Sorpasso a destra in autostrada: quando è consentito e quali le sanzioni

Ultimo aggiornamento: 07.12.22

Ecco tutto quello che c’è da sapere sul sorpasso a destra: dove è consentito, in quali circostanze e quali sono le sanzioni in caso di infrazione.

 

Il Codice della Strada stabilisce in maniera chiara che cos’è il sorpasso, quali sono le sue dinamiche e quali sono le circostanze in cui è consentito o vietato; ciò non toglie, però, che esiste una discreta confusione sull’argomento, soprattutto per quanto riguarda il sorpasso a destra e sulle circostanze in cui è consentito e quelle in cui è assolutamente vietato.

Tanto per cominciare bisogna fare una netta distinzione tra la manovra di sorpasso e il superamento, e in questo ci torna utile rispolverare l’articolo 148 del Codice della Strada.

 

La differenza tra superamento e sorpasso

Il primo paragrafo dell’art 148 CdS definisce il sorpasso come la manovra che un veicolo esegue quando supera un pedone, un animale o un altro veicolo a due o più ruote, che sono fermi oppure in movimento sulla corsia destinata alla circolazione.

Nella manovra di sorpasso entrambi i veicoli interessati si trovano sulla stessa corsia; di conseguenza, indipendentemente dalla tipologia di strada che si sta percorrendo, il veicolo che si accinge a eseguire la manovra di sorpasso deve per forza spostarsi sulla corsia adiacente. Il superamento, invece, avviene quando due veicoli si trovano a marciare per file parallele su due distinte corsie e uno di questi supera appunto l’altro senza essere costretto a cambiare la corsia che sta percorrendo; questa circostanza accade spesso sulle strade a grande scorrimento dove sono presenti più corsie per ogni senso di marcia, come per esempio le autostrade.

 

Le modalità di sorpasso

Il sorpasso è consentito soltanto a determinate condizioni; chi è alla guida del veicolo deve infatti adottare tutta una serie di precauzioni prima di iniziare la manovra.

In primis bisogna accertarsi di avere la massima visibilità e che ci sia spazio a sufficienza per eseguire la manovra senza correre pericoli, poi bisogna controllare che il conducente che precede, o quello che segue il proprio veicolo, non abbiano a loro volta iniziato una manovra di sorpasso. Cosa più importante, inoltre, quando ci si accinge a cambiare corsia per eseguire il sorpasso bisogna attivare l’indicatore di direzione prima di spostarsi, in modo da segnalare la manovra agli altri guidatori.

Lo spostamento è consentito solo ed esclusivamente sul lato sinistro; il sorpasso sul lato destro invece, fatte le debite eccezioni che andremo a vedere più avanti, è da considerarsi sempre vietato.

La manovra di sorpasso, inoltre, è consentita soltanto sulle strade che hanno più di una corsia per ogni direzione di marcia ed è assolutamente vietata su quelle che ne hanno una sola, perché in questo caso si finirebbe con l’invadere la corsia di marcia opposta rischiando così un incidente frontale.

 

Quando è permesso sorpassare a destra

Come accennato in precedenza esistono alcune eccezioni alle regole; il sorpasso a destra in autostrada, per esempio, è consentito, ed è possibile effettuarlo anche quando si percorre una strada extraurbana a senso unico.

Le modalità del sorpasso a destra, dove questo è consentito, sono analoghe a quelle del sorpasso a sinistra: la visibilità deve essere ottima e ci deve essere spazio a sufficienza, inoltre bisogna fare attenzione a controllare che il veicolo che precede non abbia acceso l’indicatore di direzione del lato destro, e che quello che segue non abbia a sua volta iniziato la manovra di sorpasso.

È consentito sorpassare a destra anche i tram e i pullman, se questi non circolano in corsie riservate, ma solo a patto che siano in movimento; è assolutamente vietato farlo quando questi mezzi sono fermi, invece, perché in quel caso i passeggeri stanno salendo e scendendo.

 

Cosa si rischia in caso di infrazione

Le sanzioni per chi sorpassa a destra senza osservare le regole descritte in precedenza, consistono in una multa che può variare da 80 a 302 euro e alla decurtazione da 2 a 5 punti sulla patente. Se l’infrazione viene commessa per due volte in un arco di tempo di due anni, inoltre, si rischia anche la sospensione della patente di guida per un periodo da 1 a 3 mesi a causa della recidività del gesto.

È soggetto a multa anche chi non occupa la corsia libera più a destra, e in questo caso le sanzioni consistono in una multa da 41 a 168 euro e nella decurtazione di 4 punti dalla patente.

L’importanza della sicurezza alla guida

La disattenzione e la mancata osservanza delle regole basilari di sicurezza sono la causa primaria di incidenti e infrazioni al Codice della Strada, e lo stesso vale anche per quanto riguarda il sorpasso a destra, soprattutto quando si guida in autostrada.

Negli ultimi anni sono gli smartphone a essere diventati la causa prima di disattenzioni alla guida. Leggere messaggi o rispondere alle telefonate, non indossare gli auricolari oppure adoperarli in maniera scorretta, escludendo la possibilità di ascoltare i suoni dell’ambiente circostante e i segnali acustici degli altri veicoli; tutti questi comportamenti, se tenuti mentre ci si trova alla guida di un veicolo, sono pericolosi quanto la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Di conseguenza è importante imparare ad adoperare il telefono in maniera corretta quando si è alla guida, e farlo non è affatto difficile: basta recarsi in un qualsiasi negozio di accessori per auto e acquistare un supporto magnetico auto per smartphone da fissare al cruscotto e un paio di auricolari Bluetooth dotati della tecnologia che permette agli speaker di non coprire i suoni ambientali.

Prima di mettersi alla guida il telefono va collocato sul supporto e impostato in modalità silenziosa, per non essere distratti dal suono di suonerie e avvisi, inoltre è preferibile evitare di rispondere o effettuare chiamate in movimento, anche avendo indosso gli auricolari; se proprio è necessario farlo, allora è meglio accostare prima il veicolo al marciapiede oppure fermarsi in un’area di sosta.

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI