Macchine per disabili: quali sono le caratteristiche indispensabili?

Ultimo aggiornamento: 15.06.24

 

Negli ultimi anni le macchine per disabili sono diventate molto più comuni rispetto al passato. Questi veicoli ricoprono infatti un ruolo fondamentale nel miglioramento della qualità di vita delle persone con disabilità e avere a disposizione una macchina adatta, non offre solo un mezzo di trasporto ma assicura anche un senso di autonomia e d’indipendenza. Affinché questi mezzi siano veramente efficaci, devono però possedere una serie di caratteristiche indispensabili che rispondano alle esigenze specifiche di coloro che ne fanno uso. 

In questo articolo esploreremo quali sono queste caratteristiche, facendo anche luce sulle diverse tipologie di veicoli per disabili.

 

Veicoli per accompagnatori

I veicoli per accompagnatori sono spaziosi, solitamente hanno le dimensioni di un minivan, in modo da permettere l’accesso a una o più persone in carrozzina dagli sportelli laterali o posteriori. Questa tipologia di veicolo è dotata di sistemi di ancoraggio per assicurare le carrozzine durante la guida. Ovviamente, in questi casi il veicolo è destinato a essere guidato dall’accompagnatore e non richiederà alcuna modifica nelle impostazioni di guida.

 

Veicoli adattati

I veicoli adattati per la guida da parte di una persona disabile possono invece essere di dimensioni ridotte e con un assetto più basso rispetto a quelli per accompagnatori, per agevolare l’entrata e l’uscita del guidatore. Fra le modifiche più comuni c’è sicuramente l’installazione di una centralina che permetta l’azionamento dei pedali tramite pulsanti al volante.

Quali sono le caratteristiche indispensabili per questi veicoli?

Accessibilità: questa caratteristica può sembrare ovvia ma ci sono molti fattori che possono influire sull’accessibilità di un veicolo. Per i veicoli in cui la persona in carrozzina è il passeggero, bisognerà controllare accuratamente che le dimensioni dell’auto permettano  un’entrata e un’uscita agevoli. A questo proposito bisognerà anche controllare che le pedane siano stabili e permettano l’accesso al veicolo in sicurezza. Per i veicoli adattati, invece, l’accessibilità dipenderà maggiormente dalla posizione dei sedili e dall’altezza del veicolo.

Sicurezza: insieme con l’accessibilità, anche la sicurezza sulla strada deve essere prioritaria. Le macchine per disabili devono essere accessoriate con cinture di sicurezza, sistemi di stabilità e freni efficaci. Inoltre, quando si tratta di veicoli adattati per la guida, le macchine devono essere modificate da officine specializzate installando dispositivi di adattamento di tipo approvato dall’ACI.

Comfort: per garantire un’esperienza piacevole durante l’uso, il comfort è indispensabile. Per i veicoli adattati le sedute dovrebbero essere ergonomiche e regolabili per conformarsi alle esigenze fisiche di tutti gli utenti. Inoltre, di particolare importanza a questo scopo sono gli ammortizzatori, che dovranno assorbire gli urti e ridurre le vibrazioni durante la guida.

Assistenza e supporto: l’assistenza e il supporto post-vendita sono una caratteristica da ricercare se si sta cercando la macchina ideale. Gli utenti devono poter contare su un servizio clienti affidabile e tempestivo, per risolvere eventuali problemi tecnici o per ottenere assistenza nella manutenzione e riparazione del veicolo.

In conclusione, le macchine per disabili rappresentano una grande risorsa per garantire autonomia e indipendenza alle persone con disabilità. Quando si sceglie un nuovo modello, bisognerebbe sempre prestare attenzione ad accessibilità, sicurezza, comfort e assistenza post-vendita. Sia che si tratti di veicoli per accompagnatori o veicoli adattati per la guida autonoma, ogni aspetto dell’auto deve adattarsi alle esigenze specifiche di chi ne farà uso.

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI