Ultimo aggiornamento: 03.04.20

 

Ogni tanto l’automobile va pulita da cima a fondo, quindi è bene sapere quale tipo di lavaggio effettuare per poter ottenere i risultati migliori.

 

Se usate spesso l’automobile per spostarvi in città e fare viaggi allora probabilmente dovrete lavarla con una certa frequenza. Lo stesso vale se la parcheggiate all’aperto, in quanto viene esposta alla resina degli alberi, le intemperie e agli uccelli che sovente decidono di fare i loro ‘bisogni’ proprio sulle carrozzerie delle automobili. 

Ci sono diversi modi per lavare la vostra automobile, basta saper scegliere quello più adatto alle vostre esigenze, valutando anche il budget che avete a disposizione. È molto importante anche l’asciugatura della carrozzeria, in quanto bisogna effettuarla correttamente in modo da non lasciare aloni. Una volta effettuato il lavaggio potete anche considerare la possibilità di lucidare il veicolo, in modo da eliminare dalla carrozzeria eventuali graffi e renderla più brillante. Vediamo quali sono i metodi più utilizzati.

 

Autolavaggio

Per lavare l’automobile senza alcun pensiero e soprattutto senza fare fatica l’unico modo è portarla all’autolavaggio. Ce ne sono diversi che propongono il servizio completo, pulendo con cura anche all’interno. Nel caso invece vogliate lavare la carrozzeria potete sempre optare per il servizio automatico con spazzole antigraffio o per il self service, molto utile se non disponete di un garage o di un cortile dove poter lavare l’automobile con una pompa dell’acqua. Il self service è il trattamento meno costoso, ideale se non avete intenzione di spendere troppo per pulire l’automobile.

Lavaggio fai da te: il prelavaggio

Se disponete di un cortile ampio e avete la possibilità di usare una pompa d’acqua, allora potete lavare la vostra automobile comodamente nel perimetro della vostra abitazione. Prima di cominciare però è consigliabile effettuare un prelavaggio, in modo da rimuovere le tracce di sporco create dagli insetti, escrementi di uccelli, smog e altre impurità minori. 

In questo modo si potranno ammorbidire le parti da lavare rendendo il procedimento molto più facile. Per il prelavaggio potete usare prodotti chiamati prewash che troverete in modelli a spray e in schiuma. Una volta applicato il prewash dovrete lasciarlo agire sul veicolo per far sciogliere lo sporco, per poi risciacquare la vettura e asciugare.

 

Lavaggio tradizionale

La tecnica più utilizzata per il lavaggio fai da te è quella dei due secchi. Fondamentalmente si tratta di preparare un secchio per l’insaponatura e l’altro per il risciacquo della spugna utilizzata. Scegliete un prodotto adatto per la pulizia della carrozzeria, evitando ovviamente di usare detersivi per la casa che potrebbero lasciare aloni. Una volta versato il prodotto nel primo secchio, non dovrete fare altro che immergervi la spugna, passarla sulla carrozzeria e poi risciacquarla nel secondo secchio. Nel giro di 10 minuti dovreste riuscire a lavare completamente il veicolo.

Asciugare con la tecnica del panno d’acqua

Una prima asciugatura può essere fatta utilizzando… l’acqua! Può sembrare strano, ma usando una pompa facendo scorrere l’acqua a partire dalla parte superiore del veicolo potrete togliere tutte le goccioline e il bagnato rimasto dal lavaggio. L’effetto cascata si porterà via l’acqua presente sulla carrozzeria, un metodo particolarmente adatto che vi permette di non lasciare aloni sulla carrozzeria e in seguito asciugarla con un panno in modo molto più rapido ed efficace.

 

Pulizia degli interni

Per poter pulire gli interni del vostro veicolo potete considerare l’acquisto di un buon aspirabriciole senza fili che vi permetta di rimuovere dai sedili e dai tappetini polvere, peli di animali e residui di cibo. Dopo aver passato l’aspirabriciole vi consigliamo comunque di lavare i tappetini dei posti anteriori e posteriori, possibilmente a mano. Metteteli a bagno in una bacinella con un qualsiasi detersivo per panni, in modo da poter rimuovere le impurità e la sporcizia con efficacia. Il lavaggio in lavatrice non è consigliato, in quanto la dimensione eccessiva dei tappetini potrebbe bloccare la centrifuga.

Lucidatura

Una volta finito di lavare l’automobile e dopo averla asciugata correttamente potete considerare la possibilità di lucidare la carrozzeria. Per farlo dovrete applicare la cera utilizzando un panno asciutto, eseguendo movimenti morbidi e leggeri. In seguito avrete bisogno di una lucidatrice per il ‘polish’, indispensabile per migliorare la lucidatura, rendere la carrozzeria più brillante e far durare l’effetto più a lungo. 

Potete trovare la migliore lucidatrice auto nei negozi specializzati e in quelli di utensili, oppure provare a trovare il modello più adatto online. Vi consigliamo di optare per un prodotto con un buon rapporto qualità-prezzo che sia facile da utilizzare per chi è alle prime armi. In alternativa se non avete voglia di fare sforzi potete farla lucidare in un’officina, sebbene i costi per la lucidatura professionale sono abbastanza alti.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di