Ricaricare un’auto elettrica: quanto tempo ci vuole?

Ultimo aggiornamento: 18.05.24

 

Si avvicina l’estate, le giornate si allungano e la voglia di divertirsi e andare in giro è sempre più alta per tutte quelle persone che possono finalmente dedicarsi all’aria aperta e ad attività in amicizia o in famiglia. In molti ricercheranno sicuramente divertimento da alcune piattaforme e siti online per il gioco: in questi casi, si consiglia sempre di agire con un certo livello di sicurezza, scegliendo alcune piattaforme affidabili e ricordando che Snai casino offre tanti bonus e la possibilità di giocare da mobile tramite app.

Per altri, il divertimento ci sarà uscendo, facendo un viaggio in automobile; se si possiede una vettura elettrica, però, potrebbe essere necessario ricaricarla prima di partire. Ma quanto tempo ci vuole prima che la procedura sia completata? Ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito dei tempi di ricarica di un’auto elettrica. 

 

I tempi di ricarica di un’auto elettrica

Un primo aspetto da prendere in considerazione riguarda i differenti tempi di ricarica di un’auto elettrica, in base alla tipologia di presa della stazione di ricarica che si utilizza. Per questo motivo, la ricarica di un’auto elettrica può avvenire sia in pochi minuti, sia attendendo diverse ore, dal momento che la differenza sostanziale è determinata dai kW che caratterizzano la potenza della stazione di ricarica e che possono essere accettati sia dalla colonnina di ricarica sia dal caricabatterie presente all’interno del proprio veicolo. Per questo motivo, è importante comprendere sempre come scegliere la colonnina di ricarica.

Insomma, le differenze possono essere generate da numerose caratteristiche: in alcuni casi, è importante servirsi del cavo giusto di ricarica mentre, in altri, bisogna guardare all’impianto di cui ci si serve che, se non presenta una capacità importante in termini di batteria, non sarà in grado di assicurare un tempo di ricarica molto veloce. 

Ovviamente, sempre più esercizi commerciali hanno iniziato a introdurre colonnine di ricarica, per quanto la potenza sia differente in base al tipo di capacità che può essere assicurata in quei casi; quindi aumenta di conseguenza anche l’offerta da parte di realtà commerciali che investono in tal senso. 

Nello specifico, una ricarica domestica, realizzata con una potenza di circa 3 kW, permette di raggiungere il risultato sperato in circa otto ore, mentre le ore da attendere sono due nel caso in cui si voglia realizzare una ricarica completa presso una stazione di ricarica veloce inclusa in numerosi esercizi commerciali, che riescono a supportare una capacità di circa 7 kW. 

Nel caso in cui la potenza sia maggiore, in quelle specifiche colonnine di ricarica che permettono di offrire una potenza almeno 43 kW e fino a 50, la ricarica avverrà in modo particolarmente veloce, dal momento che presso queste stazioni bisognerà attendere semplicemente 30 minuti per poi poter riprendere a circolare con il proprio veicolo.

Stazione di ricarica domestica

Un altro interrogativo particolarmente importante, a proposito della ricarica della propria auto elettrica, riguarda le stazioni di ricarica domestica. Si tratta di dispositivi che vengono montati, grazie all’intervento di un professionista, all’interno di un garage. Definite anche wallbox, dal momento che sono applicate al muro, le stazioni di ricarica elettrica riescono a garantire una potenza di circa 3 kW: per questo motivo, rispetto alle stazioni di ricarica rapida che possono essere incluse all’interno di esercizi commerciali, bisognerà attendere sicuramente di più in termini di ore, ma si avrà la comodità di ricaricare la propria automobile direttamente a casa, senza dover raggiungere un luogo specifico o un esercizio commerciale. Naturalmente, sostenendo un costo aggiuntivo, sarà possibile anche effettuare un upgrade della propria stazione di ricarica, per giungere fino a circa 7 kW di potenza e velocizzare i tempi.

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI