Ultimo aggiornamento: 16.07.20

 

Principale vantaggio

La possibilità di collegare il proprio iPhone per poter usufruire dei comandi vocali dell’assistente Siri, in modo da effettuare chiamate o riprodurre musica senza mai togliere le mani dal volante.

 

Principale svantaggio

Non è molto intuitiva da utilizzare, specialmente se volete accedere alle funzioni più avanzate. Sebbene il manuale d’istruzioni sia abbastanza chiaro, alcune impostazioni risultano molto macchinose.

 

Verdetto: 9.3/10

Una buona autoradio che consigliamo solo a chi possiede uno smartphone con sistema operativo iOS. Questa limitazione le fa perdere qualche punto, ma comunque la premiamo con un punteggio alto per la qualità sonora e per l’effettiva presenza di moltissime funzioni utili. La configurazione poco chiara può dare qualche difficoltà nei primi tempi d’utilizzo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Perfetta per iPhone

Di solito sono le autoradio 2 DIN a offrire funzioni per l’interfaccia con smartphone o altri dispositivi, ma in questo caso ci troviamo davanti a un modello 1 DIN collegabile al proprio iPhone. Sebbene questa caratteristica sia limitante per i possessori di smartphone Android, se avete un prodotto Apple potrete accedere a delle funzioni molto interessanti. Collegando l’iPhone alla Alpine sarà possibile attivare i comandi dell’assistente vocale Siri, in modo da poter effettuare chiamate, gestire la riproduzione della musica, usare il navigatore e tanto altro. 

Potrete quindi guidare e usare l’autoradio (ecco i migliori modelli) senza dover mai togliere le mani dal volante, una garanzia per la vostra sicurezza, per i passeggeri e per gli altri automobilisti. Abbinando all’autoradio un buon microfono potrete anche fare a meno di comprare un dispositivo per il vivavoce, in quanto avrete tutto integrato e pronto all’uso. 

Il collegamento con l’iPhone avviene tramite Bluetooth, quindi dovrete attivarlo e fare il pairing con l’autoradio. Potrete anche effettuare il primo collegamento via USB, in modo da risparmiare tempo e provare subito tutte le varie funzioni. Vi informiamo che il modello è compatibile solo con iPhone 4S, iPhone 5, iPhone 6/6S e 6/6S plus.

Design

Il modello di Alpine si presenta con un’estetica accattivante che si adatta perfettamente anche ad un veicolo moderno con interni eleganti. Il layout della mascherina è abbastanza intuitivo, con tasti per le funzioni principali più grandi e facilmente individuabili. Non mancano quelli numerati per la memorizzazione delle stazioni radio preferite e quello per rispondere alle telefonate in vivavoce. 

Interessante la possibilità di poter cambiare il colore della luce LED grazie alla funzione Variable RGB Illumination. Potrete scegliere tra ben 150.000 colorazioni diverse, in modo da poterle cambiare in base al vostro umore o ai vostri gusti, abbinandole anche al colore dell’automobile o degli interni. Potrete anche modificare la luminosità, opzione molto utile quando viaggiate di notte. Accedere alla funzione per il cambio del colore non è molto intuitivo, infatti vi consigliamo di leggere attentamente il manuale. 

Per quanto riguarda il suono, potete usare l’equalizzatore a nove bande o scegliere diversi preset indicati per diversi generi musicali. In generale possiamo ritenerci soddisfatti dai bassi potenti del Bass Engine SQ che colpiscono specialmente se si dispone di un buon subwoofer.

 

Lettore CD e USB

Se avete già dato un’occhiata alle diverse autoradio 1 DIN sul mercato, vi sarete probabilmente accorti che la maggior parte dei modelli non presenta un lettore CD. Se amate ascoltare la vostra collezione di dischi anche in macchina, potete puntare sul sicuro acquistando l’Alpine. 

Il lettore integrato potrà leggere CD originali e riscrivibili, così potrete inserire CD-RW con mp3 e ascoltarli mentre guidate, oppure creare copie dei vostri originali in modo da non rovinarli. Oltre al lettore CD avrete la possibilità di collegare le pen-drive alla porta USB per ascoltare MP3 divisi in cartelle. 

Non manca la porta mini jack da 3,5 mm per cavi AUX, utile per il collegamento con iPod o altri dispositivi per l’ascolto della musica digitale. Potrete passare facilmente da una fonte all’altra premendo sul tasto ‘Source’, uno di quelli più in evidenza sul layout dell’autoradio.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 16.07.20

 

Principale vantaggio

L’autoradio di Kenwood unisce diverse funzioni per dare all’utente la possibilità di ascoltare musica da diverse fonti e sfruttare il Bluetooth per il vivavoce. Una soluzione ideale se viaggiate molto per lavoro e volete un’autoradio capace di intrattenervi con musica e stazioni radio, ma a che allo stesso tempo vi torni utile per le telefonate con i clienti e i vostri familiari.

 

Principale svantaggio

Il design lascia un po’ a desiderare, con tasti molto piccoli che possono risultare difficili da vedere e da premere se avete le mani molto grandi, specialmente durante la guida. La mancanza del lettore CD può farvi storcere il naso, soprattutto se siete soliti ascoltare musica su supporto fisico e avete una bella collezione di dischi a casa che amate ascoltare anche mentre siete in viaggio.

 

Verdetto: 9.4/10

Si tratta di un’ottima autoradio (ecco la lista dei migliori prodotti) che non a caso rientra tra le migliori dell’anno. Siamo costretti a toglierle qualche punto a causa del design complessivo, ma comunque la premiamo con un punteggio molto alto. Merito soprattutto della sua versatilità che vi permette di usarla per l’ascolto di musica in digitale da diverse fonti e per attivare il vivavoce sugli smartphone.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Vivavoce

Una delle caratteristiche più particolari del modello vi permette di utilizzare il vivavoce per effettuare o ricevere chiamate. Al pari dei migliori dispositivi vivavoce, questa autoradio si può collegare con ben due dispositivi tramite Bluetooth, quindi se possedete due smartphone sarà possibile sfruttare il vivavoce su entrambi. 

Potrete facilmente passare da un dispositivo all’altro tramite la semplice pressione di un tasto sull’autoradio, una funzione molto utile se viaggiate molto per lavoro e dovete usare sia il telefono aziendale sia quello personale per parlare con clienti e familiari. 

Per poter utilizzare il vivavoce al meglio potete abbinare un microfono all’autoradio, in modo da poter parlare con più chiarezza con il vostro interlocutore. La connessione Bluetooth vi permette anche di ascoltare la musica sul vostro smartphone o tablet, come anche podcast o le informazioni del navigatore GPS.

USB

Oltre alla possibilità di collegare dispositivi via Bluetooth, questa autoradio dispone di uscita USB grazie alla quale potrete utilizzare le vostre pen-drive con file MP3 per poterli ascoltare con le casse del vostro impianto. 

Il dispositivo supporta la maggior parte dei formati, inclusi quelli ad alta qualità come FLAC e WAV, ideale se volete convertire i vostri CD in digitale con una buona compressione per ascoltarli al meglio. Grazie alla porta USB potrete anche collegare un iPod di Apple per poter ascoltare la musica presente sul dispositivo. 

Durante l’ascolto della musica su pen-drive o iPod potrete regolare le frequenze tramite l’equalizzatore per cercare di ottenere il miglior suono possibile. Segnaliamo l’assenza dell’uscita AUX, non una grave mancanza, ma che sarebbe stata comunque gradita visto che l’autoradio è sprovvista di un lettore CD.

 

Radio

La ricezione delle radio è di ottimo livello, potrete infatti trovare subito la vostra stazione preferita senza perdere troppo tempo e salvarla in memoria attribuendola ad uno dei diversi tasti numerati sotto il display LCD. In questo modo basterà la sola pressione di un tasto per trovare quella giusta, molto utile se in macchina siete da soli e volete cambiare stazione senza distrarvi troppo dalla guida. 

Dovrete solo abituarvi ai tasti che all’inizio possono sembrare davvero troppo piccoli e difficili da premere. Degna di nota è funzione Program Type che vi permette di scegliere tra diversi programmi radiofonici pre-salvati nell’autoradio e divisi in 31 tipologie. Potrete quindi ascoltare le radio dedicate alla musica, quelle per le notizie sul traffico e quelle dove vengono trasmesse le radiocronache degli incontri sportivi.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 16.07.20

 

Principale vantaggio

L’autoradio di JVC risponde alle nuove richieste di mercato con una elevata connettività per l’ascolto di musica digitale. È possibile usare pen-drive per l’ascolto di MP3 collegandole all’apposita porta USB, oppure effettuare il collegamento con dispositivi via AUX. La funzione più interessante è la possibilità di connettere via USB tutti gli smartphone con sistema Android per l’ascolto della musica. 

 

Principale svantaggio

Come molte autoradio moderne, anche questa non dispone di un lettore CD. Questa mancanza può essere un deterrente all’acquisto, specialmente se avete una bella collezione di dischi che volete ascoltare mentre guidate.

 

Verdetto: 9.5/10

Visto il suo ottimo rapporto qualità-prezzo ci sentiamo di attribuire a questa autoradio un punteggio molto alto. La semplicità di utilizzo si unisce a funzioni innovative, sebbene utilizzabili solo se possedete uno smartphone con sistema operativo Android che non sia troppo datato. In caso contrario, vi consigliamo di optare per un altro modello, tenendo conto anche dell’assenza di lettore CD che vi impedisce di sentire musica su disco.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Pratica

L’autoradio di JVC si presenta con un design compatto che si rivela ideale per l’installazione su veicoli di piccole dimensioni. Ve la consigliamo se possedete un’utilitaria e volete sostituire il modello di serie ormai datato. 

Il montaggio è molto semplice, quindi se volete risparmiare sull’elettrauto vi basterà leggere attentamente le istruzioni o seguire qualche tutorial per poterla installare senza alcuna difficoltà. Il design del modello con pochi tasti e una manopola per il volume vi consente di trovare subito il comando giusto, in modo da poter cambiare traccia o stazione radio velocemente. 

Sarà possibile anche attivare la riproduzione da USB e selezionare le cartelle contenenti i file musicali, come anche accedere rapidamente all’equalizzatore. Questa autoradio è davvero ottima per chi cerca un modello senza troppi fronzoli da utilizzare per il semplice ascolto della radio e dei file multimediali.

Connettività

Al pari di tantissime altre autoradio moderne, anche il modello di JVC si concentra al massimo sull’ascolto di musica attraverso dispositivi digitali, fornendo connessione tramite cavo AUX o USB. Grazie a quest’ultima porta potrete collegare sia pen-drive sia smartphone o tablet con Android per poter ascoltare la musica in libreria, una soluzione ideale per portare in macchina intere playlist musicali dei vostri artisti preferiti in tutti i formati, anche in FLAC ad altissima qualità. 

Notate che se i vostri dispositivi non dispongono di sistema operativo Android (oppure è molto datato) sarà impossibile usufruire di questa funzione. Grazie al cavo AUX sarà possibile collegare diversi dispositivi come tablet, smartphone e anche lettori CD portatili. 

Una soluzione molto utile, specialmente considerando l’assenza del lettore CD nell’autoradio, una scelta comune a molte ditte produttrici, per abbassare i costi di produzione in favore dell’integrazione di tecnologie per l’ascolto di musica digitale.

 

Qualità sonora

Nonostante il prezzo conveniente e il design minimale, questa autoradio sorprende a livello sonoro grazie a una resa eccellente di tutte le frequenze. La possibilità di configurare l’equalizzazione a seconda del genere musicale vi permette di ottenere la massima qualità sonora su ogni brano che ascolterete. 

I bassi potenti e precisi incontrano alti definiti che potranno fare la vostra felicità anche se siete degli audiofili. Ovviamente il tutto può migliorare ulteriormente se collegate l’autoradio a dei tweeter e a un subwoofer di qualità, ma anche senza un buon impianto potrà comunque darvi molte soddisfazioni. 

La qualità audio vi permette di ascoltare con precisione anche le informazioni dei vari radiogiornali e quelle sul traffico, molto importanti quando viaggiate in autostrada. La ricezione delle stazioni si attesta su ottimi livelli, potrete anche memorizzare le vostre preferite sui diversi tasti in modo da trovarle immediatamente, senza doverle cercare manualmente.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Ultimo aggiornamento: 16.07.20

 

Principale vantaggio

Le dimensioni ridotte della telecamera la rendono estremamente pratica. Potrete portarla con voi ovunque andate, mettendola nella borsa, nello zaino o addirittura in tasca ogni volta che uscite dall’automobile. Una caratteristica molto utile che vi permette di evitare spiacevoli furti.

 

Principale svantaggio

La Dashcam non dispone di un sistema di illuminazione video particolarmente potente, per questo non è tra le più precise sul mercato. Per questo sarà difficile usarla per aiutarsi nei parcheggi, ma rimane comunque molto utile per registrare video di incidenti da usare come testimonianza.

 

Verdetto: 9.6/10

Non è la migliore telecamera per auto dell’anno ma, se state cercando un modello compatto e facile da utilizzare, potrebbe fare al caso vostro. La qualità video di buon livello si unisce ad un angolo di visuale ampio che permette riprese dettagliate in caso di incidenti o atti di vandalismo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Compatta

Le telecamere per auto sono spesso una ‘preda’ ambita dai ladri, per questo le dimensioni ridotte del modello di SuperEye possono fare la differenza. La telecamera si presenta con misure pratiche che permettono di gestirla al meglio. Potrete montarla facilmente grazie al comodo sostegno a ventosa, applicandola al vetro in modo da poterla tenere sempre d’occhio. 

Il design semplice vi consente di vedere chiaramente lo schermo senza distrarvi dalla guida, adattandosi ad ogni tipo di automobile, anche quelle più moderne. L’installazione non richiede alcun tipo di intervento professionale, basterà leggere attentamente le istruzioni per poterla completare senza troppi grattacapi. 

Una volta parcheggiati, potrete rimuovere la telecamera e metterla nello zaino, nella borsa o in tasca senza occupare troppo spazio. 

Qualità video

Sebbene non possiamo lodare la luminosità delle immagini in quanto troppo scarna, per quanto riguarda l’angolo di visuale e la definizione non possiamo proprio lamentarci. Al pari di altri modelli più costosi, la Dashcam si presenta con una risoluzione di 1080p che vi permette di distinguere chiaramente tutti i dettagli. Questo vi tornerà molto utile quando dovrete rivedere dei video per capire dinamiche di incidenti o scoprire tentativi di furto. 

Allo stesso modo il grandangolo di 170 gradi permette alla telecamera di catturare oggetti in movimento anche ai lati, ideale per non perdere neanche un dettaglio. Un lieve svantaggio sono i frame per secondo dei video che si fermano a 30 fps, cosa che rende più difficile (ma non impossibile) capire cosa succede se l’azione ripresa è troppo veloce.

 

Funzioni

La Dashcam vanta una serie di funzioni molto utili che potrete sfruttare a vostro piacimento per far fronte a diverse situazioni. La presenza di un rilevatore di movimento consente alla telecamera di avviarsi automaticamente nel caso ci siano presenze vicino all’automobile, così potrete vedere le riprese e capire se qualcuno ha provato a rubare l’automobile o ha commesso atti vandalici. 

Per quanto riguarda le registrazioni, avverranno in modo ciclico, quindi non dovrete preoccuparvi di eliminare i file per poter liberare la memoria della telecamera in modo da creare nuovi video. Una volta avviata la registrazione, i vecchi file verranno sovrascritti da quelli nuovi, quindi potrete tenere accesa la telecamera senza preoccuparvi di doverli gestire manualmente. Nel caso vogliate salvarne una, vi basterà collegare la telecamera al PC o al laptop tramite il cavo USB ed effettuare il trasferimento dei file. 

La registrazione ciclica incide sulla carica della batteria che si esaurirà più lentamente. Il modello dispone anche di monitoraggio del parcheggio, sebbene vi consigliamo di usarlo solo in condizioni di buona visibilità, in quanto la visione notturna lascia molto a desiderare. 

Non manca il sensore per le vibrazioni che attiva immediatamente la telecamera in caso di tamponamento, così potrete esporre denuncia alle forze dell’ordine anche se l’automobilista ‘furbo’ si è allontanato dopo avervi ammaccato la carrozzeria.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 16.07.20

 

Principale vantaggio

Le dimensioni compatte e il design pratico vi permettono di collocare il Jabra sul parasole del posto di guida, in modo da non occupare spazio. Lo speaker molto ampio consente di ascoltare chiaramente la voce dell’interlocutore, musica da smartphone, informazioni del navigatore satellitare e tanto altro senza alcuna interferenza.

 

Principale svantaggio

Il volume del vivavoce auto è troppo basso per un utilizzo su camion o furgoni. Questo difetto però è accomunabile a tutti i vivavoce di questa fascia di prezzo, quindi se guidate mezzi pesanti sarete costretti a spendere molto di più e comprare un modello adatto alle vostre esigenze.

 

Verdetto: 9.8/10

Sebbene non sia un modello professionale per chi guida camion, questo prodotto potrà soddisfare le esigenze di pendolari o commerciali che sono soliti macinare molti chilometri in autostrada durante la propria giornata lavorativa. Il vivavoce torna molto utile anche per lunghi viaggi di piacere, in quanto sarà possibile sfruttare l’altoparlante per diverse funzioni. Da non sottovalutare la possibilità di collegare due dispositivi tramite Bluetooth.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Design

A differenza di altri vivavoce auto composti da due o più componenti, questo si presenta con un design che unisce altoparlante, tasti e sistema di fissaggio in un unico singolo pezzo. In questo modo potrete sistemarlo con facilità dietro il parasole del posto di guida, in modo da poter accedere ai comandi rapidamente e tenere sempre una mano sul volante. 

Quello che più colpisce del Jabra Drive è il suo altoparlante, molto più ampio rispetto a quello di altri modelli. Grazie allo speaker e alla qualità audio di buon livello potrete ascoltare chiaramente la voce dell’interlocutore o la musica presente sui vostri telefoni, una soluzione ideale se avete un’autoradio molto datata. 

L’altoparlante torna molto utile anche per sentire le informazioni del navigatore GPS dello smartphone, in modo da non sbagliare mai strada.

Connettività

Chi lavora come commerciale o rappresentante spesso si trova costretto ad utilizzare due telefoni contemporaneamente: uno aziendale e uno personale. Grazie alla funzione multipunto di questo modello potrete collegare due dispositivi per utilizzare il vivavoce o sfruttare l’altoparlante per altre funzioni. 

In questo modo potrete ricevere ed effettuare chiamate sul telefono aziendale e su quello personale in modo da poter parlare con clienti e familiari tenendo ben salde le mani sul volante, guidare con sicurezza e non infrangere la legge. La connessione dei dispositivi al vivavoce avviene tramite Bluetooth, quindi prima di acquistarlo assicuratevi che i vostri smartphone abbiano questa funzione. 

Potrete anche usare un telefono per le chiamate e l’altro per il navigatore o per l’ascolto della musica. Se viaggiate in coppia o con tutta la famiglia potete collegare due smartphone in modo da poter consentire anche al passeggero di poter parlare al telefono mentre tiene le mani libere.

 

Funzioni

Il vivavoce non ha niente da invidiare ad altri modelli sul mercato per quanto riguarda le funzioni e la carica della batteria. Dispone di un rilevatore di movimento in grado di determinare la vostra presenza al posto di guida e accendere automaticamente il dispositivo per renderlo immediatamente pronto all’uso. 

In questo modo non dovrete ricordarvi di accenderlo o spegnerlo manualmente, inoltre basterà effettuare il pairing con i dispositivi una sola volta. Non manca il filtro per la riduzione del rumore, molto utile per parlare al telefono mentre siete in autostrada, sebbene questo non sia abbastanza efficace per un utilizzo su camion e altri mezzi pesanti. 

La batteria può durare fino a 20 ore di utilizzo continuo, quindi con una sola ricarica potrete usare il vivavoce per tutta la giornata o per un viaggio in automobile molto lungo. Quando non viene utilizzato entra automaticamente in standby, modalità nella quale potrà durare un mese. La batteria si potrà ricaricare semplicemente tramite collegamento USB con dispositivi per la ricarica come powerbank, laptop o altro.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 16.07.20

 

Principale vantaggio

Un vivavoce innovativo e funzionale, dispone di diverse tecnologie innovative come il rilevatore di movimento per l’accensione automatica che vi permette di risparmiare sulla carica della batteria, il filtro per la riduzione del rumore per le telefonate e la connessione multipla per smartphone per poter gestire contemporaneamente due dispositivi.

 

Principale svantaggio

Come molti vivavoce per auto, questo modello non si può utilizzare su mezzi pesanti molto rumorosi come camion o furgoni di grossa cilindrata. Il volume risulta troppo basso e viene facilmente sovrastato anche se impostato al massimo.

 

Verdetto: 9.8/10

L’unione tra l’ottimo rapporto qualità-prezzo e la tecnologia innovativa rende questo vivavoce uno dei migliori dell’anno. La batteria durevole è ideale per chi viaggia molto in automobile per lavoro e dispone di telefono aziendale e personale. Il filtro per la riduzione del rumore permette di farsi capire dall’interlocutore e allo stesso tempo di sentire la sua voce senza interferenze. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Connettività

Il vivavoce auto (ecco i migliori modelli) di Avantree si presenta con funzione Multipunto, una caratteristica molto ricercata da chi viaggia molto per lavoro. Potrete collegare due telefoni tramite il Bluetooth, usando il vivavoce su entrambi in modo completamente autonomo. Questo torna davvero molto utile se possedete un telefono personale e uno aziendale che utilizzate ogni giorno per comunicare con i vostri clienti e i vostri familiari. 

Una volta effettuata la connessione dei dispositivi, il modello di Avantree gestirà automaticamente la connessione per il vivavoce, così non dovrete premere alcun tasto se non quello per rispondere. 

Oltre al lavoro, potete usare questa funzione per ascoltare musica su uno smartphone mentre usate l’altro per telefonare. Allo stesso modo può tornare molto utile se viaggiate in coppia o con la famiglia, così anche i passeggeri potranno parlare al telefono lasciando le mani libere.

Tecnologia

Sebbene si presenti con un prezzo basso, questo vivavoce auto dispone delle funzioni tecnologiche presenti in altri modelli più costosi. Il sensore di movimento integrato attiva l’accensione automatica del dispositivo ogni volta che entrate in auto e vi sedete al posto di guida. 

Allo stesso tempo, il vivavoce si collegherà automaticamente ai vostri telefoni non appena aprite la portiera dell’automobile, così non dovrete eseguire la connessione manuale ogni volta che lo vorrete riutilizzare. L’altoparlante dispone di un filtro per la riduzione del rumore che vi permette di parlare facendovi sentire chiaramente dall’interlocutore, senza alcuna interferenza provocata dal suono del vento quando viaggiate in autostrada. 

L’audio cristallino vi permette di sfruttare l’altoparlante del vivavoce anche per ascoltare le informazioni del navigatore satellitare, musica e podcast da smartphone o le ultime notizie. L’unico neo è che non risulta efficace nei mezzi pesanti come i camion o furgoni, anche alzando il volume al massimo.

 

Batteria

Uno dei fattori più importanti da tenere in considerazione quando si cerca un vivavoce auto è la durata della batteria. Se siete soliti usare sovente il telefono mentre siete alla guida, allora il modello di Avantree può soddisfare le vostre esigenze grazie ad una durata elevata. Con ben 22 ore di utilizzo complessivo con una sola ricarica, potrete sfruttare il vivavoce per tutto l’arco della giornata, una soluzione ideale anche per compiere lunghi viaggi in automobile. 

Quando non lo usate, il vivavoce entrerà in modalità ‘standby’ aumentando la durata senza ricarica fino a 600 ore. Il sensore di movimento permette di risparmiare sulla carica della batteria, in quanto farà entrare il vivavoce in standby appena uscite dal veicolo. 

In alternativa potrete spegnerlo manualmente, in modo da essere sicuri di trovarlo sempre carico e pronto all’uso ogni volta che vi mettete alla guida. La batteria si potrà carica grazie ad un cavetto USB che potrete collegare a qualsiasi dispositivo per la ricarica (laptop, powerbank, PC desktop, etc.) oppure alla porta dell’accendisigari tramite l’apposito adattatore.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 16.07.20

 

Non bisognerebbe mai togliere gli occhi dalla strada quando si è al volante, tantomeno per lanciare uno sguardo allo smartphone. Vediamo dunque come usare il cellulare alla guida in modo sicuro.

 

Basta uno sguardo allo schermo dello smartphone per vedere se sono arrivati messaggi su Whatsapp o su Facebook per mettere a repentaglio la propria sicurezza e quella di altri automobilisti o pedoni. Cellulare e automobile non sono mai andati a braccetto, infatti se lo si utilizza al volante sono previste delle multe severissime e in alcuni casi anche il ritiro della patente. 

Con l’arrivo degli smartphone il livello di distrazione è aumentato ulteriormente, a causa delle molteplici app di messaggistica o social network che forse controlliamo un po’ troppo spesso anche quando siamo alla guida. 

Anche controllare il navigatore spesso può portare a delle distrazioni, specialmente se tenete il vostro smartphone sul cruscotto senza alcun tipo di aggancio. Ci sono diversi metodi per utilizzare il cellulare in tutta sicurezza mentre siete alla guida, quindi perché non usufruirne?

Vivavoce

Un buon vivavoce auto è la soluzione migliore per chi è solito ricevere ed effettuare tantissime telefonate mentre guida. Se un po’ di tempo fa i vivavoce erano integrati negli impianti di serie dei veicoli più costosi, al giorno d’oggi si possono comprare dei dispositivi a basso prezzo in grado di collegarsi via Bluetooth con uno o più smartphone per le chiamate. 

Le moderne tecnologie inoltre hanno permesso alle ditte di sviluppare dei vivavoce con comandi vocali, quindi una volta sistemati in automobile non dovrete premere alcun tasto per rispondere o per chiamare. Potrete anche associare il vivavoce al vostro assistente virtuale come Google Assistant o Siri, in modo da accedere a diverse funzioni senza mai togliere le mani dal volante. Dovete solo trovare il vivavoce compatibile con il sistema operativo del vostro smartphone (Android o iOS), in modo da poterlo usare al massimo delle sue potenzialità. 

I vivavoce per auto si attaccano al parasole del cruscotto, quindi non saranno per niente ingombranti. Alcuni modelli permettono di gestire ben due telefoni contemporaneamente, una soluzione particolarmente utile nel caso abbiate un telefono privato e uno aziendale.

 

Sostegno per smartphone

Siete soliti portare il vostro smartphone nel cruscotto o in tasca mentre guidate? Vi lamentate di sbagliare spesso strada con il navigatore perché non riuscite a vedere la svolta in tempo? Bene, allora vi serve un attacco per smartphone che vi permette di tenerlo sempre bene in vista. 

I supporti per smartphone si presentano in due parti: una ventosa e un sostegno ad incastro per il telefono. La ventosa andrà attaccata al vetro dell’automobile, possibilmente in un punto dove non vi oscuri la visuale e facilmente visibile con un’occhiata veloce. Sulla ventosa ci sarà il sostegno, dove dovrete attaccare lo smartphone. Nel caso la ventosa non vi convinca, potete attaccare il supporto al filtro dell’aria condizionata.  

Ovviamente ogni modello avrà dimensioni diverse, quindi sarà necessario trovare quello giusto. Un buon sostegno per smartphone vi consente sia di controllare e impostare il navigatore, sia di passare da un’app all’altra con più facilità. Se abbinato ad un vivavoce, questo articolo vi permetterà di avere tutto a portata di mano senza mai distrarvi mentre guidate.

 

Apple Carplay

Questa moderna funzione presente nelle autoradio 2 DIN (quelle con il display) di ultima generazione funziona solo con smartphone iOS targati Apple. Collegando il cellulare alla radio tramite un cavo USB o Bluetooth potrete attivare la funzione per lo schermo condiviso. Questo vuol dire che i contenuti sul display del vostro smartphone verranno trasmessi a quello dell’autoradio, quindi sarà possibile usare tutte le app compatibili come il navigatore o lettori multimediali. 

Si tratta di un metodo particolarmente efficace che vi consente di visualizzare tutte le informazioni su uno schermo più ampio, senza rinunciare alle performance garantite dagli smartphone iOS. 

Esiste anche la controparte di Android, chiamata Android Auto che presenta le stesse funzioni. Entrambi i sistemi si possono utilizzare con il vivavoce, quindi risultano molto sicuri. L’unico inconveniente è che le autoradio 2 DIN con Apple Carplay e Android Auto sono ancora abbastanza costose, inoltre l’installazione non è semplicissima quindi spesso occorre rivolgersi ad un elettrauto.

Cavo AUX

Una soluzione davvero economica è quella di collegare il vostro smartphone all’autoradio tramite cavo AUX ed attivare la funzione vivavoce per le chiamate direttamente dalle opzioni del telefono. In questo modo potrete ascoltare la voce dell’interlocutore dalle casse dell’impianto e parlare direttamente nel microfono dello smartphone. 

Dovrete alzare un po’ la voce e potreste avere delle interferenze, quindi diciamo che non è proprio il massimo per le chiamate di lavoro. Vi consigliamo questo metodo solo se usate l’automobile in maniera sporadica e non siete soliti fare o ricevere chiamate importanti mentre siete al volante. 

Se volete ascoltare un po’ di musica invece è l’ideale, in quanto selezionando la fonte AUX dall’autoradio potrete riprodurre le vostra playlist dello smartphone sull’impianto dell’automobile.

 

 

Ultimo aggiornamento: 16.07.20

 

Indispensabile per guidare con sicurezza e parlare al telefono, il vivavoce è un dispositivo pratico che tutti possono utilizzare senza particolari difficoltà.

 

La frenesia del lavoro e della vita moderna ha dato vita alla necessità di parlare con i clienti o con i propri cari anche mentre si viaggia. Il Codice della Strada però non perdona chi guida mentre parla al telefono, tenendo una sola mano sul volante, punendo con multe salatissime e con il ritiro della patente, sia in città sia sulle strade a percorrenza veloce. 

Con un regolamento sempre più rigido, sembra che gli italiani stiano finalmente imparando a non correre rischi e a tenere tutte e due le mani ben ferme sul volante. Il merito va anche allo sviluppo tecnologico che ha permesso la produzione di dispositivi vivavoce per auto Bluetooth. 

Fino a qualche tempo fa il vivavoce era una tecnologia abbastanza rara che si trovava solo in alcuni impianti di serie delle automobili prodotte dalle marche più prestigiose. Ora grazie alle connessioni wireless è possibile installare un kit vivavoce nel proprio veicolo, anche se non si dispone di particolari autoradio. Il vivavoce si collegherà automaticamente allo smartphone tramite Bluetooth, quindi il procedimento d’installazione e configurazione è abbastanza semplice.

Come si installa

Il vivavoce auto più venduto si presenta in un singolo componente solitamente di forma rotonda che al centro presenta uno speaker con comandi per regolare il volume e rispondere o rifiutare chiamate. Il dispositivo non presenta alcun cavo, quindi non avrete bisogno di effettuare complicati collegamenti con il vostro impianto audio. 

Il vivavoce si posiziona sul parasole del posto di guida grazie a una clip o al velcro che permetterà di tenerlo attaccato saldamente senza farlo cadere. Prima di posizionarlo però vi consigliamo di effettuare il ‘pairing’ con il vostro smartphone. 

Come si fa? Semplice! Accendete il vivavoce, poi prendete il vostro smartphone e andate nelle impostazioni toccando l’apposita icona. Da qui dovreste trovare la voce ‘connessione dispositivo’, toccatela e una volta dentro trovate la voce Bluetooth. Attivandola dovreste riuscire a vedere un elenco dei dispositivi compatibili presenti nella zona. Individuate il nome del vostro kit vivavoce e toccatelo. 

Ora lo smartphone dovrebbe connettersi al vivavoce e se le cose vanno a buon fine dovreste sentire un segnale acustico. Una volta configurato potrete sistemarlo sul parasole in modo da poter raggiungere facilmente i tasti. I kit vivavoce più innovativi dispongono anche di comandi vocali configurabili con Siri di Apple e il Google Assistant, grazie ai quali potrete scrivere messaggi con la voce, chiedere informazioni sul meteo, trovare contatti in rubrica e configurare il navigatore. Si tratta di una caratteristica molto comoda, specialmente se tendete a passare una buona parte della vostra giornata lavorativa in macchina.

Come funziona

Adesso non vi resta che provare l’effettivo funzionamento: chiamate un vostro caro o fatevi chiamare per provare se il vivavoce funziona correttamente. Per rispondere ad una telefonata vi basterà premere sull’apposito tasto del vivavoce oppure usare il comando vocale apposito. Potete aggiustare il volume in base alle vostre preferenze, il nostro consiglio è di non tenerlo mai troppo alto. 

I migliori kit vivavoce dispongono di un filtro per l’isolamento dei rumori esterni, in modo da permettere agli utenti di poter sentire chiaramente la voce dell’interlocutore e di parlare senza interferenze. Si tratta di un sistema molto apprezzato specialmente da chi deve fare telefonate importanti mentre si trova al volante.

Il vivavoce è alimentato da una batteria che può avere una diversa autonomia a seconda del modello. La durata media di una batteria del vivavoce è di 16 ore di chiamate continue, mentre in standby può durare fino a 100 ore o più. Nel caso abbiate bisogno di stare molto al telefono, potete optare per un vivavoce leggermente più costoso con 22 ore di autonomia per le chiamate e 400 o 600 ore di stand-by. 

Per risparmiare sulla carica della batteria, vi consigliamo di scegliere un vivavoce con sistema di accensione e spegnimento automatico. Questa tipologia dispone di un sensore di movimento che a seconda della vostra presenta in automobile accenderà il vivavoce o lo terrà spento. Così non dovrete ricordarvi di disattivarlo ogni volta che uscite dall’automobile e potrete tenerlo sempre pronto all’uso.

Tra le funzioni aggiuntive di alcuni kit vivavoce segnaliamo la possibilità di collegare due smartphone contemporaneamente, particolarmente utile se possedete un telefono aziendale e uno personale. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 16.07.20

 

Parliamo di un dispositivo indispensabile per poter guidare in tutta sicurezza mentre effettuate o ricevete chiamate.

 

Vi capita mai di dover togliere le mani dal volante per poter rispondere a una telefonata? Se lo avete fatto recentemente e non siete stati fermati dalle forze dell’ordine allora siete stati molto fortunati! Le contravvenzioni per chi parla al cellulare mentre è al volante sono molto severe, comprendono infatti multe salatissime e il ritiro della patente. 

Nei prossimi anni in Italia le leggi diventeranno ancora più dure, quindi è meglio prevenire, guidando nella massima sicurezza per sé stessi e per il prossimo. La soluzione più efficace per poter parlare al telefono senza rischi mentre si guida è il vivavoce.

Ci sono diversi modi per poter utilizzare il vivavoce, si può infatti attivare direttamente sul proprio smartphone sia dalle impostazioni, sia toccando l’apposita icona durante una telefonata. Questo metodo è abbastanza efficace per chiamate occasionali, ma poco adatto se dovete fare delle importanti chiamate di lavoro in quanto le casse e il microfono dello smartphone non riescono ad isolare i rumori di sottofondo. 

Potete collegare lo smartphone all’autoradio tramite cavetto AUX, in modo da fare uscire la voce dell’interlocutore dalle casse dell’impianto di serie. Questo però non elimina il problema del microfono, quindi si tratta sempre di una soluzione abbastanza approssimativa. Quella più adatta invece è acquistare il miglior vivavoce auto per le proprie esigenze.

Come installare il vivavoce

Il vivavoce per auto si presenta come un dispositivo compatto che consiste in due parti: una cassa da attaccare dietro il parasole dell’automobile e un auricolare da appoggiare all’orecchio. Alcuni modelli sono composti da un solo componente che include microfono e cassa. Installare il vivavoce è un gioco da ragazzi: non dovrete fare altro che fare il ‘pairing’ Bluetooth con il vostro smartphone, cercandolo tra i dispositivi disponibili. 

Una volta eseguita la connessione, dovreste ricevere un avviso acustico dalla cassa del vivavoce, segnale che tutto è andato a buon fine. Per provare il volume potete farvi telefonare, così sarà più facile regolare tutte le impostazioni. 

I moderni vivavoce dispongono di comandi vocali, ottimi per rispondere velocemente senza dover mai staccare le mani dal volante. Nel caso il dispositivo acquistato sia compatibile con Siri o con il Google Assistant, avrete la possibilità di configurarlo per poter accedere alla rubrica, al navigatore o il lettore multimediale sempre tramite la vostra voce. 

Prima di acquistare il vivavoce dovete solo stare attenti alla compatibilità con il sistema operativo del vostro smartphone, in quanto alcuni possono funzionare solo con iOS di Apple e altri con Android.

 

Come attivare il vivavoce

Se avete impostato i comandi vocali dovrete semplicemente pronunciare le parole corrette per poter effettuare o rispondere alle telefonate. Di solito i comandi vocali sono molto semplici e consistono in semplici frasi da dire lentamente. 

Nel caso invece non siate particolarmente amanti dei comandi vocali e volete usare un vivavoce classico, allora potrete usare i comandi sull’auricolare, utili per rispondere o rifiutare le telefonate, oltre al controllo per il volume. Per selezionare chi chiamare dalla rubrica dovrete usare lo schermo del vostro smartphone, per questo vi consigliamo di acquistare un sostegno a ventosa o da applicare al filtro dell’aria condizionata. 

I vivavoce dispongono di insonorizzazione per i rumori di fondo, quindi in generale la qualità audio dovrebbe essere soddisfacente. Nel caso il segnale sia disturbato, provate a effettuare nuovamente il ‘pairing’ con il Bluetooth.

La batteria

Il vivavoce è alimentato da una batteria interna che può avere una capacità diversa a seconda del modello. Vi consigliamo di fare attenzione a questa caratteristica, in quanto un dispositivo con una carica bassa potrebbe durare per due o tre chiamate per poi scaricarsi del tutto. Se siete soliti stare molte ore al telefono mentre guidate, allora vi suggeriamo di optare per un vivavoce con un’autonomia di 22 ore e di più di cento ore in modalità standy-by. 

Questi possono costare leggermente di più rispetto agli altri modelli, quindi se non avete particolari necessità potete optare per un prodotto con 16 ore di autonomia. Per quanto riguarda l’attivazione e lo spegnimento, i vivavoce di ultima generazione dispongono di un rilevatore di movimento. 

Questo vuol dire che appena entrerete in automobile il vivavoce si accenderà automaticamente, per poi spegnersi una volta che sarete usciti. Si tratta di una funzione non indispensabile, ma che vi permetterà di risparmiare sulla carica della batteria.

 

 

Ultimo aggiornamento: 16.07.20

 

Principale vantaggio

La modalità Dual Mode permette di collegare due dispositivi contemporaneamente. Questo vi consente di effettuare chiamate in vivavoce con due telefoni, una funzione particolarmente utile se ne avete uno personale e uno che utilizzate solo ed esclusivamente per il lavoro. Potete anche decidere di collegare un telefono per le chiamate, mentre utilizzate l’altro per il navigatore e la riproduzione dei file musicali, gestendo il tutto tramite comandi vocali.

 

Principale svantaggio

Rispetto ad altri kit vivavoce, il Parrot si presenta con un prezzo davvero molto elevato, non proprio adatto se volete risparmiare. Vi consigliamo di investire in questo prodotto solo se viaggiate molto in automobile per lavoro e dovete fare importanti telefonate mentre siete alla guida. In caso contrario potete trovare kit vivavoce molto meno costosi sul mercato con funzioni simili (ecco una lista dei migliori modelli).

 

Verdetto: 9.7/10

Difficile dare il massimo dei voti a un kit vivavoce così costoso e che poco si adatta alle esigenze di chi sta cercando un prodotto con un buon rapporto qualità-prezzo. Per il resto non possiamo che lodare il Parrot per le sue funzionalità avanzate e per la qualità del segnale Bluetooth che consente di parlare con l’interlocutore e di ascoltare chiaramente cosa viene detto. I comandi vocali aggiungono quel tocco di modernità che consente di gestire tutto senza mai mettere le mani sul volante, per guidare tenendo sempre gli occhi sulla strada.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE DELLE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Dual Mode

Il Parrot si distingue dagli altri modelli per la sua elevata qualità dei componenti e per le funzionalità affidabili che consentono di sfruttare al massimo il vivavoce mentre si guida. Tra queste troviamo il Dual Mode che permette di collegare due diversi telefoni grazie alla connessione Bluetooth. Questo vuol dire che potrete utilizzare il vivavoce su entrambi e sfruttare i comandi vocali del Parrot per poterli gestire a vostro piacimento. 

Una soluzione molto comoda, specialmente se possedete due telefoni e passate la maggior parte della giornata lavorativa al volante. Nulla vieta di collegare un telefono per le chiamate in vivavoce, usando l’altro per la riproduzione musicale o come navigatore. Il segnale Bluetooth del Parrot è di ottimo livello, quindi potrete parlare chiaramente e sentire altrettanto bene la voce del vostro interlocutore.

Funzionalità

Uno dei punti di forza del Parrot sta nei comandi vocali che permettono di gestire la rubrica e le telefonate senza mai togliere le mani dal volante. Questo garantisce una sicurezza elevata alla guida, in quanto sarà possibile gestire la rubrica, effettuare chiamate e rispondere al telefono tenendo gli occhi sulla strada. 

La rubrica inoltre verrà aggiornata sul Parrot non appena questo individuerà il telefono collegato tramite Bluetooth, così potrete vedere tutte le informazioni sul pratico display LCD. Oltre alle telefonate, si potrà usare il dispositivo per la riproduzione musicale, grazie al lettore integrato o semplicemente collegando un dispositivo con una playlist salvata. Non essendo la funzione primaria, bisogna accontentarsi di un suono nella norma non paragonabile a quello espresso da un’autoradio.

 

Pratico

Le dimensioni del Parrot vi consentono di sistemarlo in macchina occupando il minimo spazio e di portarlo con voi nella borsa, nello zaino o addirittura in una tasca della giacca. Grazie alla clip potrete sistemarlo sul filtro dell’aria condizionata, in modo da tenerlo in una posizione poco invasiva che non intralci la vostra visuale mentre state guidando. 

Nel prezzo è incluso anche un telecomando, utile quando si viaggia con un passeggero e si desidera gestire il volume o la riproduzione delle tracce. Per le comunicazioni private potete usufruire di un qualsiasi auricolare wireless. Il montaggio del Parrot è altrettanto semplice, basta fare i giusti collegamenti e attivare il Bluetooth sui dispositivi desiderati.

 

Clicca qui per vedere il prezzo