L’importanza del catalizzatore nella riduzione delle emissioni 

Ultimo aggiornamento: 03.10.22

 

Ridurre le emissioni è uno degli obiettivi delle case automobilistiche che, già da tempo, avevano cominciato ad affrontare il problema, per esempio con l’invenzione del catalizzatore auto. 

 

Il sistema di scarico di una vettura ha il compito di garantire che i gas di scarico, combinati in un unico flusso, lascino il veicolo il più rapidamente possibile e senza perdite. Il sistema è composto da diversi elementi, uno dei quali è il convertitore catalitico, la cui efficienza influisce direttamente sulla forma in cui i gas di scarico saranno inviati all’ambiente.

Il convertitore catalitico è costituito da un alloggiamento, all’interno del quale si trova un’unità portante resistente al calore con molti canali longitudinali. Su di essi viene applicato uno strato catalitico attivo di platino, palladio e rodio. 

Da segnalare poi la presenza di un neutralizzatore, un dispositivo del sistema di scarico progettato per ridurre la tossicità dei gas di scarico riducendo gli ossidi di azoto e utilizzando l’ossigeno risultante per la postcombustione del monossido di carbonio e degli idrocarburi incombusti. I gas di scarico passano attraverso le celle dell’unità, convertendoli in anidride carbonica, vapore acqueo e azoto ecologici. Per far sì che ciò avvenga, il catalizzatore viene posizionato il più vicino possibile al collettore di scarico, poiché il processo di neutralizzazione avviene a circa 250 gradi.

Il catalizzatore a tre vie o a due vie con feedback è il più efficace nella pulizia dello scarico. La maggior parte dei veicoli moderni ha tre convertitori catalitici contemporaneamente nel sistema di scarico, il che consente di trattare efficacemente ogni tipo di sostanza nociva. Il primo è un catalizzatore auto rigenerativo che viene utilizzato per combattere le sostanze nocive e che, come detto, utilizza platino e rodio. Il secondo tipo è quello di scarico ossidativo, che invece utilizza platino e palladio.

I catalizzatori sono dotati di sonde lambda, che ne analizzano il funzionamento e avvisano il computer di bordo in caso di anomalie nel funzionamento. Nella maggior parte dei casi, i dispositivi presenti nelle auto moderne sono realizzati in metallo o in ceramica. Nonostante la seconda opzione si distingua per la sua economicità, ha uno svantaggio significativo: il basso livello di durata. Il suo cedimento può essere causato da un urto dell’auto su un dosso, così come dall’eventuale contatto dell’acqua con la ceramica arroventata. Ahimè, la costante sostituzione del convertitore catalitico può comportare gravi costi, per cui le versioni metalliche di questo elemento del sistema di scarico sono ora quelle preferibili da installare.

 

Che fare in caso di problemi al catalizzatore

Andando a fare controllare il convertitore catalitico dal vostro meccanico di fiducia, a seconda della sua condizione, potrà essere: funzionante, parzialmente funzionante, completamente non funzionante, il che naturalmente comporterà la necessità o meno di intervenire. Indipendentemente da questa condizione, la durata del convertitore catalitico è direttamente correlata al chilometraggio del veicolo.

 

Caratteristiche 

La posizione del convertitore catalitico è nel tubo di aspirazione o dietro di esso. Nella maggior parte dei modelli moderni, il dispositivo è installato nel collettore di scarico. Il carburante incombusto, passando attraverso il catalizzatore a maglia fine, reagisce con l’ossidazione e si scinde in anidride carbonica e azoto.

Cause di malfunzionamento e segni di sostituzione

Come abbiamo già detto, il catalizzatore è un componente molto esigente, che richiede dunque particolare attenzione e cura. Può essere danneggiato da fattori quali:

• benzina non testata e con piombo;

• cattive condizioni dei tappi dell’olio (penetrazione dell’olio nel convertitore catalitico);

• penetrazione di antigelo o di altri liquidi tecnici per il lavaggio dell’impianto di alimentazione nel convertitore catalitico;

• miscela aria-carburante troppo ricca;

• funzionamento eccessivamente prolungato del motore al minimo.

Come e quando cambiare il catalizzatore 

Al primo sospetto di malfunzionamento, non rimandate troppo a lungo. È meglio risolvere subito il problema che spendere soldi per riparazioni più serie in seguito. Esistono diversi modi per effettuare il controllo:

1. Smontaggio del convertitore catalitico e ispezione visiva.

2. Misurazione della pressione. A tale scopo si può installare un manometro al posto del sensore di ossigeno. 

3. Utilizzo di un tester per motori. In questo caso, si avvita un manometro nel motore al posto della candela. Successivamente, vengono presi gli oscillogrammi ed eseguita l’analisi.

Dopo essersi convinti del malfunzionamento del catalizzatore e qualora vogliate rendervene conto di persona, perché siete in grado di intervenire, ecco quello che dovete fare:

• Sollevare l’auto in modo da avere la perfetta visibilità della parte inferiore;

• Individuare il risonatore, che si trova dietro il collettore di scarico;

• Svitare gli elementi di fissaggio e rimuovere le rondelle; 

• Smontare i dispositivi di fissaggio del tubo di aspirazione. Cercare di rimuovere i bulloni insieme alle molle, sostenendo con attenzione il convertitore catalitico con la mano libera. A questo punto lo smontaggio è completo.

Ora avete tre opzioni: installare un nuovo convertitore catalitico, ripristinare quello vecchio o installare un dispositivo antifiamma.

 

 

Fonte di informazione:

Informazioni sul catalizzatore del veicolo pezzidiricambio24.it

Come cambiare un catalizzatore per auto autofaidate.net

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI