Ultimo aggiornamento: 18.08.19

 

Ordinanze e informazioni legate alla circolazione dei motocicli in caso di neve e ghiaccio

 

Muoversi e circolare durante il periodo invernale comporta anche per i motociclisti alcune premure e considerazioni che devono confrontarsi con le direttive del Ministero dei Trasporti in materia di sicurezza stradale durante il suddetto periodo. Vi invitiamo dunque a prestare attenzione, capendo dove si colloca il giusto limite e la situazione per cui si possono o meno montare degli pneumatici invernali.

 

Il punto

Quando arriva il freddo scatta in automatico la decisione di avere a portata di mano o direttamente montati sul mezzo degli pneumatici invernali da auto o da scooter. Si tratta di una scelta che risponde anche all’adattamento che una ruota progettata per un determinato periodo riesce ad offrire in termini di tenuta di strada, sicurezza e consumi. Una ruota invernale (detta anche termica), presenta una mescola e delle lamelle ideali per una migliore tenuta stradale, così che la moto può muoversi rispettando i limiti imposti per la velocità in quel determinato lasso di tempo. 

 

 

A monte però esiste e vige una precisa prescrizione di legge che chiarisce e mette un punto chiaro e netto sulla questione ghiaccio e neve. In presenza di uno o entrambi questi elementi nessun veicolo come ciclomotore o moto può circolare, indipendentemente dal pneumatico montato. La Circolare di riferimento è quella datata 27 maggio 2017 del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Il testo conferma che nel periodo stabilito dalla stagionalità, i mezzi a due ruote possono montare pneumatici di tipo M+S con una velocità inferiore rispetto al codice riportato dalla carta di circolazione fino a un minimo di 130 km/h. 

 

Periodo stagionale di riferimento

Con questo lasso di tempo viene indicato una serie di mesi in cui sono in vigore le ordinanze Invernali. Nello specifico si tratta di un tempo che va dal 15 novembre al 15 aprile, con un lasso di tempo che si allarga a trenta giorni scaduto il limite, come periodo di adeguamento degli utenti a quanto previsto dalla legge, potendo così procedere al montaggio e allo smontaggio degli pneumatici. Il tema su cui si potrebbe fare confusione riguarda pertanto la situazione in cui ci sia ghiaccio o neve  sulle strada o sia in corso una forte nevicata. 

Di fronte a questo scenario non c’è pneumatico invernale che tenga e i mezzi a due ruote devono restare fermi e non possono in alcun modo circolare. La scelta poi di montare durante la stagione fredda delle gomme termiche, ovvero quei pneumatici con indicazione M+S è appunto un aspetto di pertinenza dell’utente e non un obbligo come invece accade per gli automobilisti. 

Si capisce dunque che, se da un lato la questione dei pneumatici invernali diventa centrale per chi guida un mezzo a quattro ruote, rischiando in caso di controlli multe severe, dall’altro questo non accade per il motociclista che in sostanza può montare nel corso dell’anno sempre le stesse gomme. 

La questione però cambia al momento di una nevicata o in presenza di ghiaccio sulla strada. In quel caso infatti un’auto equipaggiata con pneumatici M+S e con catene a bordo può affrontare la strada senza paura di incorrere in multe e altre spiacevoli situazioni.

Di tutt’altro avviso è invece la questione per chi si trova in sella a due ruote. Non c’è possibilità di uscire con la propria moto con una situazione del genere, lasciando dunque il mezzo parcheggiato in attesa che il tempo migliori.

 

 

Conclusioni

Da quanto si è letto si comprende l’importanza di seguire scrupolosamente quanto affermato e stabilito dalla legge. La scelta di uscire con la moto e affrontare un fondo stradale sconnesso e poco stabile, vi espone a una serie di rischi elevati che possono mettere in serio pericolo l’incolumità del guidatore e del passeggero.

Per questo godetevi al meglio l’esperienza di guida fornita da una moto o un ciclomotore, ricordando però che al primo accenno di neve o in caso di un fondo ghiacciato è meglio parcheggiare il tutto in una garage e godersi la nevicata dietro le finestre di casa, al calduccio.