solo i comuni smartphone ma anche dispositivi più dispendiosi, come navigatori GPS e PC portatili.

Inoltre, in virtù del fatto che molti congegni elettronici hanno dei limiti di assorbimento di energia, un’altra caratteristica interessante è la funzione di ricarica intelligente (tecnologia AIPower), attraverso la quale l’apparecchio riesce a riconoscere i diversi device collegati, anche nello stesso momento, fornendo a ciascuno la potenza massima che è in grado di gestire.

 

 

Dimensioni e adattabilità

Le dimensioni di un USB accendisigari variano da modello a modello, ma il più delle volte si tratta di accessori molto piccoli e compatti per non risultare di eccessivo ingombro una volta collegati e per riuscire a riporli comodamente dopo l’uso anche nel cruscotto, senza occupare troppo spazio.

Per quanto concerne la compatibilità, in quasi tutti i prodotti reperibili in commercio è possibile trovare lo standard Micro USB, adattabile quindi alla maggioranza dei dispositivi mobili attualmente in circolazione. Nel caso di smartphone e tablet iOS di ultima generazione sarà necessario, invece, optare per un caricatore specifico che supporti la connettività Lightning.

In ogni caso, vi suggeriamo sempre di leggere con attenzione la scheda tecnica del prodotto in modo da essere sicuri che il modello sia compatibile con il proprio dispositivo portatile.

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

GRK® Mini caricatore

 

Il modello di GRK ha convinto diversi consumatori con le sue caratteristiche e le sue performance, per questo lo abbiamo inserito tra i migliori USB accendisigari del 2019. Il socket 3.1 del prodotto è dotato di un’uscita smart in grado di riconoscere il dispositivo collegato e fornire la giusta carica.

Oltre a velocizzare il processo di caricamento, questa caratteristica proteggono i dispositivi da eventuali cortocircuiti e sovraccarichi. Colpisce anche l’elevata compatibilità del prodotto, utilizzabile con smartphone e tablet di ultima generazione Samsung, Blackberry, Sony, HTC e iOS tra gli altri.

Il caricatore ha un display LCD sul quale sarà possibile visualizzare lo stato di carica del dispositivo collegato, così da poterlo controllare anche mentre si guida senza troppe distrazioni. Le due porte permettono di caricare più di uno smartphone o tablet, ideale quando si viaggia in coppia. L’unico problema è che potrebbe essere un po’ ingombrante, anche se questo fattore dipende molto dalla posizione dell’accendisigari nel proprio mezzo.

Dai pareri raccolti, il dispositivo offre un adeguato supporto attraverso le due prese USB di cui è dotato. Di seguito un’analisi più dettagliata, con un link a fine articolo su dove acquistare.

 

Pro

Display: Grazie a una finestra digitale di dimensioni contenute, l’utente ha sotto costante controllo lo stato di carica del supporto collegato. Si tratta di una scelta in primo luogo pratica, che permette di vedere senza eccessive distrazioni il tempo restante.

Pratico: Sfruttando la tecnologia iSmart il supporto riconosce il dispositivo collegato, così da adattare al meglio la fase di ricarica.

Versatile: L’alta compatibilità permette di collegare non solo smartphone ma anche tablet di diversi marchi, come Samsung, iPhone e Asus, non dimenticando poi anche i sistemi GPS.

 

Contro

Grandezza: Alcuni utenti hanno notato dimensioni superiori alla media e una ridotta praticità d’uso per collegare il supporto.

 

 

CSL – 3100 mAh Caricatore/Adattatore da auto

 

Su un rapporto di qualità-prezzo questo modello di CSL risulta tra i più venduti, inoltre si fa notare per la sua elevata potenza. Arriva fino a 3.100 mAh per una carica ad alta velocità di due dispositivi contemporaneamente che potranno essere collegati alle apposite porte USB del caricatore.

L’installazione del prodotto è intuitiva, basta collegarlo alla presa da 12 o 24 volt, inoltre le dimensioni compatte permettono di attaccarlo senza ingombrare troppo spazio cosa che lo rende ideale anche per le utilitarie.

La compatibilità è davvero alta, infatti tra la lista dei dispositivi che possono essere ricaricati ci sono anche Samsung, iPhone, HTC e Huawei. A livello di sicurezza dispone di una protezione intelligente dal sovraccarico e dal corto circuito che salvaguarda i propri dispositivi durante la ricarica.

Il modello CSL trova il suo posto all’interno di una guida per scegliere il miglior USB da accendisigari. Scopriamo insieme pro e contro

 

Pro

Potenza: 3.100 mAh non sono una dotazione da poco e il risultato in termini pratici lo si vede dalla rapidità con cui si riesce a ricaricare anche due dispositivi contemporaneamente.

Linea: L’oggetto si collega in modo intuitivo e non perde la ricarica durante il tragitto. Anche sul fronte del design il tutto è compatto e ben raccolto, senza interferenze durante la guida.

Sicurezza: Un sistema di protezione interno riduce al minimo il rischio di cortocircuiti e sovraccarichi, isolando dispositivo e collegamento in caso di problemi.

 

Contro

Rapidità: Alcuni utenti avrebbero gradito maggiore rapidità, specie una volta collegato il dispositivo alla presa da 24 volt.

 

 

Avantek R23

 

Magari non è modello più economico o il meno ingombrante sul mercato, ma chi ha bisogno di prese DC da portare in camper o in macchina potrà rimanere molto soddisfatto dalla presa di Avantek.

Dispone di ben tre prese DC che possono tornare molto utili per collegare piccoli elettrodomestici, il navigatore satellitare o un PC, inoltre sulla parte superiore del prodotto si trova una porta USB grazie alla quale si potranno caricare smartphone e tablet. Questa è compatibile con iPhone e Android, tablet e altri dispositivi come macchine fotografiche digitali.

I materiali del prodotto sono di ottima fattura, con cavi in rame e circuiti di protezione che prevengono eventuali sovraccarichi, surriscaldamenti e corto circuiti. Il prodotto dispone di una superficie a ventosa che aderisce su superfici piane e lisce, in modo da poterlo tenere ben saldo mentre si collegano gli oggetti più pesanti.

Non è il modello più economico che il mercato ha da offrire ma ha raccolto consensi e si è ritagliato la sua schiera di appassionati.

 

Pro

Tre prese: L’inserimento di ben tre collegamenti di tipo DC o a corrente continua. Dai pareri degli utenti, una volta collegato un computer o piccoli elettrodomestici il supporto lavora bene e senza intoppi.

Costruzione: I collegamenti in rame e la struttura esterna risultano resistenti il giusto e con un alto indice di protezione. Proteggono infatti dal rischio di cortocircuiti o sbalzi improvvisi di corrente che possono compromettere quanto collegato.

Versatile: Nella parte superiore dell’oggetto troviamo anche una presa USB. Una scelta dettata dalla possibilità data agli utenti di collegare anche altro, come l’onnipresente smartphone.

 

Contro

Tenuta ventosa: Alcuni utenti non hanno gradito la base a ventosa, a loro dire poco funzionale su alcuni mezzi o cruscotti.

 

 

Aukey ITA34068

 

Aukey presenta spesso dei dispositivi molto utili ad un prezzo ragionevole, come questo caricabatteria da auto USB che potrà tornare molto utile a chi viaggia spesso.

Basterà metterlo nella porta da 24 volt ad incasso del proprio veicolo per poterlo attivare, collegando i dispositivi da ricaricare nelle apposite porte USB. A differenza di altri modelli, questo non è compatibile con le porte accendisigari da 12 volt, cosa che lo rende compatibile solo con alcuni tipi di automobili o camper.

Per quanto riguarda i dispositivi collegabili, si potranno utilizzare smartphone o tablet Android e Apple, anche contemporaneamente vista la presenza del doppio ingresso USB. Il costo davvero economico è il valore aggiunto del dispositivo.

Il nuovo di casa Aukey promette e mantiene, con una velocità di caricamento che ha convinto i più. Analizziamo di seguito i lati positivi e le eventuali problematicità.

 

Pro

Rapporto qualità/prezzo: Il costo del supporto si mantiene ben equilibrato, tra una realizzazione costruttiva di buon livello e un prezzo al pubblico mediamente inferiore alle controparti in commercio.

Ampia copertura: Dispositivi con sistema operativo Android o prodotti di marca Apple non hanno difficoltà a venire ricaricati. Il supporto li riconosce in poco tempo e si mette subito all’opera.

Compatto: Le dimensioni ridotte ne fanno un comodo e discreto caricatore, da riporre in una zona sicura del mezzo senza attirare sguardi indiscreti. SI fissa con poche e semplici mosse, permettendo a chiunque di utilizzarlo al meglio e secondo necessità.

 

Contro

Non per tutti: Il tipo di collegamento a 24 volt esclude quei mezzi che dispongono di una presa accendisigari con una tensione di soli 12 volt.

 

 

Ewent EW 1203

 

Chi vuole davvero risparmiare, ma non sa quale USB accendisigari acquistare potrà optare per questo modello di Ewent, venduto ad un prezzo molto conveniente. Si collega a porte da 12 e 24 V ed è in grado di caricare velocemente smartphone e tablet con sistema operativo iOS e Android.

La doppia porta USB consente di collegare due dispositivi contemporaneamente, molto utile nel caso si viaggi in compagnia. Il fusibile elettronico all’interno del caricatore è dotato di una protezione contro il sovraccarico e il surriscaldamento che proteggono i dispositivi collegati da eventuali danni durante la ricarica.

Gli utenti si sono detti abbastanza soddisfatti, anche se qualcuno avrebbe preferito un LED di avviso per la ricarica completa per poterlo controllare durante la guida. Sembra inoltre che una volta inserito nella presa accendisigari, questo caricatore sia abbastanza difficile da estrarre.

Il basso costo è una delle carte vincenti messe in campo dal caricatore. Gli amanti dei prezzi bassi potranno così trovare un oggetto che possa fare al caso loro.

 

Pro

Doppio collegamento: I due USB consentono a chi viaggia di mettere in carica fino a due dispositivi nello stesso tempo. Una duplice opportunità concentrata in un solo oggetto.

Compatibilità: La casa madre ha reso il sistema adatto ai supporti delle maggiori case di produzione in termini di telefoni cellulari e tablet. Sony, Apple, Samsung, Huawei e tanti altri marchi non hanno problemi e si ricaricano a dovere.

Sicurezza: Sul fronte della protezione offerta, l’oggetto è dotato di un fusibile che si occupa della protezione tra supporto e dispositivi. Qualora si verifichi un corto o uno sbalzo di temperatura, il fusibile scatta e blocca il passaggio di corrente.

 

Contro

Estrazione: Alcuni acquirenti hanno riscontrato problemi nel rimuovere il caricatore dalla presa accendisigari.

 

 

CHGeek 80W 12V/24V

 

Ecco un altro caricabatterie per auto molto molto apprezzato da consumatori. Si tratta di un modello particolare, diverso dai soliti perché non si inserisce direttamente nella presa accendisigari del veicolo ma nel vano porta bibite.

A questo punto il caricatore mette a disposizione due prese USB e due prese per accendisigari (con interruttori indipendenti), per cui è possibile alimentare non solo smartphone ma anche dispositivi come navigatori GPS e telecamere per auto fino a 80 watt di potenza assorbita.

A differenza degli altri caricabatterie da auto, qui è presente anche un piccolo display che indica il voltaggio della batteria e il carico assorbito dai dispositivi collegati. Il dispositivo integra la ricarica intelligente ma non supporta la ricarica rapida ed è disponibile anche nella versione con tre porte USB e tre accendisigari.

Rivediamo adesso in breve i principali punti di forza e di debolezza di un altro caricabatterie da auto molto apprezzato, quello prodotto da CHGeek.

 

Pro

Tante prese: Questo caricabatterie si inserisce nel vano porta bibite e permette di avere due prese accendisigari e due USB. È disponibile anche la versione con tre USB e tre prese accendisigari.

GPS e dash cam: Il vantaggio di un prodotto come questo è che permette di caricare non solo smartphone e tablet ma anche la telecamera per auto e il navigatore.

Display: A differenza dei normali caricabatterie, questo CHGeek ha un piccolo display che segnala il voltaggio della batteria e il carico assorbito dai dispositivi collegati.

 

Contro

Ricarica rapida: Il caricabatterie non supporta la ricarica rapida. Bisogna avere un porta bicchiere (compatibile) per poterlo utilizzare.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

 

Ultimo aggiornamento: 13.12.19

 

Caricatore per Auto – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

I caricatori per auto vanno collegati direttamente alla spina accendisigari e solitamente hanno un prezzo modico. Sul mercato però ci sono davvero tantissimi modelli, per non perdere l’orientamento date un’occhiata alla nostra guida, a cominciare dai due prodotti che vi consigliamo tra tutti: AUKEY Quick Charge 3.0 supporta la ricarica rapida e permette di ricaricare due dispositivi contemporaneamente. In alternativa potete optare per DIVI Caricabatteria Auto USB, con un pratico indicatore LED che consente di trovare le porte per la ricarica anche in condizioni di scarsa visibilità. 

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior caricatore per auto?

 

I caricabatterie per auto hanno un prezzo molto contenuto, quindi sono accessibili a tutte le tasche. Il problema però è che ce ne sono veramente tantissimi tra i quali scegliere, per questo leggendo la nostra guida sarà possibile farsi un’idea migliore delle caratteristiche da cercare in un prodotto. Di seguito trovi anche la classifica con la recensione dei modelli più graditi agli automobilisti: confronta prezzi e prestazioni, in cinque minuti potresti individuare quello che ti serve.

Numero di prese

I caricatori per auto sono oggetti dall’utilizzo molto semplice, infatti basterà collegarli alla presa dell’accendisigari tramite lo spinotto per poter subito caricare i dispositivi desiderati. Una delle differenze sostanziali tra i vari modelli sta nel numero di prese disponibili. Quelli più comuni hanno una sola presa USB che potrebbe essere più che sufficiente per chi ha un solo smartphone e vuole caricarlo o tenerlo collegato per usare il navigatore.

Nel caso invece si voglia fare un lungo viaggio in compagnia, allora è più consigliabile comprare un caricatore per auto con uscita multipla, così si potranno caricare più dispositivi contemporaneamente, ma attenzione, potrebbe non essere possibile ricaricare due tablet alla volta. Il prezzo sostanzialmente non cambia di molto, bisogna solo stare un po’ attenti alle dimensioni dato che alcuni multipresa sono davvero grandi e andrebbero inseriti nel portabicchiere.

 

Compatibilità

Non ci dovrebbero essere problemi ma meglio sempre controllare se il caricabatterie acquistato sia compatibile con i propri dispositivi. Si possono trovare dei caricabatterie solo per Apple o Samsung che funzionano solo con determinati tipi di apparecchi. Solitamente la ditta produttrice fornisce una lista di compatibilità accurata sulla scheda del prodotto che consigliamo di leggere attentamente per non fare un acquisto sbagliato.

Nel caso si scelga un caricabatterie con funzione Quick Charge, si dovrà verificare che il dispositivo da caricare supporti quella funzione, altrimenti non la si riuscirà a sfruttare. Il Quick Charge ha una velocità di ricarica superiore che può essere molto utile nel caso per lavoro si facciano molti viaggi in macchina su tratte brevi e occorre tenere il telefono sempre attivo.

Sicurezza

I caricatori per auto possono essere potenzialmente dannosi per i propri dispositivi, a meno che non abbiano un buon sistema di sicurezza interno. Ci raccomandiamo di acquistare solo prodotti che abbiano una buona protezione dal sovraccarico o dalla sovracorrente, in modo da poter caricare i propri smartphone o tablet senza rischiare che la batteria si fonda. Questo non vale solo per la ricarica, ma anche e soprattutto se si tiene il telefono attaccato alla presa per poter ascoltare musica o usare il navigatore.

Alcuni caricabatterie riconoscono automaticamente il dispositivo collegato, dandogli la giusta carica e evitando ulteriormente problemi di sovraccarico. Inoltre un apparecchio non sicuro potrebbe anche creare cali di tensione alla batteria del veicolo, specialmente quando questo è fermo. Per fortuna oggi i moderni caricatori, non solo quelli della migliore marca sul mercato, dovrebbero avere questi sistemi di sicurezza, quindi in generale si può andare sul sicuro.

 

I 5 Migliori Caricatori per Auto – Classifica 2019

 

Nei nostri consigli d’acquisto abbiamo visto come scegliere un buon caricatore per auto, analizzando le varie caratteristiche principali per fare un buon acquisto, senza sprecare i propri soldi. Adesso è arrivato il momento delle recensioni dei modelli più graditi dagli utenti e venduti a un prezzo conveniente. Leggendole sarà possibile fare una comparazione tra le offerte e scegliere il miglior caricatore per auto a seconda delle proprie esigenze.

 

 

1. AUKEY Quick Charge 3.0 Caricatore per Auto di Due Porte

 

Tra i caricatori per auto più venduti abbiamo trovato questo modello di Aukey che si presenta con un prezzo davvero conveniente e permette di caricare velocemente i propri dispositivi portatili. È compatibile con smartphone e tablet Android o Apple che possono essere collegati al caricatore attraverso un cavo USB.

Grazie alla tecnologia Quick Charge 3.0, la carica completa avviene in soli trentacinque minuti. Gli utenti sono rimasti molto soddisfatti dalla qualità di materiali con i quali è stato costruito che si sono rivelati resistenti e duraturi nel tempo. Inoltre questo caricatore cellulare per auto dispone di un sistema di sicurezza che previene sovraccarichi e cortocircuiti, così si potranno lasciare i dispositivi attaccati senza preoccuparsi di eventuali danni.

L’unico difetto riportato sta nelle sue dimensioni che alcuni hanno trovato un po’ troppo ingombranti, affermando che sul mercato ci sono modelli dotati delle stesse funzioni, ma con un design più sottile.

La nostra guida per scegliere il miglior caricatore per auto comincia da uno dei modelli più venduti in assoluto, soprattutto online: il Quick Charge 3.0 prodotto da Aukey, apprezzato soprattutto per la tecnologia di ricarica rapida.

 

Pro

Ricarica rapida: I due ingressi USB disponibili, sono entrambi dotati di tecnologia Quick Charge 3.0 e sono capaci di ricaricare l’80% dell’energia di un dispositivo mobile in soli 35 minuti; con dispositivi privi di Quick Charge funzionano lo stesso, ma alla velocità normale.

Sicuro: È dotato di un sistema di sicurezza capace di proteggere da cortocircuiti, sovratensioni, sovraccarichi e surriscaldamento, sia il caricatore stesso sia i dispositivi collegati.

Versatile: È compatibile con gli iPhone e gli iPad, tramite la tecnologia AiPower integrata negli ingressi USB, e il Quick Charge funziona con i Samsung Galaxy, gli LG e Google Pixel e Nexus, per tutti gli altri dispositivi la ricarica è normale.

 

Contro

Ingombro: Il corpo è ingombrante e crea problemi se la presa dell’accendisigari non è a filo col cruscotto.

Acquista su Amazon.it (€14.99)

 

 

 

2. DIVI Caricabatteria Auto USB, 4.8A

 

Tra i migliori caricabatterie auto di quest’anno, il modello prodotto da DIVI si distingue per la qualità dei materiali, che lo rendono estremamente resistente ed affidabile. Dispone di protezione di sicurezza per il sovraccarico, il cortocircuito e il surriscaldamento, ideali per poterlo usare senza rischiare di fondere la batteria dei dispositivi ad esso collegati. 

A tal proposito, questo articolo dispone di due porte USB con LED che si illuminano al buio, permettendovi di trovare subito il caricabatterie anche in condizioni di scarsa visibilità. Per quanto riguarda la potenza, dispone di 4,8 A quindi di 2,4 A per le due porte, più che sufficienti a ricaricare smartphone, tablet e altri dispositivi in breve tempo. 

Le dimensioni compatte del prodotto sono compatibili con un buon numero di veicoli, sebbene con alcuni potreste avere qualche problema di compatibilità, causato da un non perfetto inserimento.  

 

Pro 

Componenti: Il rivestimento in alluminio rende il caricabatterie estremamente resistente ed affidabile. Dispone di protezioni contro sovraccarico, cortocircuito e surriscaldamento che lo rendono sicuro per i dispositivi collegati e per il veicolo.

Luci: Le due porte USB sono illuminate da LED che le rendono facili da trovare anche in condizioni di scarsa visibilità.

Potente: Con 4,8 A di potenza complessiva, sarà possibile caricare velocemente i dispositivi collegati. Ogni porta dispone di 2,4 A. 

Dimensioni: Compatto e pratico, si può portare ovunque si vada o sistemare nel portaoggetti del veicolo senza occupare spazio. 

 

Contro 

Compatibilità: Il caricabatterie potrebbe non entrare perfettamente nella presa dell’accendisigari se è troppo corta, oppure non funzionare del tutto.

Acquista su Amazon.it (€11.75)

 

 

 

3. Rampow Caricabatterie Auto USB 24W/4.8A 2 Porte

 

Un robusto caricabatterie ideale per mezzi di grandi dimensioni come SUV, furgoni, minivan e camion. Si presenta con una doppia porta USB grazie alla quale sarà possibile ricaricare due dispositivi contemporaneamente ad una velocità di 2.4 A, per un totale di 4.8 A complessivi. 

Il chip di sicurezza integrato garantisce una buona protezione contro cortocircuiti, sovralimentazione e sovraccarico, così sarà possibile usare il caricatore senza rischi per i propri dispositivi o per la batteria del mezzo. Il prodotto è compatibile con diversi smartphone e tablet di Apple, Samsung e Huawei di diverse generazioni. 

Le due porte USB sono illuminate da LED, così sarà possibile trovarle anche al buio, quindi è ideale per chi guida spesso di notte. Se non sapete dove acquistare questo prodotto, cliccate sul link qui di seguito che vi porterà sulla pagina del negozio online.

 

Pro

Compatibilità: La forma del caricatore lo rende adatto a veicoli di dimensioni più grandi come SUV, furgoni e camion. È compatibile con tutti i dispositivi di ultima generazione dei principali brand.

Sicuro: Il chip di sicurezza previene il rischio di sovraccarico, sovralimentazione e corto circuito, in modo da tenere i dispositivi protetti da eventuali danni.

LED: Le porte USB sono illuminate da due LED che consentono di trovarle anche in condizioni di scarsa visibilità.

 

Contro

Performance: Sebbene la velocità di carica dichiarata sia di 4.8 A complessivi, il caricatore si dimostra molto meno performante, anche usando cavi USB di buona qualità.

Acquista su Amazon.it (€8.99)

 

 

 

4. iVoler Due Quick Charge 3.0 36W 2 Porte

 

Si tratta di un caricatore USB auto dotato della tecnologia Quick Charge aggiornata alla versione 3.0. Può caricare diversi tipi di dispositivi come moderni smartphone e tablet ad una velocità notevole se questi sono compatibili con Quick Charge 3.0 e 2.0. L’altro vantaggio di questo modello sta nella sua doppia porta USB che permette di caricare più di un dispositivo alla volta.

Ideale quando si viaggia in compagnia, così si potranno tenere attivi due smartphone o tablet, magari utilizzandone uno come navigatore e l’altro per la musica o le telefonate. Il caricabatterie dispone di protezioni interne contro il surriscaldamento e la sovraccarica, così non si rischierà di fondere gli apparecchi connessi o di far “morire” la batteria della macchina.

Segnaliamo che la sua forma potrebbe essere un po’ troppo grande per alcuni vani accendisigari di vecchi veicoli, nei quali si potrebbe faticare a inserirlo correttamente.

Stando ai pareri degli acquirenti, il caricatore per auto Ivoler è un modello analogo all’Aukey descritto in precedenza; ma appartiene alla fascia dei prodotti a prezzi bassi, quindi anche la qualità ne risente.

 

Pro

Quick Charge: Uno dei suoi vantaggi è il fatto di supportare sia la tecnologia Quick Charge Qualcomm 1.0, 2.0 e 3.0, sia quella USB-C; di conseguenza è in grado offrire dei tempi di ricarica veramente brevi.

Economico: L’altro aspetto che i consumatori hanno apprezzato molto, del caricatore per auto Ivoler, è il suo prezzo decisamente economico, alla portata di tutti.

Cavo 2 in 1: È dotato di un cavo di collegamento USB che ha il vantaggio di terminare con entrambe le tipologie di innesto: micro USB e USB Type C; in modo da poter essere compatibile con il maggior numero possibile di dispositivi mobili.

 

Contro

Bassa qualità: La qualità dei materiali di fabbricazione è bassa, d’altronde il prezzo è inferiore al caricatore Aukey, del quale cerca di emulare le prestazioni.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. UGREEN Caricabatterie Telefono per Auto con 3 Porte

 

Il caricatore di UGREEN permette di collegare più dispositivi contemporaneamente grazie alle sue tre porte USB che riescono a caricare rapidamente smartphone e tablet Apple o Samsung. Si adatta molto bene a chi è solito fare lunghi viaggi in macchina con tutta la famiglia, dato che permette di tenere i dispositivi in carica anche mentre si effettuano telefonate e si usa il navigatore.

A differenza di altri modelli presenti sul mercato, questo caricabatterie è in grado di rilevare automaticamente gli apparecchi connessi in modo da fornire la giusta carica e non incorrere in corto circuiti o sovracorrente.

La presenza di un indicatore LED è particolarmente gradita perché consente di vedere lo stato della connessione della porta USB e trovarla anche al buio senza distogliere l’attenzione dalla guida.

Chiudiamo la nostra guida sui caricatori per auto con un altro modello decisamente economico, che però offre il vantaggio di offrire tre ingressi USB invece di due soltanto: il caricatore UGREEN 40284.

 

Pro

Triplo ingresso: A differenza degli altri caricatori auto messi a confronto nella nostra guida, il caricatore UGREEN è l’unico a disporre di tre ingressi USB invece di due soltanto. Il che è un vantaggio non indifferente.

Ricarica intelligente: Non ha la tecnologia Quick Charge, ma in compenso gli ingressi USB sono in grado di riconoscere il tipo di dispositivo e utilizzare l’amperaggio migliore, in modo da ridurre i tempi di ricarica, anche se di poco.

Sicuro: Dispone di un circuito intelligente che protegge il caricatore da surriscaldamenti, sovraccarichi, sovratensioni e cortocircuiti; lo stesso sistema interrompe automaticamente l’erogazione di corrente quando la batteria è completamente carica.

 

Contro

Lento: Anche lo UGREEN è un buon caricatore ma ha la pecca di essere privo di Quick Charge, e quindi lento in ricarica.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare un caricatore per auto

 

Gli smartphone moderni tendono a scaricarsi sempre più velocemente e, proprio per questo motivo, il caricatore per auto è diventato un accessorio indispensabile se si viaggia spesso o se durante il tragitto si è costretti a usare applicazioni molto dispendiose come mappe e navigatori.

Molti modelli consentono anche di ricaricare più dispositivi mobili contemporaneamente grazie alla presenza di più porte USB, ognuna collegabile al cavo del proprio cellulare o tablet.

 

 

Come funziona

Questi dispositivi utilizzano l’elettricità prodotta dall’accumulatore del veicolo, di solito tramite la presa accendisigari o un’apposita uscita a 12 volt posizionata sul cruscotto. Una volta inserito il trasformatore basta collegare il cavo al proprio apparecchio mobile per iniziare la carica.

Grazie alla praticità di questi accessori, è possibile ricaricare in auto qualsiasi device, Android, Apple o Windows, aumentandone quindi l’autonomia.

Tuttavia, è doveroso informare gli utenti che spesso questi caricatori risentono molto degli sbalzi di tensione, per cui accendere e spegnere l’auto senza scollegarli dalla presa potrebbe danneggiarli o romperli.

 

Potenza

Per scegliere il miglior caricabatterie da auto è necessario valutare diverse specifiche.

Uno dei parametri, a nostro avviso fondamentale, è l’amperaggio che indica la potenza del dispositivo e, in altri termini, la sua capacità di ricarica.

I modelli più economici hanno un amperaggio molto basso, che di solito è di 0,5 Ampere, il che si traduce in tempi di carica molto più lunghi. Tenendo presente, poi, che gli smartphone e i tablet hanno dei limiti in merito all’assorbimento di energia, la media a cui fare riferimento è tra 1 e 2,4 Ampere.

Inoltre, grazie alle moderne innovazioni, è stata introdotta la tecnologia Quick Charge 3.0 in grado di portare l’intensità della corrente fino a 3 Ampere, andando dunque a dimezzare ulteriormente i tempi di ricarica senza correre il rischio di danneggiare il device collegato; o, ancora, la nuovissima tecnologia AIPower che è in grado di riconoscere automaticamente il vostro dispositivo dandogli l’energia con la massima capacità che  riesce a gestire.

 

Connettore

Ogni dispositivo elettronico un tempo era dotato di un proprio caricabatterie, oggi invece lo standard comune è il connettore Micro USB che di norma è lo stesso per tutti i modelli, anche se continuano a persistere alcune piccole differenze. In effetti, oltre allo standard Micro USB, compatibile con la maggior parte degli apparecchi mobili presenti sul mercato, esistono anche caricatori che supportano la connettività Lightning per i dispositivi iOS.

Inoltre, prima di procedere all’acquisto, bisogna valutare attentamente cosa si vuole caricare. Se un congegno richiede più energia, come nel caso di tablet o portatili, bisogna considerare il valore di output, ossia i parametri di tensione e di corrente fornita dal caricatore. Tutte le connessioni USB erogano solitamente 5 Volt di potenza, quindi per capire se il modello che vi apprestate ad acquistare è quello adatto al proprio device basterà controllare il valore riportato sulla batteria, che solitamente oscilla tra i 3,2 e i 3,8 Volt.

 

 

Accessori

In commercio sono presenti modelli con forme e attacchi diversi, che ben si adattano a qualsiasi tipo di situazione. I caricatori più semplici ed economici hanno una sola porta USB mentre altri sono dotati di attacchi multipli, utili se si viaggia in compagnia o se per motivi lavorativi si utilizzano più dispositivi mobili contemporaneamente.

Infine, prima di scegliere il prodotto più adatto alle vostre esigenze, considerate anche gli accessori inclusi nella confezione; spesso, infatti, viene venduto solamente il caricabatterie da collegare alla presa accendisigari, mentre in altri casi sono inclusi anche uno o più cavi di ricarica, molto più pratici se si vuole evitare di portare sempre con sé quello del proprio dispositivo mobile.

 

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

SAMSUNG ACADU10CBE

 

I possessori di dispositivi Samsung che non sanno quale caricatore per auto comprare, potranno optare per questo economico modello della stessa ditta, ideale per tutti gli smartphone o tablet con uscita Micro USB. Il modello si presenta con un design classico, munito di cavo a spirale e spinotto da collegare all’accendisigari del veicolo.

Uno dei vantaggi di questo caricatore per auto Samsung sta proprio nel suo prezzo davvero economico che lo rende accessibile anche a chi ha un budget piuttosto ridotto. Per quanto riguarda le funzioni, questo modello è abbastanza essenziale, ma si rivela comunque un comodo oggetto da tenere in macchina per poter usare il navigatore o ascoltare musica tenendo il telefono in carica.

Alcuni utenti avrebbero gradito un cavo più lungo di quello presente che, tra l’altro, non può essere sostituito.

Il più economico dei caricatori per auto esaminati nella nostra guida è proprio lui, il Samsung ACADU10CBE; è un modello tradizionale privo di ricarica rapida, ma è ben fatto e affidabile.

 

Pro

Originale: Si tratta di un modello che, a una prima occhiata, potrebbe apparire datato; in realtà è un caricatore originale e quindi è stato progettato come accessorio esclusivo per i possessori di dispositivi Samsung.

Robusto e funzionale: Dal momento che il suo design è essenziale e spartano, il caricatore per auto Samsung, ha il pregio di offrire un buon grado di robustezza; il cavo di connessione per il dispositivo mobile è della lunghezza adeguata ed è molto funzionale.

Affidabile: Entrambi i collegamenti, l’innesto per l’accendisigari e il jack micro USB, sono stabili e affidabili, privi dei problemi che di solito affliggono i caricatori con contatti instabili soggetti alle vibrazioni dell’auto.

 

Contro

Lento: È lento nella ricarica, purtroppo, essendo un dispositivo privo di Quick Charge.

 

 

CHGeek CH07

 

Tra i migliori caricatori per auto del 2019, abbiamo inserito questo modello che potrà accontentare le esigenze di chi possiede un veicolo di grandi dimensioni. Rispetto ad altri modelli venduti online, questo modello di CHGeek dispone di ben quattro entrate: due per collegare spinotti da 12 V e due per dispositivi USB.

In questo modo sarà possibile tenere collegati molteplici dispositivi, per una potenza totale di 80 W. La sua forma permette di inserirlo comodamente nel poggia bicchieri, evitando così di occupare troppo spazio. Dispone di un ottimo sistema di sicurezza con un segnale luminoso che si accende nel caso la tensione della macchina sia inferiore ai 12 V.

I componenti sono di buona qualità e garantiscono una buona resistenza contro sovraccarichi o cortocircuiti, così non si rischierà di fondere i propri dispositivi collegati. Viste le dimensioni piuttosto ingombranti, è sconsigliabile acquistarlo se non si dispone di un vano portabicchieri.

Se invece vi state chiedendo dove acquistare un nuovo caricatore auto che possa offrire qualcosa in più, oltre alla sua funzione di base, allora troverete molto interessante il modello CH07 prodotto da CHGeek.

 

Pro

Versatilità: Non soltanto dispone di due ingressi USB, ma anche di due alloggiamenti che funzionano da accenditori di sigarette, dotati ognuno del tasto di accensione e spegnimento.

Compatibilità: È compatibile con i tablet e gli smartphone Apple e Android, inoltre è compatibile con qualsiasi altro dispositivo alimentabile tramite collegamento USB, come le dash cam, i navigatori GPS, i Kindle e altro ancora.

Display: Dispone di un piccolo schermo LCD integrato, che mostra costantemente il voltaggio dell’automobile, e nel caso in cui il livello scenda al di sotto dei 12 Volt, inizia a segnalare tramite intermittenza.

 

Contro

Lento: Si tratta di un bel caricatore per auto, con qualche funzionalità in più e un buon rapporto qualità-prezzo, ma purtroppo è privo di Quick Charge.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 13.12.19

 

Supporto Magnetico Auto per Smartphone – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Lo scopo del nostro articolo è quello di aiutarvi a capire come scegliere un buon supporto magnetico auto per smartphone, strumento che permette di avere il proprio dispositivo portatile sempre di fronte a sé, da sfruttare come navigatore o per ascoltare musica senza distrarsi dalla guida. Vi invitiamo dunque a leggere attentamente i nostri consigli d’acquisto per navigare più facilmente tra le offerte e selezionare così il miglior supporto magnetico auto per smartphone per le vostre esigenze. Chi non avesse molto tempo a disposizione per leggere ogni singola recensione, può affidarsi alla nostra tabella comparativa, dove spiccano due prodotti in particolare: Aukey HD-C5-IT, uno dei prodotti più apprezzati grazie alla compatibilità con smartphone più datati e Yosh YSNCM001, il supporto magnetico più economico della nostra lista, ideale per gli utenti che vogliono spendere il meno possibile.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior supporto magnetico auto per smartphone?

 

Se non sapete quale supporto magnetico auto per smartphone comprare, il primo passo da compiere è leggere con attenzione la guida all’acquisto che trovate qui in basso. Bisogna infatti tener conto di diversi fattori prima di sceglierne uno per non ritrovarsi con un dispositivo incompatibile sia con il proprio smartphone sia con la propria vettura.

Analizziamo dunque insieme questa categoria di prodotti per tutti coloro che non ne hanno mai sentito parlare.

 

 

Navigatore

Uno strumento essenziale di cui lo smartphone è dotato e di cui non potremmo più ormai fare a meno è il navigatore. Essendo finita l’era in cui ci si orientava con mappe cartacee, oggigiorno si sfrutta il potere di mappatura dei satelliti in orbita intorno al nostro pianeta, ricevendone il segnale direttamente sui dispositivi mobili.

Quando ci si trova in auto, però, è molto difficile riuscire a trovare un luogo dove posizionare lo smartphone per avere sempre sott’occhio la propria posizione e la strada che si sta percorrendo, per questo, sul mercato sono apparsi prodotti come i supporti magnetici. Pur trattandosi di un oggetto di piccole dimensioni riesce a fare una grande differenza e rendere la vita molto più comoda anche per gli utenti che amano ascoltare la musica da smartphone o tablet.

 

Compatibilità

Uno degli elementi a cui prestare particolare attenzione quando si acquista un supporto magnetico per auto è la sua compatibilità sia con gli smartphone sia con la vettura. Bisogna innanzitutto valutare il peso dei primi e successivamente analizzare la scheda tecnica del prodotto scelto per avere conferma sulla sua tenuta e la capacità massima di supporto. Molti supporti sono infatti incompatibili con i tablet di vecchia generazione perché troppo pesanti, con il rischio dunque di cadere durante oscillazioni più o meno forti dell’auto.

Per quanto riguarda invece la compatibilità con l’automobile, l’elemento a cui prestare attenzione è uno: le bocchette di aerazione presenti nell’abitacolo. Qualora queste fossero circolari, i supporti potrebbero non essere applicati.

 

 

Accessori

Molto importanti sono gli accessori, verificate sempre che nella confezione siano presenti almeno due o più dischi magnetici da incollare sul retro della cover del vostro smartphone, ne avrete così sempre uno di ricambio qualora decidiate di cambiare cover o per un dispositivo mobile ulteriore. Inoltre, nel caso in cui optiate per un supporto che non ha un aggancio alle bocchette di aerazione ma un adesivo da posizionare sul cruscotto, dovrebbe avere almeno due adesivi di ricambio per poter essere considerato degno di attenzione.

Tenendo conto di questi semplici fattori riuscirete a scegliere il miglior supporto magnetico auto per smartphone per le vostre esigenze.

 

I 5 Migliori Supporti Magnetici Auto per Smartphone – Classifica 2019

 

La classifica dei migliori supporti magnetici auto per smartphone del 2019 che trovate qui in basso è stata realizzata partendo dai commenti espressi dagli utenti in merito ai prodotti venduti online che li hanno maggiormente soddisfatti.

Non troverete dunque solo le migliori marche ma anche prodotti a basso costo per tutte le tasche. Effettuate con noi una comparazione delle caratteristiche caratteristiche per scegliere il supporto più adatto a voi.

 

 

1. Aukey Supporto Auto Smartphone Magnetico Universale

 

Tra i supporti magnetici auto per smartphone più venduti spicca il prodotto Aukey, HD-C5-IT. Si tratta di un piccolo disco, al cui interno sono presenti quattro magneti, con una parte posteriore che si aggancia facilmente alle griglie di aerazione presenti nell’abitacolo della vostra automobile. Bisogna prestare però attenzione alla forma di queste ultime, poiché risulta incompatibile con quelle rotonde, prima di procedere all’acquisto dunque verificate attentamente questo dettaglio.

Tra i modelli di smartphone supportati troviamo iPhone di Apple, dal modello 5 al 7, Samsung Note e S8, Nexus, Sony, Huawei, Xiaomi e One Plus tra i brand più famosi.

Nella confezione sono inoltre presenti due piastre magnetiche, una rotonda e una rettangolare, da posizionare sulla parte posteriore del proprio smartphone per far sì che possa essere agganciato dal supporto.

Gli utenti sostengono sia ideale per un telefono dal peso non troppo elevato, per evitare così che col tempo le alette da inserire nella bocchetta di aerazione non si deformino

Acquista su Amazon.it (€7.99)

 

 

 

2. Yosh Supporto Smartphone per Auto Porta Cellulare

 

In seconda posizione troviamo il prodotto Yosh che, in seguito a un rapido confronto dei prezzi, risulta il più economico della nostra lista. Rispetto al prodotto precedente non presenta grandi innovazioni e il design è decisamente simile, anche in questo caso infatti troviamo un disco magnetico da agganciare alle bocchette di ventilazione dell’automobile. Interessante la presenza di gomma morbida, silicone di tipo 50D, per proteggere queste ultime dai graffi qualora rimuoviate spesso il supporto.

La compatibilità con i dispositivi smart è elevata anche se non è in grado di reggere pesi eccessivi, dimenticate quindi di agganciare tablet o phablet. Per quanto riguarda invece l’aggancio alle bocchette, gli utenti sostengono che il taglio posteriore del supporto è orizzontale e non a croce, e conseguentemente ha una tenuta meno salda rispetto a quello che ci si aspetterebbe.

Il rapporto qualità/prezzo è comunque soddisfacente e dovrebbe essere preso in considerazione da utenti che hanno smartphone poco pesanti.

Acquista su Amazon.it (€7.98)

 

 

 

3. Mpow Supporto Magnetico Auto Smartphone

 

Il supporto di Mpow è leggermente più invasivo ma assicura una tenuta migliore. Per essere fissato all’interno dell’abitacolo prevede infatti l’utilizzo di un adesivo ad alta viscosità, gli utenti restii a incollare alcunché nella propria vettura dovrebbero dunque desistere dall’acquisto.

Nella confezione sono incluse anche due piastre magnetiche di diverse dimensioni da fissare alla cover del proprio smartphone per poterli agganciare al supporto.

Uno dei problemi che gli utenti hanno riscontrato, con l’introduzione delle nuove tecnologie di ricarica wireless, è che tale piastra interferisce con questo sistema, pertanto potreste essere costretti a cambiare cover all’occorrenza, magari lasciando in auto quella da fissare al supporto.

Il costo del prodotto Mpow è in linea con quanto già visto, con la piccola differenza di una migliore tenuta magnetica dei dispositivi che agganciate alla calamita, rivelandosi una buona scelta anche qualora abbiate uno smartphone leggermente più pesante della media.

Acquista su Amazon.it (€11.49)

 

 

 

4. Satechi Supporto Universale Smartphone per Lettore CD Auto

 

Il supporto proposto da Satechi è sicuramente originale poiché invece di affidarsi ad adesivi o al classico aggancio alle bocchette d’aerazione sfrutta il vano del lettore CD, molto più resistente.

Il design del magnete è classico e presenta una forma circolare mentre la parte posteriore presenta tre alette concave e convesse da inserire all’interno del lettore CD. Prima di effettuare tale operazione, però, è bene controllare che la fessura del lettore CD dell’automobile non abbia una protezione antipolvere che potrebbe essere danneggiata.

Gli utenti sostengono che il prodotto è in grado di sostenere il peso della maggior parte degli smartphone in commercio e anche i tablet Apple più nuovi, con qualche semplice vibrazione se vi avventurate su strade sconnesse.

I materiali di costruzione sono solidi e resistenti e gli utenti affermano che il prodotto è in grado di subire anche qualche urto senza alcuna conseguenza, rivelandosi adatto anche per i più distratti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Ugreen Supporto Smartphone per Auto in Alluminio, Magnetico 

 

L’ultimo supporto della nostra classifica è un prodotto Ugreen che presenta la classica forma circolare con aggancio alle bocchette di aerazione dell’automobile. La parte posteriore ha un taglio orizzontale, elemento che rende adeguato il prodotto solo per bocchette con lamelle orizzontali, escludendo tutte le tipologie circolari e con lamelle verticali. È dunque estremamente importante prestare attenzione al modello di automobile che possedete prima di procedere all’acquisto, eviterete così di sperperare il vostro denaro in un prodotto che non potrete utilizzare con soddisfazione.

I modelli di smartphone supportati sono i più classici e diffusi, dagli iPhone di ultima generazione ai Samsung, LG, Huawei e così via. I consumatori consigliano di posizionare la placca metallica inclusa nella confezione quanto più in basso possibile se avete degli smartphone Samsung poiché potrebbe interferire con la funzione orologio di questi ultimi.

Il costo è leggermente più alto di quanto ci si aspetterebbe, pertanto il prodotto non riesce a conquistare una posizione più alta in classifica.

Acquista su Amazon.it (€13.99)

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 13.12.19

 

Deodorante Auto – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni 

 

Se vi state chiedendo quale deodorante auto comprare, la nostra guida vi fornirà tutti gli strumenti necessari per scegliere il prodotto più adatto alle vostre esigenze. Non esitate oltre, dunque, e immergetevi nella lettura. Qualora al termine aveste ancora le idee confuse potrete analizzare la nostra tabella, con pregi e difetti di ogni deodorante, per effettuare una comparazione immediata. I più apprezzati sono i seguenti: AlsterPlus Désodorisant-01, dal design semplice ed elegante e bastoncini profumati sostituibili per avere un prodotto duraturo, e AAF-Popular Donut, all’aroma di vaniglia e con una riproduzione di una ciambella americana, la famosa “donut”, ricoperta di glassa colorata.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior deodorante auto?

 

I deodoranti rappresentano un’ottima soluzione per avere ambienti sempre profumati. Solitamente sono usati in luoghi chiusi, come l’abitacolo dell’automobile, ma è possibile usufruirne anche in casa, soprattutto se avete appena pulito e volete mantenere una sensazione di freschezza più a lungo possibile.

Con i nostri consigli d’acquisto e confrontando prezzi con la comoda tabella potrete navigare al meglio tra le offerte, scegliendo così il miglior deodorante auto in vendita sul mercato.

 

 

Deodorare ambienti

Deodorare gli ambienti è una pratica necessaria per avere sempre una sensazione piacevole di pulito. Lo sa bene chi vive con fumatori o ama cucinare manicaretti ogni giorno. Gli odori persistenti come tabacco, cipolla, spezie e fritti non vanno via facilmente e ci si ritrova ad avere ben presto una casa, o anche l’abitacolo della propria automobile, impregnati di aromi sgradevoli.

La semplice pulizia di superfici non basta e bisogna talvolta agire con prodotti più forti e pensati per eliminare tali odori.

Sul mercato sono disponibili una vasta quantità di diffusori, profumatori e deodoranti, in grado di aiutarvi a combattere questa battaglia. Quelli casalinghi sono spesso dotati di presa USB o per la corrente dal momento che hanno un motore elettrico che necessita di alimentazione.

Se invece siete alla ricerca di deodoranti per auto potreste essere più fortunati dal momento che non hanno solo un costo inferiore ma risultano anche più semplici e immediati da utilizzare.

 

Profumazioni

Per capire come scegliere un buon deodorante auto bisogna innanzitutto sapere che tipo di profumazione e aromi si riescono a tollerare. Alcuni utenti potrebbero infatti apprezzare molto tonalità leggere come quelle degli agrumi o floreali, mentre altri preferiscono qualcosa di più intenso e duraturo come l’odore di vaniglia, sandalo, cioccolato e così via.

Cercate quindi di capire in anticipo quale sia la profumazione adatta alle vostre esigenze in modo da non sperperare il vostro denaro in un prodotto che non sia in grado di soddisfare le vostre aspettative, o peggio, nausearvi.

Qualora mal tolleriate fragranze chimiche realizzate in laboratorio, potreste valutare l’acquisto di un diffusore di aromi, molto più blando rispetto a un vero deodorante ma in grado di essere utilizzato in concomitanza con oli naturali.

 

 

Design

Se da un prodotto vi aspettate anche un design nuovo e curato non potete fare a meno di selezionare un deodorante che sia originale e resistente. Non necessariamente bisogna puntare a quelli realizzati dalle migliori marche ma sicuramente a una spesa maggiore corrisponde una più profonda cura per i dettagli.

Non tutti i prodotti sono infine compatibili con ogni tipo di vettura. Vi invitiamo quindi a leggere attentamente la scheda tecnica e le nostre recensioni per capire se si tratta di apparecchi universali o meno.

Senza dimenticare queste informazioni fondamentali possiamo ora passare all’analisi dei singoli deodoranti per capire quale possa essere maggiormente adatto alle vostre esigenze.

 

I 5 Migliori Deodoranti Auto – Classifica 2019

 

La seguente classifica dei migliori deodoranti auto del 2019 è stata realizzata in seguito all’analisi dei feedback forniti dagli utenti. In ogni recensione troverete i punti di forza e i difetti, qualora fossero presenti, affinché possiate scegliere al meglio e consapevolmente il deodorante adatto alle vostre esigenze.

 

 

1. AlsterPlus Deodorante per auto, Diffusore Profumo

 

Tra i prodotti più venduti troviamo il deodorante di AlsterPlust, dalla forma molto elegante e non invasiva che si adatta bene a qualsiasi vettura, mimetizzandosi con gli elementi del cruscotto. Si tratta di un diffusore dalla forma tubolare in metallo, quindi molto più resistente rispetto ai classici prodotti a basso costo realizzati in plastica, al cui interno dovrete inserire uno dei cinque bastoncini inclusi nella confezione. Ognuno di questi emette un aroma diverso e sono indicati con i termini: lime, orange, olive, ocean e osmanthus.

Uno dei pregi di tali bastoncini è la loro composizione agli oli essenziali, in grado di profumare in modo delicato. Chi si preoccupa quindi di non inspirare prodotti chimici può dormire sonni tranquilli.

Il piccolo cilindro va fissato alle feritoie per il passaggio dell’aria che si trovano sul cruscotto tramite una linguetta di metallo ricoperta di gomma, per evitare che queste graffino o spezzino gli elementi in plastica dell’automobile.

L’unico difetto sembra essere la durata degli stick profumati, trattandosi infatti di oli essenziali, non supera le due settimane.

Se volete provare qualcosa di nuovo per l’auto, la proposta AlsterPlus potrebbe fare al caso vostro. Analizziamo di seguito i punti forti e quali gli aspetti migliorabili. 

 

Pro

Robusto: La scelta di un materiale in metallo per la creazione di questo deodorante ha fatto felici quanti guardano a un oggetto in grado di durare nel tempo a differenza di altri supporti più delicati.

Conveniente: All’interno della confezione sono inclusi cinque diversi diffusori sotto forma di stick, in questo modo l’utente può scegliere che tipo di fragranza utilizzare. La qualità dei materiali e il costo finale poi guardano al risparmio mantenendo però un profilo medio alto.

Efficace: Grazie alla presenza di oli essenziali il profumo che si spande nell’auto risulta leggero e poco invasivo, con una delicatezza di fondo che non disturba gli occupanti del mezzo.

 

Contro

Durata: Alcuni utenti avrebbero gradito una tipologia di profumazioni dalla durata maggiore, aspetto che invece manca a questi stick il cui effetto si esaurisce trascorse le due settimane.

Acquista su Amazon.it (€10.83)

 

 

 

2. AAF Deodorante Per Auto Donut Vaniglia Fragranze

 

I consumatori alla ricerca di un prodotto originale non possono lasciarsi sfuggire il deodorante per auto di AAF-Popular, economico e simpatico. Si tratta di un dischetto dalla grandezza di 75 millimetri che riproduce a stampa una ciambella americana, meglio conosciuta come donut.

A un occhio attento, la ciambella, che ha una glassa rosa ricoperta di diavolini colorati, ricorda molto il tipo di donut di cui è ghiotto il celebre Homer Simpson, personaggio della famosa serie TV americana “The Simpsons”. Perfetto quindi per stupire gli amanti dello show con un regalo a tema.

Per chi fosse maggiormente interessato alla profumazione che all’aspetto estetico del prodotto, il deodorante emette un leggero aroma di vaniglia che, secondo gli acquirenti, non risulta a lungo andare stomachevole o nauseante, fattore molto importante da prendere in considerazione prima di passare all’acquisto.

Uno dei difetti riscontrati è la durata della profumazione, essendo infatti molto lieve si esaurisce velocemente.

Se puntate al più economico deodorante per auto in circolazione, l’offerta AAF ha pochi rivali in quanto a convenienza e prezzi bassi.

 

Pro

Simpatico: C’è da dire che in quanto a stile questo deodorante batte a mani basse gli altri in quanto a simpatia e citazionismo. La forma riprende infatti la tipica ciambella americana, un dolce che molti fan della serie animata “The Simpson” conoscono molto bene.

Pratico: A partire dalla forma e dal sistema con cui si posiziona, tutto sembra puntare alla comodità per l’utente. Si tratta di un aspetto utile per chi non vuole agganci particolari o troppo complessi.

Aroma: Quanti hanno scelto questa simpatica ciambella profumata, confermano una fragranza che ricorda la vaniglia e una persistenza che non crea fastidio in macchina.

 

Contro

Durata: Anche per questo prodotto, il tallone d’Achille si è rivelato essere le tempistiche ridotte con cui si esaurisce il profumo.

Acquista su Amazon.it (€4.99)

 

 

 

3. Millefiori Diffusore di Prufumo per Auto Go

 

In terza posizione abbiamo un profumatore per auto con sistema a cialde realizzato da Millefiori Milano. Uno dei vantaggi più interessanti è la possibilità di agganciarlo a qualsiasi tipo di vettura grazie alla clip universale posta sul retro.

Dal punto di vista estetico è molto elegante, con una colorazione turchese che non stona in vettura come potrebbero fare invece prodotti più appariscenti.

Il sistema utilizzato per la profumazione è quello delle cialde, acquistabili separatamente per dare all’automobile la profumazione che più gradite. Quella fornita con il prodotto è fresca e intensa con note di sandalo, bergamotto, agrumi e lavanda.

Dal punto di vista della durata, il produttore garantisce almeno due mesi se il regolatore è posizionato sull’erogazione minima.

Gli utenti sono generalmente soddisfatti dal rapporto qualità/prezzo, tuttavia lamentano una certa difficoltà nel reperire le cialde profumate che non sono vendute online. Dettaglio da prendere in considerazione se siete alla ricerca di un deodorante per auto che possa durare nel tempo.

Chi punta all’eleganza troverà nella proposta Millefiori un sistema interessante, che unisce comodità d’uso a una gestione delle profumazioni con cialde. Di seguito è possibile scorrere pregi e difetti, con un link al termine dove acquistare.

 

Pro

Design: La forma arrotondata e la colorazione delicata trovano posto al meglio all’interno della macchina, sfruttando anche una clip universale che consente di collegare a qualsiasi mezzo il profumatore.

Sistema funzionamento: All’interno del diffusore sono presenti delle cialde, sostituibili all’occorrenza una volta esaurita la carica. Grazie a livelli si può scegliere poi una maggiore o minore intensità.

Qualità costruttiva: Oltre che esteticamente, il deodorante si è dimostrato una soluzione robusta da tenere in auto. Anche a una semplice occhiata si nota l’attenzione e la cura dei particolari.

 

Contro

Reperibilità cialde: Un elemento da considerare e che alcune persone hanno notato riguarda la difficoltà nel recuperare le cialde, una volta esaurite quelle incluse nella confezione.

Acquista su Amazon.it (€10)

 

 

 

 

4. Californian Car Scents F332 Coronado Cherry Air Freshener

 

Uno dei vantaggi del prodotto California Car Scents è il formato convenienza. Nella confezione, a un prezzo estremamente competitivo, troverete infatti tre pezzi dalla durata di circa 60 giorni ognuno. Il design non è il punto forte del prodotto, si tratta di un semplice contenitore dal colore viola con un tappo forato dal quale fuoriesce l’aroma.

L’unica profumazione disponibile in questa confezione da tre deodoranti è la “Coronado Cherry”, ovvero, per i non anglofoni, il classico aroma di ciliegia.

Uno dei pregi è la durata e l’intensità della profumazione, gli acquirenti sostengono sia in grado di eliminare immediatamente l’odore di plastica che un’auto nuova emette e mantenere l’aroma di ciliegia per circa due mesi senza che l’intensità si riduca col tempo. Una scelta ideale per chi trasporta spesso animali in macchina o deve condividere l’abitacolo con un fumatore.

Meno comoda è l’applicazione, dovrete infatti appoggiare il barattolino a terra o sotto un sedile se non ne apprezzate il design.

Se badate più alla sostanza che alla forma, questo prodotto saprà offrirvi ciò che cercate, con tre profumatori dalla lunga durata. 

 

Pro

Confezione: Molti utenti hanno gradito l’essenzialità di questo deodorante. Nella scatola sono inclusi ben tre elementi, sostituibili una volta che si è esaurito il precedente.

Convenienza: La capacità di deodorare l’ambiente si mantiene per un tempo molto soddisfacente, toccando in alcuni casi anche i due mesi.

Linea: La forma rotonda e le aperture nella parte superiore consentono al profumo di ciliegia di spandersi nell’auto, eliminando di fatto altri odori spiacevoli e per un lungo periodo.

 

Contro

Collocazione: Dai pareri raccolti, la scelta di creare un deodorante dalla forma rotonda costringe gli utenti a un posizionamento sotto il sedile o in un punto comodo della macchina.

Acquista su Amazon.it (€9.9)

 

 

 

5. Chupa Chups Chp201 Deodorante Spray per Auto Lime

 

L’ultima scelta che vi proponiamo è un deodorante spray per auto a basso costo realizzato dalla nota azienda Chupa Chups, produttrice dei famosi lecca lecca.

La differenza rispetto a quanto analizzato finora è nel metodo di applicazione, non parliamo infatti di un diffusore da collocare in auto ma di un vero e proprio spray da usare solo quando ne sentite il bisogno. Per questo motivo non ha una durata prestabilita ma potrete scegliere autonomamente quando utilizzarlo o meno.

La profumazione è al limone, molto fresca e gradevole. Gli utenti consigliano di spruzzarlo sui tappetini piuttosto che sul cruscotto o sui sedili per evitare reazioni chimiche che potrebbero macchiare plastiche e stoffe. Dopo un’applicazione l’aroma resta chiaramente percepibile per una durata di 48 ore circa.

L’unica lamentela è relativa alla grandezza del contenitore, in grado di ospitare solo 5 ml di liquido deodorante.

Gli amanti del famoso marchio del lecca lecca, potranno ora avere anche in macchina la fragranza al gusto limone, così da addolcire al meglio l’atmosfera. La sua particolarità gli ha meritato un posto in una guida per scegliere il miglior deodorante per auto.

 

Pro

Tipologia: La scelta di un diffusore spray differenzia in parte l’oggetto rispetto al resto degli altri profumatori qui presenti. Pratica la gestione e la quantità erogabile a piacere dagli utenti.

Gusto: Il profumo una volta spruzzato su tappetini e parti che non rischiano di macchiarsi, si mantiene nel mezzo per un tempo di 48 ore.

Praticità: Il fatto di poter essere trasportato ovunque, consente di utilizzarlo anche in alcune zone della casa oppure su un altro mezzo.

 

Contro

Grandezza: Il formato da 5 ml è troppo piccolo per durare un tempo sufficiente, deludendo in parte i tanti amanti del marchio.

Acquista su Amazon.it (€5.85)

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 13.12.19

 

Parasole Auto – Guida all’acquisto e Confronti

 

Quando il sole picchia forte mentre state facendo un viaggio in auto, può essere necessario riparare i passeggeri che alloggiano sul retro con delle tendine parasole. Questa operazione diventa d’obbligo se si hanno a bordo bambini piccoli, che potrebbero essere molto infastiditi dalla luce. Una buon modello sono le tendine parasole Uarter Tendine Parasole che, a differenza di molte altre, vanno a coprire per intero il vetro posteriore, impedendo ai raggi di filtrare. Con le tendine per finestrino Brevi 309 si potrà scegliere se proteggere l’interno dell’auto oppure lasciare entrare la luce, visto che sono avvolgibili e installabili molto facilmente tramite delle ventose.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 Migliori Parasole Auto – Classifica 2019

 

Diamo uno sguardo ad alcuni dei prodotti più venduti, lasciandovi anche le indicazioni su dove acquistare per risparmiare un bel po’ di denaro.

 

 

Tendine parasole auto

 

1. Uarter Tendine Parasole Auto Finestrino Laterale

 

Quando si acquistano tendine parasole auto è perché non si vuole che i raggi del sole penetrino all’interno della stessa. Questo modello ha la caratteristica di coprire per intero il finestrino dove viene installato, eliminando qualsiasi spiraglio che permetta al sole di infastidire chi sta seduto.

Il montaggio è molto semplice: con la portiera posteriore aperta questa tendina “si calza” nella zona dove c’è il vetro. Fate attenzione a tirarla molto bene per evitare che possa in qualche modo rendere meno agevole la chiusura della porta.

La tendina parasole è realizzata in rete di nylon traspirante di alta qualità, elastica e flessibile e consente di abbassare il finestrino, bloccando polvere o insetti che rendono il viaggio meno piacevole. Quando non in uso tali coperture possono essere piegate, riposte nella piccola borsa in dotazione e lasciate nel bagagliaio dell’auto senza che vadano ad occupare molto spazio. Anche per questo molti la considerano la migliore marca in circolazione.

 

Pro

Finestrino abbassato: Rispetto a tante tendine parasole per auto, questo modello, che è tra i più venduti online, consente anche di abbassare il finestrino per far entrare una leggera brezza quando si viaggia.

Copertura totale: Una volta installata, la tendina parasole va a coprire per intero la parte a lei destinata, senza lasciare nessun pertugio che posso far filtrare i raggi del sole.

Prezzo: Il costo per una coppia di tendine parasole Uarte è appetibile e non molto più alto di quelle classiche a ventosa.

 

Contro

Piaggia: Una parte della tendina, visto il metodo di installazione, rimane esternamente e quindi, in caso di pioggia, si bagna. Inoltre, se non tirata a dovere, può diventare rumorosa a causa dell’aria che ci sbatte contro.

Acquista su Amazon.it (€15.99)

 

 

 

Tendine parasole auto avvolgibili

 

2. Brevi 309 Tendina per Finestrino Auto Avvolgibile

 

Le tendine parasole auto avvolgibili proposte da Brevi sono la giusta scelta per chi non vuole ogni volta toglierle e rimetterle. Questo modello infatti è dotato di una parte che si arrotola, quando non serve fare ombra all’interno dell’auto: è presente un pulsante che la blocca e la tende perfettamente per poi aiutare a riavvolgerla con un solo tocco. Si installa sul finestrino con due ventose presenti nella confezione.

Questo consente di renderla adatta a un po’ tutte le auto, anche se le dimensioni pari a 40 cm non vanno bene per modelli con finestrini molto ampi: a causa dello spazio in più, infatti, i raggi del sole riescono a passare.

Nel caso si voglia abbassare il finestrino, sono presenti anche dei pezzetti di velcro da installare sulla portiera, per bloccare la tendina oltre la fine del vetro tramite una ventosa.

 

Pro

Montaggio semplice: Non serve altro che prendere la tendina e poggiarla internamente al vetro della portiera: rimarrà stabile grazie alle due potenti ventose di cui è provvista.

Finestrino abbassato: Si può utilizzare la tendina anche abbassando leggermente il finestrino per far filtrare un po’ d’aria. In questo caso bisogna installare dei pezzettini di velcro in dotazione sulla parte interna della portiera.

Universali: Questo prodotto ben si adatta alla maggior parte dei finestrini presenti sulle auto, visto che offre una misura standard.  

 

Contro

SUV: Se guidate un SUV, questa tendina avvolgibile potrebbe essere troppo piccola per coprire a dovere il finestrino della vostra auto, lasciando dello spazio dove è possibile che i raggi del sole passino.

Acquista su Amazon.it (€8.26)

 

 

 

Tendine parasole auto senza ventose

 

3. Lictin 2 Pezzi Tendine Parasole Auto Bambini

 

Quello di Lictin è un prodotto di ultima concezione, che va a risolvere il problema delle ventose che non si appiccicano, abbinate solitamente a tendine parasole di scarsa qualità. Questo modello deve essere installato bloccandolo sulla portiera posteriore come fosse una calza: secondo i pareri degli utenti, l’operazione è molto agevole e semplice e viene eseguita in pochi minuti.

Si fissa appena sotto il vetro, nella parte alta della portiera, tramite degli adesivi che hanno un lato in velcro.Oltre a riparare dal sole i passeggeri seduti sui sedili posteriori, questa tendina ha anche una seconda funzione, ovvero protegge l’interno dell’auto dall’eventuale intrusione di insetti, quando si abbassa il finestrino.

Una volta arrivata la stagione invernale, si può riporre nella custodia in dotazione, che non occupa molto spazio. La misura di questa tendina è indicata per SUV, pick-Up, station wagon e altri veicoli che hanno portiere abbastanza grandi: chi possiede city car, berline o utilitarie dovrebbe rivolgersi a un prodotto di altro tipo.

 

Pro

Aria: In comparazione con molte tendine parasole, queste consentono di abbassare il finestrino senza problemi, per fare circolare un po’ d’aria quando si viaggia.

Contro gli insetti: Quando si abbassa il finestrino si può stare certi che insetti e polvere rimarranno fuori dall’auto, non andando quindi a rendere meno piacevole il viaggio.

Montaggio: Queste tendine parasole auto senza ventose si installano e si tolgono dalla portiera posteriore in poco tempo.

 

Contro

Dimensioni: Sono adatte principalmente ad auto che offrono grandi portiere anteriori e ampi finestrini, viste le dimensioni. Non sono quindi pensate per essere montate su utilitarie, berline e city car.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Parasole auto anteriore

 

4. Outback Parasole Auto Parabrezza Australiano di Qualità

 

Il nome del marchio deriva da una zona remota dell’Australia dove il sole è cocente per molti mesi all’anno: questo particolare modello di Outback è pensato per proteggere l’abitacolo dell’automobile e quindi rientra nella categoria dei parasole auto anteriori.

Visto che lo si dovrà installare il più velocemente possibile, l’azienda ha studiato un sistema che non richiede la presenza di ventose: si autosostiene infatti sul parabrezza grazie alla presenza di due cerchi centrali, mentre i bordi flessibili lo rendono adatto alla stragrande maggioranza delle auto in circolazione. Molto comodo anche da riporre, visto che una volta piegato va ad occupare poco spazio.

Secondo l’azienda è in grado di filtrare tutti i raggi ultravioletti con un conseguente abbassamento della temperatura interna dell’auto del 50%. Le sue qualità sono confermate dagli utenti che l’hanno acquistato, ma non tutti sono soddisfatti della spesa da affrontare, visto che ci sono modelli molto simili a prezzi bassi. Non è quindi il prodotto più economico per chi ha intenzione di risparmiare.

 

Pro

Compatto: Questo parasole può essere piegato e riposto dove si vuole, potendo contare su un ingombro davvero minimo e una custodia ad hoc.

Più fresco: I materiali con cui è realizzato consentono di bloccare i raggi UV e quindi di avere una temperatura interna dell’auto più fresca del 50%.

Adattabile: L’ingegnoso sistema di applicazione lo rende adatto alla maggior parte dei parabrezza dei veicoli in circolazione, tra cui anche SUV e camion.

 

Contro

Costo: Se siete soliti confrontare i prezzi, constaterete che, tra quelli venduti online, è uno dei più cari. Potrete perciò optare per un modello simile ma meno esoso.

Acquista su Amazon.it (€14.79)

 

 

 

Parasole auto per bimbi

 

5. Evolms 2 Pezzi Tendine Parasole Laterale Per Auto 51X35

 

Queste tendine parasole auto proposte da Evolms non sfuggono all’attenzione degli acquirenti grazie al piacevole tema che le contraddistingue: piacciono infatti i gufetti colorati su uno sfondo nero che ne risalta la tonalità. Per questo motivo sono particolarmente indicate quando, sul sedile posteriore dell’auto, si siede, nell’apposito seggiolino, un bambino molto piccolo o un neonato.

La protezione dai raggi solari, che l’azienda afferma essere del 97%, è possibile grazie materiali di alta qualità con cui è fatto questo prodotto, anche se c’è chi sostiene che la luce riesca a filtrare.

L’installazione si rivela molto semplice: le tende sono realizzate con un materiale elettrostatico e quindi è sufficiente poggiarle sul finestrino per farle rimanere ben salde, senza rischiare che si stacchino durante il viaggio e che possano in qualche modo spaventare il piccolo passeggero. Le dimensioni sono pari a 51×35 cm, il che le rende installabili su buona parte dei finestrini anteriori delle auto attualmente in circolazione.

 

Pro

Tema: Piacciono molto i gufetti colorati sullo sfondo nero, che riescono a distrarre e affascinare soprattutto i bimbi che fanno da passeggeri.

Protezione raggi solari: Si parla del 97% di raggi UV eliminati, grazie alla corretta installazione di un prodotto fatto con materiali di grande qualità.

Montaggio: Basta poggiare le tendine sul finestrino per farle aderire, senza che sia necessario intervenire successivamente.

 

Contro

Effetto schermante: Non per tutti gli utenti rientra nella classifica dei prodotti più validi, visto che non oscura completamente e che lascia quindi trapelare la luce.

Acquista su Amazon.it (€9.97)

 

 

 

Aletta parasole per auto

 

6. autoSHOP Pantina Aletta Parasole Sinistra con Specchio

 

I possessori di una Fiat Panda che devono cambiare l’aletta parasole per auto, possono contare su questo modello, non originale, proposto da autoSHOP. È un prodotto quasi del tutto identico a quello montato come primo equipaggiamento e si rivela molto semplice da installare. Gli utenti affermano che basta meno di un minuto per avere sulla propria auto la nuova aletta pronta all’uso.

È compatibile con tutti i modelli di Fiat Panda prodotti dal 2003 in poi e va a sostituire solo quella del lato guidatore. È dotata anche di comodo specchietto che consente di vedere il viso ad altezza occhi. Il colore è grigio e ben si adatta alla maggior parte degli interni dell’utilitaria prodotto dalla casa automobilistica torinese.

Il prezzo non è tra quelli più bassi ma è sicuramente minore rispetto a quello di un’ aletta parasole originale. La stessa azienda mette a listino anche il modello lato passeggero, così da permettere di cambiare entrambe nel caso siano usurate o rotte.

 

Pro

Prezzo: Questa tendina parasole per Fiat Panda ha un costo decisamente minore rispetto a quella originale, venduta come ricambio dalla casa torinese. La qualità generale è inoltre molto soddisfacente.

Installazione: Anche se qualcuno ha incontrato delle difficoltà, la maggior parte degli utenti ritiene questa operazione semplice, senza particolari intoppi e da portare a termine in pochi minuti.

Specchio: Non manca nella dotazione dell’aletta anche un piccolo, comodo specchietto che consente di vedere il viso del guidatore all’altezza degli occhi.

 

Contro

Tendina: Rispetto alla versione originale non è prevista una tendina a copertura dello specchietto di cortesia, che può sporcarsi con grande facilità.

Acquista su Amazon.it (€22.1)

 

 

 

Telo parasole auto

 

7. FREESOO 3 in 1 Copriauto per Parabrezza, Impermeabile

 

Rispetto alle altre offerte in circolazione, questo telo parasole auto di Freesoo è molto versatile e si rende utile anche d’inverno per proteggere il parabrezza da neve e ghiaccio.

La particolarità di questo modello è che si installa esternamente sul parabrezza, ma si aggancia all’interno dell’auto per evitare che qualcuno lo rubi o che una folata di vento lo faccia volare via. Si blocca con l’aiuto delle portiere che, una volta chiuse, fermano il copri parabrezza per impedire agli spifferi di entrare all’interno dell’auto.

Il materiale con cui è realizzato blocca i raggi UV, che penetrano insieme al calore, se la macchina viene lasciata per molte ore al sole. È proposto in due misure, S e L, in grado di soddisfare le esigenze di qualsiasi tipo di automobile e relativo parabrezza. Prima dell’acquisto è bene verificare le misure per scegliere il modello adatto alla propria auto: troverete i link per sapere dove comprare questo versatile telo parasole sotto i Pro e i Contro di questa pagina.

 

Pro

Versatile: Un copri parabrezza da utilizzare 365 giorni all’anno, visto che è grado di fermare i raggi UV ma anche di bloccare la formazione di ghiaccio e limitare l’accumulo di neve sul parabrezza.

Facile montaggio: La sua composizione rigida consente di posizionarlo sul parabrezza in poco tempo e di bloccarlo tramite la chiusura delle due porte anteriori dell’auto.

Qualità/prezzo: La possibilità di utilizzarlo d’estate e d’inverno rende il prezzo di questo telo parasole molto conveniente, non essendo già di per sé molto alto rispetto ad altri modelli.

 

Contro

Magneti: Le calamite poste nella zona superiore tendono, con l’andare del tempo, a perdere la loro qualità principale. Può capitare quindi che, in una giornata ventosa, il telo si alzi un po’ consentendo al ghiaccio di posarsi sul parabrezza.

Acquista su Amazon.it (€14.89)

 

 

 

Parasole auto antiriflesso

 

8. Wanpool Parasole Antisole Visiera Antiabbagliante Anti-riflesso

 

Chi guida sa benissimo che l’aletta parasole fa il suo dovere solo se il sole è diritto rispetto alla direzione di marcia. Se si affronta una strada con tante curve, perciò, è probabile che i raggi vadano ad abbagliare il conducente. Lo stesso avviene quando il sole comincia a calare e l’aletta è troppo alta rispetto alla linea del tramonto.

Per questo motivo è utile la versione estendibile che, installata su quella di serie presente nell’auto, consente di aumentare le zone d’ombra per consentire al guidatore di non avere fastidiosi riflessi in viso.

Il nuovo modello WP-3VisorExtend si allunga sia nella parte sinistra sia nella parte inferiore: queste parti mobili possono essere rimesse nell’aletta quando non si utilizzano. L’installazione non è particolarmente difficile e si basa su delle cinghie che vanno a fermare la Wanpool sull’aletta parasole esistente. Qualche utente, anche se nota le sue praticità e qualità, reputa il prezzo un po’ troppo alto.

 

Pro

Versatile: Questa aletta parasole auto antiriflesso va a limitare i problemi causati dal riverbero di luce negli occhi del guidatore, quando questo non è perfettamente davanti all’auto, ma posto più in basso o lateralmente.

Montaggio: L’aletta estendibile si monta sopra quella parasole già presente, utilizzando delle pratiche cinghie in dotazione che rendono l’installazione semplice e veloce.  

Policarbonato: Il prodotto è realizzato in policarbonato e il suo colore opaco non consente ai raggi del sole di filtrare all’interno dell’abitacolo.

 

Contro

Costo: Il prezzo non proprio basso di questo articolo potrebbe renderlo meno appetibile alla maggioranza degli automobilisti.

Acquista su Amazon.it (€17.5)

 

 

 

Guida per comprare un parasole auto

 

I parasole, come dice la parola stessa, sono oggetti pensati per tenere al fresco l’interno dell’auto, quando viene lasciata per molte ore al sole, o per riparare i passeggeri seduti sul retro, soprattutto se si tratta di bambini. Esistono anche delle alette parasole che vanno a installarsi su quella già presente e che consentono di bloccare i raggi del sole, quando questi filtrano in zone che la classica aletta non copre.

La guida per trovare il miglior parasole auto vuole far luce sui diversi modelli presenti sul mercato. Vi saranno dati alcuni consigli utili per capire come scegliere un buon parasole auto, evitando di spendere soldi inutilmente per un acquisto sbagliato.

 

 

Bambini protetti con le tendine parasole

Chi porta spesso in auto i propri bimbi, soprattutto quelli più piccoli, e deve affrontare un viaggio piuttosto lungo, sa quanto i raggi del sole possano infastidire i passeggeri. Per risolvere questo problema, sul mercato sono presenti diversi modelli di tendine parasole da installare sui finestrini posteriori, zone dove appunto i raggi filtrano e vanno a colpire il viso e il corpo del bambino o degli altri passeggeri.

Ci sono diversi modelli, alcuni di ultima generazione, che riescono a risolvere in maniera definitiva il problema: parliamo di oggetti che “calzano” sul finestrino della portiera posteriore e, in alcuni casi e a seconda dei modelli, vengono fissati internamente. In questo modo si va a creare una doppia barriera, esterna ed interna e, cosa molto importante, ciò non impedisce di abbassare il finestrino (che rimane tra i due strati). In questo caso la tenda parasole funge anche da protezione contro gli insetti o la polvere lasciando al sicuro i bambini seduti nei sedili posteriori dell’auto.

 

Le classiche tendine a ventosa

Un modello ormai da molto tempo in commercio è la tendina con ventose che si applica all’interno del finestrino posteriore. È molto semplice da installare e spesso è corredata da disegni simpatici che possono piacere al bambino. La sua peculiarità principale è il prezzo davvero alla portata di tutti, anche se questa variante non va a coprire l’intero finestrino, perché lascia delle parti scoperte, dalle quali i raggi del sole potrebbero penetrare.

Una versione più ingegnosa è la tendina parasole laterale, che si arrotola quando non serve. Questi particolari modelli hanno una parte appunto che consente al prodotto di arrotolarsi e srotolarsi a seconda delle necessità. La parte rigida della quale parliamo deve essere installata sul finestrino con le classiche ventose, che sono presenti anche nella parte inferiore e che servono per agganciarla al vetro quando viene srotolata.

 

 

Abitacolo al fresco

Uno delle conseguenze del dover lasciare l’auto al sole per molte ore è quella di ritrovarla con una temperatura interna alta e con il volante rovente. Di norma, è necessario accendere subito l’aria condizionata al massimo o, nel caso l’auto ne fosse sprovvista, di aprire le portiere per arieggiare l’abitacolo e attendere che almeno il volante torni a una temperatura ideale. La soluzione a questo problema è il parasole pensato per questo ambiente, che si installa internamente sul parabrezza anteriore. Questo accessorio è proposto in diverse misure, a seconda della grandezza del parabrezza al quale applicarlo, e con diverse metodologie di aggancio.

La più diffusa è la classica ventosa, ma oggi ci sono modelli con dei cerchi rigidi interni, creati con materiali specifici che riescono ad aderire al punto di contatto. Secondo le recensioni di molti utenti, questi sono i migliori parasole auto del 2109. Esistono inoltre dei modelli molto versatili e che si possono utilizzare 365 giorni all’anno: sono realizzati con materiali speciali e vengono installati all’esterno del parabrezza.

In questo modo, oltre a fermare i raggi del sole, bloccano anche la formazione di ghiaccio durante i mesi invernali e l’eventuale accumulo di neve. Sarà però necessario valutare le dimensioni, e trovare quello più adatto per le misure del proprio parabrezza, regola che comunque vale anche per gli altri modelli. In pratica, per sapere quale parasole auto comprare è necessario capire bene quali siano le proprie esigenze e quelle dei passeggeri: non sempre, infatti, bisogna prenderne due, una per la parte anteriore e uno per quella posteriore.

 

 

 

Domande frequenti

 

A cosa serve il parasole auto?

Il parasole auto è molto importante, soprattutto d’estate quando si lascia l’auto per diverse ore sotto i raggi del sole. La loro azione porta a surriscaldare l’abitacolo, facendogli raggiungere temperature davvero molto alte e non salutari per l’uomo. Al tempo stesso tutte le parti in pelle e plastica diventeranno intoccabili, come per esempio il volante.

Il parasole ha quindi il compito di fare da barriera tra i raggi del sole e l’interno dell’auto. Bisogna sempre ricordare però che la sua installazione deve essere fatta con criterio, in quanto solo in questo modo potrà consentire di entrare in macchina senza sudare sette camicie!

 

Come si installano le tendine parasole auto?

Le classiche tendine parasole sono molto semplici da installare, perché non devono essere in alcun modo assemblate. Il loro pregio è infatti quello di avere delle ventose che aderiscono al vetro: si tratta di un’azione immediata, che vi consentirà di godere subito dell’ombra e della frescura.

 

Quanto devono essere grandi le tendine parasole auto?

Meglio preferire tendine parasole un po’ ampie che riescano a produrre l’ombra adeguata e non lascino molti spiragli ai raggi del sole. In questo modo, infatti, infastidirebbero i passeggeri accomodati sui sedili posteriori.

 

Come funzionano le tendine parasole avvolgibili?

Le tendine parasole avvolgibili sono dotate, nella parte nella quale si arrotolano, di ventose che consentono loro di aderire al vetro. Bisogna naturalmente scegliere la posizione più congeniale per far sì che il bimbo non venga colpito dai raggi del sole, se è posizionato dal lato passeggero.

Un grande vantaggio offerto da questo modello è anche quello di poter abbassare il finestrino, se posizionato non proprio nella parte alta del vetro, ma leggermente più sotto. In questo caso è possibile bloccare la tendina grazie a dei piccoli adesivi provvisti di velcro da applicare sulla parte alta della portiera interna.

 

 

 

Come utilizzare il parasole auto

 

Ogni parasole per auto ha una finalità d’uso ben specifica a seconda della tipologia che si preferisce: di conseguenza l’installazione di un modello o di un altro può essere differente. La regola generale è consultare sempre le istruzioni, nella speranza che queste siano esaustive o quanto meno diano un’idea su come procedere al montaggio. Si può però affermare che, in generale, l’installazione di un parasole auto, delle tendine parasole e delle alette parasole è di norma molto semplice e alla portata di tutti.

 

 

Il parasole interno per parabrezza anteriore

Per capire come si monta un parasole per auto, partiamo da quello classico ovvero il modello che va posto sul parabrezza anteriore per evitare che i raggi del sole riscaldino l’interno dell’abitacolo. Ci sono sul mercato davvero tanti modelli di questo tipo: il più venduto è quello che ha i lati rigidi ed è realizzato con un materiale antistatico, da applicare al vetro dell’auto.

Con un po’ di pazienza e magari facendosi aiutare da qualcuno, l’installazione è abbastanza semplice: si apre il parasole e lo si poggia sul vetro. I lati rigidi dovrebbero tenerlo teso quindi lo si può posizionare partendo dal lato guidatore e finendo al lato passeggero. Altro modello molto venduto è quello con ventose. In questo caso, come è abbastanza logico, lo si posiziona sul parabrezza facendo pressione sulle ventose che si andranno ad appiccare sul vetro.

 

Il parasole esterno

I modelli più versatili sono quelli che si installano all’esterno dell’auto. Si montano molto facilmente, in quanto si bloccano sul vetro appena si chiudono le portiere, visto che una parte sarà da inserire all’interno dell’abitacolo. Sono anche dotati di calamite che si agganciano alla carrozzeria dell’auto e che aiutano a tenerli al loro posto in caso di vento (sono infatti posti all’esterno, quindi soggetti anche agli agenti atmosferici).

Chi vuole spendere di meno può inoltre orientarsi sui parasole in cartone, rivestiti di un materiale che blocca i raggi UV: si tratta di un prodotto che deve essere appoggiato al cruscotto, quindi ideato per mantenere al fresco il volante. Se avete intenzione di acquistare un parasole che protegga tutto l’abitacolo dal calore, non è però questo quello al quale dovrete rivolgervi.

 

 

Le tendine parasole

Altro accessorio molto utile per tenere lontani i raggi del sole nella zona posteriore dell’auto sono le tendine parasole. Per capire come montarle nella maniera migliore è preferibile dare un’occhiata alle istruzioni, soprattutto se si è optato per i nuovi modelli “a calza”. Di norma, si apre la portiera, si prende il prodotto e lo si inserisce, proprio come una calza, partendo dal retro del finestrino. Se è della giusta misura (bisogna infatti fare attenzione a questa caratteristica) andrà ad aderire perfettamente al finestrino, coprendolo interamente.

È da notare che queste “calze” si possono installare solo sui finestrini posteriori e non su quelli anteriori, visto che il codice della strada obbliga a non oscurare questi ultimi. Modelli del genere hanno inoltre la proprietà di diventare delle efficaci zanzariere quando si decide di abbassare il finestrino, peculiarità che altre tipologie di tendine parasole difficilmente possono offrire.

 

 

Ultimo aggiornamento: 13.12.19

 

Coprisedile Auto – Guida all’acquisto e Confronti

 

Se serve rivestire i sedili della propria auto la migliore soluzione sono i coprisedili. Non c’è che l’imbarazzo della scelta, tra colori, fantasie e materiali. I prezzi di questi accessori per auto inoltre non sono poi neanche molto alti. Se si vuole subito due prodotti interessanti, segnaliamo i coprisedili WOLTU AS7254-2 che sono realizzati in poliestere e sono di colore nero. Sono universali, e quindi adatti ad ogni tipo di sedile anteriore. Chi deve ricoprire solo la seduta, ecco LUOLLOVE SC-002 prodotto super traspirante disponibile in vari colori e realizzato in carbone di bambù.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 Migliori Coprisedili Auto – Classifica 2019

 

 

Coprisedili auto universali

 

1. Woltu AS7254-2 Set Coprisedili Anteriori Auto

 

I coprisedili auto universali prodotti da Woltu si rendono adatti a tutti coloro che hanno la necessità di ricoprire i sedili originali perché usurati e non vogliono spendere un occhio della testa. Infatti questo particolare modello, disponibile in quattro varianti di colore, ha un prezzo decisamente abbordabile nonostante una qualità generale che non è poi così bassa. In una confezione vengono proposti due coprisedili per quelli posti nella parte anteriore dell’auto.

Sono realizzati in poliestere, materiale altamente resistente che però, come fanno notare alcuni utenti non è particolarmente elastico e neanche molto traspirante.

Questo lo si nota soprattutto quando devono essere calzati sui sedili, operazione che si rivela un poco faticosa, appunto per la poca malleabilità del tessuto. Con un po’ di pazienza comunque si può avere i sedili anteriori dell’auto come nuovi. Nella zona della seduta sono anche imbottiti per offrire a guidatore e passeggero una po’ più di comfort quando sono in auto.

 

Pro

Poliestere: Quando si pensa a un materiale resistente e che non costi molto non si può non indicare il poliestere, utilizzato anche per questi coprisedili economici.

Seduta imbottita: Nella zona della seduta questi coprisedili sono forniti di una comoda imbottitura che rende più confortevole il viaggio a passeggero e conducente dell’auto dove verranno installati.

Colori: Sono proposti in quattro differenti colorazioni e quindi si vanno ad adattare a un po’ tutte le esigenze estetiche degli automobilisti che scelgono i prodotti a prezzi bassi.

 

Contro

Installazione: Chi acquista questi coprisedili deve armarsi di tanta pazienza per poterli installare sulla propria auto. Nonostante siano considerati universali per alcuni tipi di vettura non sono adatti.

Acquista su Amazon.it (€21.99)

 

 

 

Coprisedili auto in pelle

 

2. LUOLLOVE Coprisedili Universale Auto Pelle per Sedile Anteriori

 

Un coprisedile adatto a proteggere solo la seduta, che comunque è spesso la zona più soggetta ad usura. Il coprisedile è universale, anche se qualche utente che l’ha comprato per la propria utilitaria l’ha trovato un po’ grande. Di sicuro spicca per la qualità dei materiali con cui è prodotto, ovvero PU, ovvero poliuretano, ovvero uno dei migliori riguardo durata e morbidezza.

La particolarità di questo coprisedile, confrontando altre offerte simili, riguarda la presenza di carbone di bambù all’interno delle fibre, caratteristica che rende questo modello in grado di purificare l’aria all’interno dell’auto e di prevenire la formazione di batteri. La sua forma “ad onda” nella zona dove ci si va ad appoggiare il peso, migliora anche la circolazione delle gambe, opzione utile quando si affronta un lungo viaggio in auto.

Nella confezione vengono proposti due coprisedili (una per il passeggero e uno per il guidatore) che sono disponibili in vari colori che si possono tranquillamente abbinare alle tonalità del resto dei componenti presenti all’interno dell’abitacolo.

 

Pro

Carbone di bambù: Tra le fibre di questo coprisedile è presente del carbone di bambù che aiuta a rendere l’aria all’interno dell’abitacolo più sana e priva di batteri.

Circolazione: La sua forma ergonomica “ad onda” aiuta a migliorare la circolazione degli arti inferiori, utile soprattutto quando si passano diverse ore in auto o sul furgone.

Tasche: Sul bordo anteriore sono inserite due comode tasche dove è possibile inserire piccoli oggetti quali chiavi di casa o cellulare.

 

Contro

Dimensioni: Questo modello, definito universale, risulta un poco grande per i sedili delle utilitarie e comunque di quelle auto che hanno sedili molto ergonomici e avvolgenti.

Acquista su Amazon.it (€41.49)

 

 

 

Coprisedili auto per cani

 

3. Meadowlark Coprisedile per Cani Auto Posteriore Impermeabile

 

Molti automobilisti spesso non lasciano i cani a casa quando devono fare un viaggio anche breve. Ma non tutte le auto sono provviste di un bagagliaio abbastanza grande da poter alloggiare l’amico a quattro zampe in modo comodo e sicuro. Per questo motivo è necessario un coprisedile per cane, che va a proteggere la zona dei sedili anteriori e consente a “Fido” di poter avere un viaggio confortevole.

Un modello tra i più venduti online è quello proposto da Meadowlark, perché offre un’installazione veloce, materiali di alta qualità, e una protezione totale della zona passeggeri dell’automobile.

Infatti una volta installato va a ricoprire anche la parte interna delle portiere e i poggiatesta dei sedili posteriori, creando, tra la seduta di questi e quelli anteriori una zona dove il cane si può accucciare durante il viaggio. Il materiale utilizzato è antiscivolo e totalmente impermeabile, ma al tempo stesso si può lavare in lavatrice senza il minimo problema.

 

Pro

Installazione: In pochi minuti questo coprisedile per auto adatto al trasporto del proprio cane si installa nel retro dell’auto, grazie a cinghie che si agganciano ai poggiatesta dei sedili anteriori.

Insieme: Una pratica cerniera posta nel centro della zona che poggia sullo schienale si può aprire per consentire di utilizzare solo metà coprisedile e di lasciare spazio per l’installazione di un seggiolino per bambini.

Lavabile: Caratteristica molto importante per questo tipo di prodotto è la possibilità di poterlo lavare anche in lavatrice alla fine di ogni viaggio con proprio amico a quattro zampe.

 

Contro

Scivoloso: Secondo i pareri degli utenti la parte superiore del coprisedile risulta un poco scivolosa e qualche cane di fa fatica a rimanere saldamente accucciato durante il trasporto.

Acquista su Amazon.it (€35.99)

 

 

 

Coprisedili auto anteriori

 

4. Sakura Neo Coprisedili Anteriori, Set di 2

 

Tra i modelli più venduti di coprisedili auto anteriori spicca questo modello di Sakura che li vende a un prezzo molto basso. Hanno un’apertura nella zona di lato che consente agli airbag dei sedili anteriori di fuoriuscire nel malaugurato caso si dovessero attivare a causa di un incidente. Sono un modello universale, quindi difficilmente vanno ad adattarsi alla perfezione ai sedili anteriori dalla propria auto.

Nonostante questo la maggior parte degli utenti sono soddisfatti del prodotto, soprattutto in relazione al fattore qualità/prezzo. Il materiale sintetico con cui sono prodotti è altamente elastico e quindi l’installazione non è molto problematica.

Si agganciano sotto i sedili tramite degli elastici provvisti di gancetti. Il doppio colore, grigio/nero di questo modello lo rende adatto alla maggior parte delle auto a livello cromatico rispetto agli interni.  Vengono forniti in una comoda borsa trasparente dotata di cerniera che può essere riutilizzata per inserire oggetti utili magari da tenere nel bagagliaio dell’auto.

 

Pro

Qualità/prezzo: Chi cerca un coprisedile anteriore il più economico possibile ma che sia anche di discreta qualità può prendere in considerazione questo modello che rispecchia questa due caratteristiche.

Facili da montare: Il materiale con cui sono realizzati, che risulta particolarmente elastico, aiuto non poco nell’installazione che di fatto risulta agevole e veloce da eseguire.

Airbag: Sakura ha provveduto a dotare questi coprisedili anteriori di due aperture laterali per consentire agli airbag dei sedili di uscire nel caso di incidente.  

 

Contro

Materiale: Non brillano di certo per quello utilizzato per la loro realizzazione che, dopo un po’ di tempo, potrebbe lacerarsi a causa dell’usura.

Acquista su Amazon.it (€10.68)

 

 

 

Coprisedili auto estivi

 

5. Cora 000128028 Tanga Coprisedili Auto, Carta Tessile

 

Nelle giornate più calde è normale che schiena e glutei sudino a contatto con i materiali dei sedili della propria auto, soprattutto se questa non è dotata di aria condizionata.

Un metodo molto utilizzato per prevenire questo problema è affidarsi ai coprisedili auto estivi, come quelli proposta da Cora, modello 000128028. In pratica si tratta di coprisedili realizzati in carta tessile che vanno a coprire solo la parte di seduta e schienale dove il corpo va a contatto con il sedile. Questo tessuto, traspirante e leggero, in poche parole evita che schiena e glutei sudino. Sono un modello universale e si possono montare su auto, camper, veicoli commerciali e così via.

Sono spesso utilizzati dagli utenti che hanno sedili in pelle, che quando l’auto viene per forza di cose lasciata al sole diventano roventi. L’installazione è molto veloce, seguendo le esaustive istruzioni fornite in dotazione. Consentono la fuoriuscita degli airbag laterali, quindi sono compatibili anche con le auto che prevedono questo sistema di sicurezza.

 

Pro

Al fresco: Un coprisedile realizzato in carta tessile per non fare sudare schiena e glutei nelle giornate estive più torride o quando si lascia l’auto parcheggiata al sole per diverse ore.

30 secondi: Gli utenti hanno stimato che il tempo necessario per montare questi coprisedili estivi è di circa mezzo minuto, su qualsiasi tipologia di sedile.

Prezzo: Il costo non è particolarmente alto, ed è riferito ad una coppia di coprisedili, che una volta terminata la stagione estiva possono essere rimossi per essere riutilizzati con i primi caldi.

 

Contro

Seduta: Su alcuni modelli di sedili qualche utente lamenta il fatto che la zona che dovrebbe coprire la seduta risulta un poco corta rispetto alla lunghezza totale.

Acquista su Amazon.it (€17.99)

 

 

 

Coprisedili auto Disney

 

6. Coprisedili Disney Minni Coprisedili Set Completo per Auto

 

Per chi vuole dare un tocco di vivacità alla propria auto, magari cambiando o aggiungendo dei divertenti e colorati coprisedili, una buona scelta sono questi con tema Disney, per la precisione l’eterna fidanzata di Topolino, ovvero Minni. Questi coprisedili sono quindi adatti per lo più alle ragazze, visto che sfoggiano un bel color porpora nella zona dove si poggiano glutei e gambe.

Il set, venduto ad un prezzo abbordabile comprende sia i coprisedili per i sedili anteriori, sia quello per il divano posteriore. In totale ci sono quindi sei pezzi, tenendo presente che sono offerti anche i copri poggiatesta, di colore nero, come la parte esterna del coprisedile principale.

Sono realizzati al 100% in poliestere e sono compatibili con tutti i tipi di airbag laterali presenti sulle auto di ultima produzione. I coprisedili auto Disney fanno parte di una serie di accessori con lo stesso tema. Alcuni utenti non apprezzano che la seduta posteriore sia totalmente nera.

 

Pro

Minni: Tutte le fans della topolina più famosa dei fumetti possono ora personalizzare la propria auto con questo mitico personaggio.

Universali: Gli utenti sono soddisfatti che i coprisedili si adattano molto bene alla maggior parte di veicoli presenti sul mercato, anche se con alcuni modelli si fa più fatica ad installarli rispetto ad altri.

Anteriore e posteriore: Il set prevede coprisedili sia per i sedili anteriori, sia per quelli posteriori e vista la dotazione il prezzo è da considerarsi particolarmente vantaggioso.

 

Contro

Colore posteriore: Non tutti sono felici che il coprisedile anteriore, a livello della zona della seduta, sia di colore nero come il resto, mentre quelli anteriori offrono la seduta color porpora.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Coprisedili auto estivi in legno

 

7. Cora 000127406 Coprisedile Auto in Palline di Legno Naturale

 

Dall’aspetto un po’ retrò, visto che erano molto di moda negli anni ‘80, i coprisedili auto estivi in legno stanno ritornando in auge anche ai giorni nostri, soprattutto perché si rivelano molto utili durante le giornate estive rispetto ad altri modelli. Dalla loro possono contare su un materiale poco incline all’usura come legno, che al tempo stesso non si scalda anche se viene lasciato per ore sotto il sole cocente.

Da questo Cora ha realizzato un coprisedile anteriore costituito da un gran numero di palline di legno naturale tutte assemblate insieme. Inoltre queste palline hanno anche delle proprietà anti stress sulle parti del corpo che devono stare per lungo tempo ferme quando si viaggia in auto. I

l prezzo, come è logico aspettarsi, visto il materiale utilizzato, è leggermente sopra la media, visto al costo proposto viene offerto solo un coprisedile anteriore. Gli utenti sono contenti del fatto che l’installazione risulta molto veloce e senza particolari complicanze. Per sapere dove acquistare i prodotti Cora, basta cliccare il link presente in questa pagina.

 

Pro

Legno: Rispetto ad altri materiali utilizzati generalmente per la produzione di coprisedile, il legno è sicuramente tra i più “freschi” e tra quelli che meno risentono dell’usura con l’andare del tempo.

Anti-stress: La serie di palline in legno che compongono questo coprisedile hanno anche un effetto benefico per il corpo in quanto vanno a massaggiare le zone di contatto, come schiena, gambe e glutei.

Air-Bag: Anche se l’auto dove andranno installati questi coprisedili è provvista di airbag laterali non ci sono controindicazioni nell’installarli.

 

Contro

Prezzo: In comparazione con la maggior parte dei coprisedili universali, questo modello ha un costo decisamente superiore, dovuto al materiale con cui è composto.

Acquista su Amazon.it (€39.99)

 

 

 

Coprisedili auto impermeabili

 

8. Homeow Amaca Coprisedile Impermeabile per Cani Auto Posteriore

 

Per poter portare con sé durante un viaggio il proprio cane sono necessari dei coprisedili auto impermeabili e al tempo stesso lavabili per poterli sempre avere puliti e freschi quando si rendono necessari. Un modello dal prezzo consono rispetto a quello che offre è quello proposto da Homeow, che offre anche delle comode tasche aggiuntive in cui è possibile riporre giochi e cibo che saranno utili durante il viaggio del proprio amico a quattro zampe.

Le dimensioni pari a 145 x 135 cm lo rendono compatibile con tutte le tipologie di auto, dalle city car, passando per le berline fino ad arrivare ai SUV. Il nuovo coprisedile impermeabile si rende anche utile quando si devono trasportare molto liquidi che non si possono inserire, per volume, nel bagagliaio dell’auto.

L’installazione, a detta degli utenti che hanno acquistato questo coprisedile impermeabile, risulta molto semplice e la si esegue in brevissimo tempo senza particolari intoppi.

 

Pro

Lavabile: Una volta che si termina il viaggio, il coprisedile può essere velocemente rimosso e lavato anche in lavatrice per averlo di nuovo disponibile quando serve.

Installazione: Con pochi e veloci passaggi si può montare questo coprisedile nella zona posteriore dell’auto quando si vuole avere con sé il proprio cane durante un viaggio.

Standard: Le dimensioni molto standard lo rendono adatto a un po’ tutti i tipi di automobile, dalle piccole city car fino ai grandi SUV, senza dimenticare le berline di ogni genere e tipo.

 

Contro

Aderenza: In alcuni tipi di auto, soprattutto in quelle molto grandi, può capitare che non aderisca perfettamente alla seduta dei sedili posteriori, lasciando quindi meno spazio per il cane dove accucciarsi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un coprisedile auto

 

Per ridare vigore ai sedili di auto un po’ datate, oppure per preservare quelli di veicoli recenti, è necessario ricoprire questo con il coprisedile. Questo accessorio per auto viene proposto in diversi modelli, ognuno dei quali ha una prerogativa ben evidente che li differenzia dagli altri. Con la nostra guida all’acquisto vogliamo darvi una mano per avere un’idea su come scegliere un buon coprisedile auto che si possa adattare al meglio alle vostre esigenze ai sedili della vostra auto.

 

 

Universali

La maggior parte dei modelli tra i migliori coprisedili auto del 2019 sono definiti universali, ovvero possono essere installati in pratica su tutti (o quasi) i sedili presenti nei più svariati modelli di auto. La maggior parte di essi hanno un sistema di aggancio che prevede di fissarli sotto al sedile o dietro il poggiatesta.

In entrambi i casi l’operazione più difficoltosa, se così si può definire, riguarda farli aderire a pennello sul proprio sedile in modo che siano ben tirati, senza pieghe e che siano anche belli da vedere. La difficoltà di tutto ciò è da ricercare nel tipo di materiale con cui sono prodotti e su quanto sia elastico o meno.

 

Poliuretano i più utilizzato

I coprisedili più economici sono realizzati in poliuretano, un materiale poco costoso, ma altamente resistente e facilmente “colorabile”. Anche il poliuretano però è prodotto in diversi tipologie, alcune più costose di altre, in base soprattutto allo spessore. I coprisedili molto spessi però possono anche essere quelli meno elastici, e quindi l’installazione potrebbe arrecare qualche problema. Al contrario però sono anche i più resistenti tanto che durano diversi anni senza scalfirsi o consumarsi minimamente.

 

Colori e disegni

La scelta del miglior coprisedile è anche un fatto molto soggettivo. Infatti, sul mercato c’è solo l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda colori e fantasie. Per i colori, di norma si scelgono quelli che più si intonano con i colori degli interni della propria auto.

C’è però chi predilige scostarsi totalmente da questo effetto cromatico puntando di più su una personalizzazione. Per loro sono disponibili coprisedili che richiamano i personaggi dei fumetti o della TV, trame variopinte con forme geometriche sgargianti e chi ne ha più ne metta. La scelta quindi, a livello estetico, è molto personale e basta dare uno sguardo sul web per capire quanti modelli sono presenti.

 

Estivi

Chi passa molte ore in auto, in furgone o sul camion durante i mesi estivi sa quanto possa essere “caloroso” il tessuto dei sedili, soprattutto quando questi sono esposti al sole per diverse ore e magari sono rivestiti in pelle. Per tutti questi utenti sono disponibili dei coprisedili estivi, che in pratica formano una barriera tra il sedile e il corpo. Sono realizzati con materiali freschi e che subiscono meno il calore.

Tra questi c’è anche il legno, ma questi coprisedili di norma sono anche i più costosi. Però, quelli creati con tante palline allacciate l’una all’altra sono anche salutari per le parti del corpo che risentono maggiormente dello stress quando si intraprende un lungo viaggio, offrendo un massaggio benefico su queste zone del corpo a contatto con il sedile.

 

Per l’amico a quattro zampe

Un coprisedile per auto deve anche avere la proprietà di consentire il trasporto di qualcosa o qualcuno che potrebbe, involontariamente sporcarlo. Negli ultimi anni sono nati degli speciali coprisedili pensati appositamente per il trasporto dei cani. Questi vanno installati nella parte posteriore dell’auto tramite delle cinghie che vanno a chiudersi intorno ai poggiatesta dei sedili anteriori e alle maniglie di sicurezza poste sopra i finestrini. In pratica creano una zona sul retro dell’auto totalmente coperta, visto che proteggono anche portiere e tappetini.

Sono realizzati in materiali lavabili e antiscivolo, in modo che il cane si possa accucciare durante il viaggio senza scivolare a destra e manca. Alcuni modelli tra i più sofisticati sono dotati anche di una cerniera posta a metà della parte che va a contatto con lo schienale dei sedili posteriori che permette di sdoppiare il coprisedile. Questa caratteristica è importante se si portano con sé anche dei passeggeri, per offrire a quest’ultimo e al cane, due zone ben distinte dove sedersi durante gli spostamenti in auto.

 

 

Solo seduta

I modelli più economici sono quelli che prevedono di ricoprire solo la seduta del sedile. Questa zona è sicuramente quella più esposta all’usura, molto più dello schienale. Sul mercato esistono anche in questo caso diversi modelli con colori e tonalità tra le più svariate. In questo caso l’installazione è molto più semplice rispetto ai modelli “interi” ed avviene di norma in pochi minuti.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come montare i coprisedili per auto?

Per sapere come montare i coprisedili per auto è necessario banalmente seguire le istruzioni che di norma vengono allegate nella confezione. A dire il vero la metodologia che bene o male riguarda tutti i modelli è la stessa. Partendo dall’alto bisogna infilare il coprisedile come fosse una calza sul piede.

Si deve tendere per far combaciare la zona dello schienale con quella della seduta, evitando il più possibile che si formino pieghe che possono essere fastidiose una volta che ci si siede. Una volta terminato questa operazione si deve passare a ricoprire i poggiatesta, sempre che nella confezione siano presenti i relativi pezzi. Quando si acquista un coprisedile è bene controllare che quelli per i poggiatesta siano presenti, soprattutto se la vostra auto prevede sedili con appunto poggiatesta. Al contrario si otterrebbe un risultato estetico poco gradevole, con il sedile di un colore e il poggiatesta di un altro.

 

Come fare dei coprisedili per auto?

Tenendo conto dei prezzi a cui sono venduti i coprisedili per auto, imbarcarvi nella realizzazione di un modello “da zero” non appare particolarmente conveniente in termini di esborso come di semplicità nel portare a termine l’operazione. Se però avete la passione per il fai da te ma anche abilità di sartoria, la prima operazione da fare è quella di prendere le misure del sedile, utilizzando un metro da sarta. Per avere un’idea della superficie di stoffa di cui avete bisogno cominciate a misurare dalla base del sedile proseguendo poi, in perpendicolare, verso il poggiatesta. Ripetete l’operazione per la larghezza. A questo punto dovete decidere la tipologia della stoffa con cui realizzare il coprisedile e, solitamente, la scelta è tra il tessuto sintetico e il cotone. In entrambi i casi è importante che la stoffa sia elasticizzata, così da adattarla alla perfezione alla seduta.

L’ultima fase, indubbiamente quella più complicata, è la cucitura. L’operazione può essere eseguita a mano, con ago e filo, oppure utilizzando una macchina da cucire, scelta che velocizza non di poco i vari passaggi ma che necessita di una certa dimestichezza con l’apparecchio. Prestate particolare attenzione ai bordi e a scongiurare il rischio di creare parti più spesse o rigonfiamenti che poi, una volta posizionato il coprisedile, potrebbero essere esteticamente poco gradevoli o fastidiosi a contatto con la schiena.

 

 

 

Come utilizzare un coprisedile per auto

 

La scelta su quale coprisedile auto comprare è quindi molto soggettiva, ma se non si vuole rischiare con i modelli “universali” tutte le case automobilistiche prevedono coprisedili perfettamente studiati per i vari tipi di sedile. In questo caso, visto anche il prezzo decisamente superiore dei modelli “universali” è consigliata l’installazione da parte di una persona competente, per evitare strappi o altro che si possano verificare durante il montaggio.

 

 

L’importanza dei ganci

Una volta “calzato” il coprisedile la giusta tensione e il bloccaggio sul sedile avviene tramite degli elastici alle cui estremità sono fissati dei piccoli ganci.

Questi elastici, normalmente sono posti sui due lati del coprisedile e vanno agganciati nella zona centrale al di sotto del sedile. Alcuni modelli prevedono anche il fissaggio dietro il poggiatesta: questo riguarda soprattutto i modelli estivi che vanno a ricoprire solo una parte del sedile, ovvero quella che viene più a contatto con il corpo (schiena e glutei).

 

Fai da te

Sul web si possono trovare anche diversi tutorial (sia video sia testuali) su come fare dei coprisedili auto utilizzando della stoffa comprata in merceria. È chiaro che in questo caso bisogna avere una buona manualità e soprattutto bisogna disporre di una macchina da cucire.

 

 

Il lato positivo è che, prendendo le misure dei sedili della propria auto, si avranno coprisedili perfettamente adatti. Inoltre sarà possibile scegliere il colore o la fantasia preferita e anche il materiale con cui crearli. Non è però un’operazione che tutti possono fare.