RC auto, trend e mercati: la situazione in Italia

Ultimo aggiornamento: 07.12.22

 

Nel nostro Paese, periodicamente, IVASS, Ania e altri enti che vigilano sul mercato assicurativo producono report e indagini per comprendere l’andamento dei prezzi e, quindi, fotografare il nostro Paese attraverso una serie di dati statistici. In particolare oggi riepilogheremo i principali report sull’andamento del mercato assicurativo nostrano, in riferimento al comparto auto e moto. 

 

In poche parole ci inoltreremo nel mercato delle assicurazioni di responsabilità civile, quelle obbligatorie per poter circolare liberamente con due o quattro ruote. Per risparmiare sul costo del premio, oltre a dare uno sguardo online confrontando le migliori offerte Rc auto, possiamo intervenire in vari modi, per esempio beneficiando dei vantaggi della legge Bersani che permettono di ereditare la miglior classe di merito all’interno di un nucleo familiare. 

 

Il risparmio: un tema caro agli italiani 

Quello del risparmio è un tema caro agli Italiani, considerati da sempre i più abili risparmiatori al mondo. Tuttavia quando i mercati oscillano e il caro-vita provoca fenomeni inflazionistici globali, oltre all’abilità personali di risparmio di ognuno di noi, occorre fare i conti con la realtà. 

Questa si mostra effettivamente complessa, per lo meno per i mesi appena trascorsi e per quelli a venire. In particolare il premio RC auto, solo nel mese di ottobre 2022, ha raggiunto un valore medio di quasi cinquecento euro, con una crescita del 4,82% rispetto all’anno precedente. Questo si intende al netto di incidenti e di peggioramenti della classe di merito e, quindi, per le persone coinvolte in un sinistro con responsabilità, gli aumenti potrebbero raggiungere anche il 12%.

Preventivi online: aumentano le richieste di garanzie accessorie  

Quanto al risparmio, invece, grazie al calcolo dei preventivi online si stimano tagli al costo del premio che arrivano, in dato aggregato nazionale, a oltre il 60%. Si tratta di una grande opportunità che ha aperto il via anche all’acquisto di pacchetti combinati nei quali sono incluse le cosiddette garanzie accessorie. 

È importante tener presente che tali aumenti si stanno verificando in tutto il globo e che, nonostante i rincari, il premio RC auto in Italia resta uno dei più bassi in Europa. Proprio per questo gli automobilisti sono sempre più interessati alle garanzie aggiuntive che permettono di proteggere le auto a 360 gradi. 

Tra quelle più acquistate in assoluto c’è quella dell’Assistenza Stradale, dovuta forse a un’età media del parco auto nazionale piuttosto elevata. Effettivamente il costo del carro attrezzi, al di fuori di una polizza, è molto salato e, per questo, le persone con auto non nuove di zecca preferiscono tutelarsi attivando tale garanzia accessoria. 

 

Dati e curiosità sul mercato vetture italiano 

Parliamo di un parco auto in cui l’età media si attesta sui dieci anni e che, per tali ragioni, viene considerato uno dei più vecchi in Europa. Non a caso il valore medio delle vetture in Italia è anch’esso uno dei più bassi, con i suoi circa 10mila euro a vettura. 

Nonostante l’attenzione maniacale degli italiani nei confronti di auto e polizze c’è un altro dato piuttosto interessante da considerare, ovvero quello delle mancate assicurazioni che riguarderebbero ben 22 auto su 100. I dati non sono aggiornati perché risalgono al 2019 ma, in ogni caso, parliamo di un numero piuttosto considerevole che, secondo il Ministero, si attesterebbe su circa 2,6 milioni di veicoli.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI