Ultimo aggiornamento: 14.05.21

 

Gli acquirenti di auto usate sono tutelati da garanzie specifiche, ma prima di addentrarsi in un qualcosa del genere, è bene comprendere pienamente durata e copertura effettiva.

 

Non tutti hanno la possibilità di acquistare un veicolo nuovo, perciò molti si affidano e scelgono di comprare l’auto usata dal concessionario.

Questa è una pratica in costante crescita nel nostro paese e non c’è da vergognarsi se si considera che moltissime vetture di seconda mano sono comunque convenienti e di qualità.

La possibilità di trovare auto usate a prezzi vantaggiosi si fa sempre più grande, anche se il chilometraggio limitato può far storcere il naso a più di qualcuno.

Ma a prescindere da quale modello scegliate, c’è sempre un contratto da firmare per poter godere di tutele riservate in qualità di acquirente. Tra queste assicurazioni c’è anche la garanzia auto usate: nei prossimi paragrafi scopriremo di cosa si tratta.

 

Cos’è e come funziona

Forse ancora pochi sanno che non solo le auto nuove sono effettivamente coperte da una garanzia legale, ma anche quelle considerate usate. Infatti, il Codice Civile prevede che veicoli già utilizzati godano di tutele pari a 12 o 24 mesi, in base chiaramente ai danni effettivi che potrebbero verificarsi per le parti meccaniche, la carrozzeria e tutti i componenti elettrici. Questo tipo di problemi sono molto comuni e certamente bisogna salvaguardarsi e partire avvantaggiati.

La garanzia auto usata non si estende però a tutti gli elementi sottoposti alla normale usura del tempo e dell’utilizzo, come le lampadine o i freni, le spazzole tergicristallo, i filtri dell’aria condizionata, gli pneumatici e la batteria.

Insomma, sarà bene procurarsi anche un avviatore per auto se si vuole evitare di rimanere a terra con il veicolo.

Per quanto concerne il riferimento normativo, la Legge parla chiaro: in termini di garanzia auto usate da concessionari, è previsto un elemento specifico che accerta l’idoneità del veicolo. Infatti, a carico del venditore è presente una garanzia di un anno: per evitare qualsiasi situazione spiacevole, è bene che la trattativa avvenga presso un concessionario.

Garanzia auto usate da oltre 10 anni

Mettiamo il caso che la vettura che avete intenzione di acquistare ha parecchi anni di vita, in particolare più di 10.

Anche per queste è previsto in termine che rimane invariato: entro 12 mesi il veicolo è soggetto a una tutela, sempre per quanto riguarda tutti quei difetti e vizi che potrebbero nascere a causa del tempo e dell’usura.

 

Acquisto da privati: facciamo chiarezza

Una pratica molto comune è quella di scegliere un’auto usata direttamente da un venditore privato, senza passare dal concessionario.

Ebbene, in questo caso bisogna sapere che la garanzia non è obbligatoria, ma che tuttavia diventa fondamentale in caso intervenga un cosiddetto mediatore.

Per esempio, se il possessore dell’auto sceglie di esporre presso un locale per attirare maggiore visibilità e quindi possibilità di venderla, allora dovrà necessariamente stipulare un contratto che garantisce la sicurezza summenzionata.

Qualora invece non ci sia un mediatore, allora si dovrà chiedere all’autorità giudiziaria citando il venditore per vizi del mezzo e quindi facendo valere le proprie posizioni e ragioni.

Acquisto presso i concessionari

A differenza dei privati, la situazione di acquisto di una vettura presso un concessionario è un po’ diversa. Infatti, in questi casi si può godere di una effettiva garanzia della durata di 2 anni, nonostante le due parti possano concordare un ridimensionamento a 1 anno, indicando espressamente sul contratto di acquisto.

Questo approccio comporta comunque dei vantaggi sostanziali a differenza di una contrattazione privata.

Infatti, la garanzia di acquisto auto usata copre qualora, nei primi sei mesi di utilizzo, si manifestino tutti quei difetti che esistevano già al momento della vendita.

In tal caso, l’acquirente ha a disposizione 2 mesi di tempo per denunciare i difetti che escono allo scoperto, e comunicare a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno con la concessionaria, allegando copia del contratto e prevenendo possibili contestazioni del venditore.

 

3 regole per l’acquisto di un’auto usata da concessionario e privato

Quando si sceglie di acquistare un’auto usata, ora sappiamo bene l’importanza di osservare e capire tutto ciò che ruota intorno alle garanzie.

Innanzitutto, è bene comunque considerare la reputazione: il nostro primo consiglio se avete intenzione di acquistarne una è quello di dedicare qualche ora a capire chi è il venditore, se si tratta di qualcuno di affidabile e che è sul mercato da tempo oppure se è nuovo.

Gode di cortesia e affidabilità? Chi ha già acquistato da lui (anche altri mezzi od oggetti) è soddisfatto?

Il secondo suggerimento è quello di valutare accuratamente anche il costo del finanziamento. Un’auto usata ha certamente un prezzo inferiore rispetto un modello nuovo, ma tenendo conto del Taeg, potrebbe essere necessaria riconsiderare l’acquisto.

Infine, effettuare un esame approfondito dell’auto è sicuramente un elemento irrinunciabile, anche in virtù di un eventuale acconto da fornire.

La garanzia auto usata copre anche la frizione?

Molti si chiedono se effettivamente la garanzia auto usate a pagamento riesce a coprire anche difetti alla frizione. Purtroppo la risposta è negativa, perché ci sono alcuni componenti che non vengono presi in considerazione dal contratto di vendita.

Tra questi ultimi c’è, per l’appunto, la frizione, ma anche altri elementi summenzionati come le spazzole tergicristallo, gli pneumatici, le lampadine e così via.

L’unica soluzione in tal senso è quella di prevenire qualsiasi problema chiedendo una consulenza a un professionista.

In questo caso, potrete sicuramente trovare la combinazione e l’equilibrio perfetto che vi permetteranno di godere di un’auto usata di qualità, senza doverla cambiare dopo poco tempo.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments