Ultimo aggiornamento: 08.12.21

 

Tutto quello che c’è da sapere sul modulo di constatazione amichevole di incidente: come e dove reperirlo e come bisogna compilarlo.

 

La constatazione amichevole è il modo più rapido e sicuro per risolvere le controversie in caso di incidente stradale; oltre a velocizzare notevolmente i tempi di evasione della pratica di sinistro, infatti, permette anche di mettersi al sicuro da eventuali contestazioni successive riguardanti l’effettiva dinamica dell’incidente.

Per eseguire la constatazione amichevole bisogna compilare l’apposito modulo; di conseguenza è importante esserne già in possesso e conservarlo in un vano del cruscotto insieme agli altri documenti dell’automobile: il libretto di circolazione e il certificato di assicurazione.

 

Modulo CID e modulo CAI

La constatazione amichevole è un particolare tipo di documento con il quale l’automobilista dichiara come si sono svolti gli eventi in caso di incidente. In passato questo modulo era conosciuto con la definizione CID, cioè Convenzione di Indennizzo Diretto; a partire dal 2007 però, in seguito all’entrata in vigore di nuove direttive della Convenzione tra Assicuratori per l’Accordo Diretto, il modulo per la constatazione amichevole ha cambiato denominazione passando da CID a CAI, ovvero Constatazione Amichevole di Incidente.

Le modifiche introdotte con il nuovo modulo sono in realtà minime e si sono rese necessarie soltanto per l’adeguamento alle norme più recenti, di conseguenza i dati da inserire per la sua compilazione sono pressoché gli stessi richiesti dal vecchio modulo.

Nonostante il cambio di denominazione, inoltre, molti automobilisti continuano a riferirsi a questo documento come modello CID, o semplicemente modulo blu in riferimento al colore della sezione destra del documento, dove si trova la scheda relativa ai dati del veicolo A.

Il modulo di constatazione amichevole può essere compilato anche in caso di incidenti occorsi alla guida della moto, di conseguenza i motociclisti sono tenuti ad averne sempre una copia, da tenere in una tasca interna della giacca da moto oppure nella custodia dei documenti insieme al libretto di circolazione e al certificato dell’assicurazione.

 

Dove trovare il modello CAI

Il modulo per la constatazione amichevole viene fornito direttamente dall’agenzia di assicurazioni nel momento in cui si procede alla stipula di un nuovo contratto, ulteriori copie possono essere ritirate successivamente in qualsiasi momento.

In alternativa è possibile scaricarlo direttamente da internet visto che molti siti assicurativi, e perfino quelli delle autoscuole, mettono a disposizione il modello CAI in formato PDF, in modo da poterlo stampare tranquillamente a casa oppure presso una tabaccheria o altro negozio fornito di stampante.

 

Quando si deve compilare il modulo CAI

Il modulo di constatazione amichevole si compila dopo l’incidente; nel caso in cui quest’ultimo sia grave e ci siano dei feriti, dopo aver chiamato i soccorsi è importante ricordarsi di compilare il modulo per evitare problemi con la compagnia di assicurazioni.

Com’è fatto e come va compilato il modulo CAI

Il modulo per la constatazione amichevole di incidente è costituito da cinque pagine; soltanto due, però, costituiscono il documento vero e proprio, tutte le altre hanno soltanto lo scopo di illustrare come compilarlo in modo corretto.

I fogli da compilare sono suddivisi in sezioni, o blocchi; nel blocco superiore, situato sulla parte alta del foglio, sono presenti cinque riquadri numerati dove vanno inseriti la data e il luogo dell’incidente e dove va specificato se ci sono stati eventuali feriti, anche lievi, danni materiali a veicoli oppure a oggetti, nonché il numero e le generalità di eventuali testimoni che hanno assistito all’incidente, specificando se erano passeggeri dei veicoli oppure dei semplici astanti.

Il resto del foglio è occupato da tre colonne: una di colore blu, una bianca e una gialla.

La colonna di colore blu e quella di colore giallo sono speculari; in queste sezioni vanno inseriti rispettivamente i dati del veicolo A e del veicolo B: nome, cognome, indirizzo, numero di telefono o email, codice fiscale o partita IVA dell’assicurato, il tipo di veicolo, il numero di targa o di telaio, lo stato d’immatricolazione, la compagnia di assicurazione, il numero di polizza e tutti gli altri dati relativi. Sono inoltre presenti delle silhouette di una moto, di un’auto e di un furgone visti dall’alto, vicino ai quali bisognerà indicare con una freccia il punto dov’è avvenuto l’urto iniziale.

A entrambi i lati della colonna centrale di colore bianco invece, in modo da rientrare nelle sezioni blu e gialla dei veicoli A e B, sono riportate 17 caselle con la rispettiva descrizione di altrettante circostanze in cui possono essersi trovati i veicoli al momento dell’incidente; vanno quindi segnate con una X soltanto le caselle corrispondenti alle circostanze in cui si sono trovati i veicoli A e B.

Sulla parte inferiore del primo foglio da compilare, subito sotto la colonna centrale di colore bianco, si trova uno spazio rettangolare a quadretti dove bisognerà fare un disegno in pianta delle strade con i relativi nomi e la posizione dell’eventuale segnaletica stradale, e indicare il senso di marcia e la posizione dei veicoli A e B al momento dell’urto. Subito sotto il rettangolo destinato al disegno, poi, c’è lo spazio dove entrambi i conducenti dovranno firmare per esteso e in modo chiaramente leggibile.

Il secondo foglio, invece, è da compilare soltanto nel caso in cui altre persone hanno assistito all’incidente in qualità di testimoni, oppure sono rimaste coinvolte e ferite nello stesso, in entrambi i casi riportando i loro dati e generalità; in questa parte del modulo bisogna inoltre indicare se sono intervenute le forze dell’ordine e specificare quali: Carabinieri, Polizia Stradale oppure Vigili Urbani.

Entrambi i conducenti coinvolti nell’incidente devono firmare per esteso la constatazione amichevole solo dopo averla compilata in ogni sua parte; se le circostanze o il tempo non lo permettono, allora si può fare a meno di compilare subito il secondo foglio con le altre informazioni e limitarsi solo il primo, inserendo i dati più importanti e il disegno con la dinamica dell’incidente.

Questa premessa è importante perché una volta apposte le firme, il modulo di constatazione non potrà più essere modificato.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI