Ultimo aggiornamento: 26.10.20

 

Sentite che alla vostra vettura manca qualcosa? Allora probabilmente dovete renderla più personale aggiungendo accessori o facendo qualche modifica così che vi piaccia di più.

 

Sebbene in Italia i motori siano la passione di molti, non tutti sono così attenti al proprio mezzo di trasporto al punto da volerlo curare nei minimi dettagli. A volte l’automobile viene considerata un semplice mezzo per arrivare da un luogo all’altro e viene poco curata o personalizzata, quando invece con qualche accortezza la si può rendere molto più piacevole da guidare. Non dimentichiamoci che in automobile spesso non ci saliamo da soli, quindi è bene rendere l’ambiente interno presentabile per i passeggeri.

La personalizzazione del veicolo può essere fatta su diversi gradi, i più esperti appassionati di motori avranno la loro officina dove ‘smanettare’ con i vari componenti dell’automobile. Negli Stati Uniti esistono officine specializzate in grado di trasformare completamente delle utilitarie in delle vere e proprie ‘case’ con tanto di console di gioco, televisore e altre modifiche estetiche. 

Qualche anno fa andavano di moda trasmissioni dove meccanici un po’ ‘artisti’ si sfidavano a colpi di chiave inglese per realizzare delle automobili dal look assurdo che dovevano rappresentare i gusti e le abitudini dei proprietari. Ovviamente per personalizzare la propria automobile non bisogna certo affidarsi a questi mattacchioni a stelle e strisce, in quanto basta qualche leggera modifica.

La targa

Probabilmente avrete visto i personaggi dei film di Hollywood andare in giro con le loro macchine con targhe personalizzate contenenti sigle divertenti. Ebbene sappiate che dal 2010 è possibile cambiare la propria targa senza infrangere il regolamento del Codice della Strada. 

Ovviamente ci sono alcune regole a cui attenersi, tutti elencati nel Codice, sebbene in linea di massima è possibile personalizzare la targa seguendo la suddivisione classica di 2 lettere – 3 numeri – 2 lettere. Una volta trovata la propria combinazione preferita (il proprio nome, cognome o magari uno pseudonimo) occorre fare la richiesta alla motorizzazione civile compilando un modulo apposito al fine di ottenere il permesso del cambio targa. 

Tale richiesta si può fare anche online, ma visto che non è una procedura molto comune è consigliabile presentarsi direttamente all’ufficio.

 

Gli interni e gli esterni

Dite la verità, da quanto non sistemate un po’ gli interni della vostra macchina? Non c’è niente di cui vergognarsi, d’altronde se non la si utilizza spesso è normale dimenticarsi di dare una sistemata. Se però volete aggiungere un tocco personale alla vostra vettura, allora potreste cominciare dai tappetini, acquistandone di nuovi in modo da rendere l’interno più presentabile. 

La scelta non è semplicemente estetica, in quanto alla guida un nuovo tappetino può risultare molto comodo per poggiare i piedi e per avere una maggiore reattività sui pedali. I tappetini per auto più venduti si possono trovare sia nei vari negozi di automobili, sia online a dei prezzi abbastanza vantaggiosi. 

Inoltre potete pensare di cambiare il rivestimento dei sedili, specialmente se si è rovinato nel tempo. Non dovete necessariamente rimuovere il vecchio, anzi potete facilmente coprirlo con dei teli particolari in modo da nascondere le parti rovinate. Per quanto riguarda le modifiche più estreme come la sostituzione del volante, del cambio o addirittura dei pedali, dovrete rivolgervi ad uno specialista in quanto si tratta di parti meccaniche dalle quali dipende il controllo sulla vettura. 

Per quanto riguarda gli esterni, le parti più facili da cambiare sono i cerchioni delle ruote, inoltre potete dotare l’automobile di un portapacchi nel caso abbiate bisogno di più spazio per trasportare le valigie di tutta la famiglia quando viaggiate. Tenete conto che le modifiche esterne drastiche come l’aggiunta di alettoni e la riverniciatura possono costarvi davvero tanto.

Impianto audio

Il vostro impianto di serie non vi soddisfa? Magari volete passare dalla classica autoradio da 1 DIN a quella a 2 DIN con navigatore, o viceversa? Prima di tutto dovete scegliere una buona autoradio, cercando di capire quali sono le vostre esigenze. 

Se non avete la necessità di avere un navigatore integrato, allora potete puntare su un modello da 1 DIN poco costoso, assicurandovi che abbia tutto il necessario per poter ascoltare musica da diverse fonti come pen-drive USB, smartphone e CD. 

Le autoradio 2 DIN invece sono ormai diventate dei veri e propri computer di bordo, alcune delle quali dispongono addirittura di sistema operativo Android che si può interfacciare con lo smartphone e di schermo touch. 

Tenete conto che questi modelli sono abbastanza costosi, inoltre il passaggio da 1 DIN a 2 DIN potrebbe richiedere la mano di un elettrauto, mentre risulta più semplice sostituire due autoradio dello stesso tipo. Per quanto riguarda l’impianto, potete pensare di potenziare i bassi con un subwoofer e migliorare la qualità complessiva con delle buone casse.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments